Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Il lettore critico

Non sono solo...romanzetti!

Direttamente dalla scrivania di June Ross

Eccomi di nuovo, con la mia tastiera QWERTy, che le bloggerine odiano perche' non ha accenti, ma che io adoro perche' mi fornisce un'ottima scusante: non sono io che non so scrivere, ma e' la tastiera difettosa.
 Ricordate quella vecchia canzone di Bennato? Faceva all'incirca cosi':
" ....sono solo canzonette, non mettetemi alle strette..." Bennato si difendeva cosi'(apostrofo da intendere come accento. Contente bloggerine?). 
 E i libri che amiamo? Li consideriamo "solo romanzetti"? Oppure ci danniamo l'anima quando ci accollano la definizione di casalinghe disperate che leggono cosine superficiali, senza spessore? Oh, quanto ci intossichiamo(traduzione, incaxxiamo!)
Eppure non ci ribelliamo davvero quando gli autori peccano di inaccuratezza. Accidentaccio, ma come si fa ad aiutare questa nave che sta affondando? 
Non si puo' criticare assolutamente, niente e nessuno, altrimenti sei tacciata …

Facciamo un po' di ordine

Direttamente dalla scrivania di Libera

Scrittori che si lamentano, lettori che si lagnano, mood che nascono, categorie che muoiono… e basta!, oggi facciamo ordine in libreria. O almeno vi dirò, cosa penso, io, possa essere un libro da spiaggia, o da pattino, quale da divano... etc etc Innanzi tutto chiarezza. Ci sono fin troppe idee ed etichette al momento, che significa per esempio libro da spiaggia? E c’è davvero differenza con quello da ombrellone? Se parliamo di letture da piscina o pattino, a me viene l’idea che il libro non sia gran che e quindi che ci potrebbe essere la tentazione di annegarlo! Ma un simile epiteto, senza un’adeguata spiegazione, non resta del tutto personale? Come può comunicare qualcosa ai colleghi lettori? 
 Per questo mi è venuta l’idea di questo catalogo, in cui la definizione sarà associata a determinate caratteristiche. E forse a qualche esempio. Tenendo ovviamente conto che molte letture sono in digitale, quindi eventuali lanci al muro o in mare potranno…

Pubblicità ed estratti: inviti o moniti?

Direttamente dalla scrivania di Libera Rubrica: Il Lettore critico. Eccoci ad un nuovo appuntamento con il lettore critico. Oggi parleremo di come e quanto presentare i propri libri. In particolare vorrei capire se la cattiva pubblicità, o quella molesta, può diventare un deterrente.
Riallacciandoci al primo post( che potete rileggere a questo LINK),voglio restare nell’ambito degli errori e della relativa responsabilità e sottoporvi un’altra questione.
Permettere la lettura di un estratto del romanzo non assicura il depistaggio delle fregature, ma aiuta!
Leggere qualche riga, o pagina, può dare un’idea dello stile dell’autore e dell’ambientazione del romanzo, ma non salvare il lettore da eventuali errori o stravolgimenti successivi.
Capita che anche alcuni blog propongano estratti vari come pubblicità e vetrina.
La prima domanda (vi sarete abituati ormai...) che mi sovviene è: come scegliere l’estratto giusto?
In generale si tende a proporre le prime pagine di un romanzo. Spesso il prologo d…

Correttore di bozze con manie di grandezza.

 Direttamente dalla scrivania di Libera
In quest’era di self-publishing e di risparmio la figura del correttore di bozze è in via di estinzione, se non già estinta, anche se trovo che sarebbe ancora più utile di prima. Soprattutto se potesse accompagnare  la correzione di refusi e formattazione con un editing, anche leggero.
Gli errori nei testi stanno diventando così frequenti da essere quasi scontati, senza però essere in saldo i libri!
Oggi voglio parlarvi però di un aspetto preciso di tutto il processo di pubblicazione: la responsabilità dell’errore.
Di chi è la colpa se un testo è pieno di refusi e strafalcioni grammaticali o sintattici?
In caso di self-publishing è facile: dell’autore. Infatti è l’unica figura che cura tutto il procedimento.
Quando però c’è una casa editrice a garanzia del prodotto, la colpa va spartita? E in quanti?
Un errore ci può stare, soprattutto se l’autore, preso dalla vena creativa, lascia “comandare” i vari programmi di editor di testi e le loro correzioni a…