Passa ai contenuti principali

DOPO MEZZANOTTE...


.... di Teresa Medeiros


Erano mesi, forse anni, che attendevo un romance sui vampiri e finalmente l'attesa è finita! Aggiungerei anche nei migliori dei modi visto che Teresa Medeiros è un'autrice assolutamente di punta e una delle mie preferite!
La storia inizia con i vaneggiamenti di Portia, la minore delle sorelle Cabot, fermamente convinta che Vivienne stia per sposare un non morto. Caroline, la maggiore, oltre che la più pratica e razionale delle tre, tenta di placare la sua fervida immaginazione, ma ritiene opportuno accertarsi personalmente che lo spasimante della sorella sia un uomo per bene.
Quando lo conosce, giusto per stare dalla parte dei bottoni, inizia a indagare un po', perchè effettivamente la vita di Adrian Kane è oggettivamente discutibile.
Esce sempre dopo il tramonto, in casa non ha un solo specchio, e un ispettore di polizia sta cercando degli indizi per incastrarlo, ritenendolo responsabile della sparizione di giovani donne.
Caroline però è una donna con i piedi ben piantati per terra, ed è convinta che ci sia una spiegazione più che logica a tutto questo. In ogni caso qualcosa di innaturale in quell'uomo ci deve essere perchè lei mai, assolutamente mai, si è sentita così attratta da qualcuno, tanto più dall'ipotetico futuro cognato... una cosa tanto assurda e immorale che per essere vera deve essere per forza la conseguenza di un incantesimo!
La domanda adesso è questa. Adrian Kane è realmente un vampiro?
E suo fratello Julian? Pallido, etereo, misterioso, tanto enigmatico da aver stregato subito la fantasiosa Portia, la quale, improvvisamente, non prova alcun disturbo al pensiero che quella possa essere una famiglia di succhiasangue... anzi!

Tra dialoghi ironici, bui sotterranei e tetri gargoyle prende vita una storia di mistero e amore, ma dalle premesse (molto appettitose!) mi aspettavo qualcosa di più. Cosa? Probabilmente più empatia con i personaggi, che ho sentito distaccati; Caroline mi ha divertito in determinate situazioni, in altre mi ha lasciato del tutto indifferente, mentre Adrian è descritto più per come agisce che per come pensa. Ci si incuriosisce riguardo alla sua identità, ma non si resta coinvolti dalla sua personalità, nonostante battute azzeccatissime che farebbero sciogliere un iceberg.
Al contrario Porta e Julian, catturano la scena e catalizzano l'attenzione su di loro, rendendo il seguito "The vampire who loved me" un acquisto obbligato!
Il finale poi è uno dei più frettolosi mai letti (colpa dei tagli? chissà!), perchè anni e anni di estenuanti ricerche vengono liquidati in poche righe. Certo un colpo di fortuna può capitare a chiunque, ma la storia è ben congegnata, la suspanse in continua ascesa, pertanto anche in questo caso si poteva pretendere di più.
Sicuramente molte lettrici apprezzeranno comunque il romanzo, per lo stile inconfondibile e frizzante dell'autrice e le battute ora taglienti, ora passionali che non mancano di regalare sorrisi e batticuori.

Evidentemente sono io che pretendo troppo dai vampiri adorando Anne Rice, autrice che non teme confronti e non mi azzardo neppure a farne, visto che la Medeiros scrive romance e non horror.
Resto in attesa del seguito, sperando in qualcosa di meglio, nonostante questo titolo si meriti ampliamente la sufficienza!



Come molti sapranno,il genere vampiresco,ancora non e' entrato nelle mie grazie.
La recensione quindi non e' farina del mio saccco,ma una gentile concessione di:
leggiamo.altervista.org,

Commenti

  1. Questo libro è proprio bello, secondo me Rosaria dovresti provare anche perchè sono sicura non ne rimarrai delusa!

    RispondiElimina
  2. Interessante questo libro! Peccato che non lo riesca a trovare in nessuna libreria...Qualcuno sa dirmi dove posso acquistarlo? Non lo trovo nè in negozi specializzati, biblioteche...Pure le librerie virtuali lo reputano ignoto!!!In ogni caso, buona lettura!^^ Ely

    RispondiElimina
  3. Dovresti provare nell'usato, nei mercatini o prova su comprovendolibri un negozio virtuale dell'usato.
    facci sapere se lo hai trovato

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…