Passa ai contenuti principali

SENTIMENTI RIBELLI

...di Sonia Caporali.

Ed eccoci ad una scrittrice Italiana emergente!

La recensione e' di Barbara,alias LALLETTA!





Veramente bello, ironico, passionale e ... romantico.
E' stato una lettura molto piacevole e rilassante ... ed anche divertente ...

La prima cosa che ho apprezzato sin dall'inizio sono stati i personaggi. Tutti ben delineati, fedeli all'indole che li caratterizza ed ognuno fatto a "suo modo" e ben collocato nella storia.
Bellissima la scherzosa ma profonda e sincera amicizia tra Julian e Martin, i rapporti tra i vari membri della famiglia di Grace tutti profondamente legati ma dove ... come nella reltà ... non mancano discussioni.
Confermo che quello che più attira la mia curiostà è Morgan, adorabile Royce ... testa calda come Grace ... ed Elizabeth, così pacata, timida e riservata (mi sono divertita tremendamente quando Grace le chiede delucidazioni sui doveri coniugali ... la dolcezza della sorella nell'esporre il suo punto di vista ... contrapposta alla versione, non priva di particolari, di Royce). Non ti sei dimenticata neanche di dare un pò di dolcezza affettiva al padre, fedele all'amore della moglie ormai perduta, ma che alla fine cede ad una donna un pò folle (contrapposta al suo carattere).

Premetto che questo libro mi è piaciuto molto in quanto adoro le storie dove c'è una costante tensione tra i due personaggi (e ora passo a Julian e Grace) con caratteri completamente diversi e che cercano di imporre il proprio punto di vista ... fondamentale però è che non vanno mai totalmente l'uno contro l'altro ... dove cioè non si scambiano maleazioni ... in cui cercano di raggiungere i loro obiettivi, i propri sogni ma senza danneggiare l'altro. Il loro matrimonio parte, sì con una forte passione, ma senza amore. Tutti e due però compiono il passo con le migliori intenzioni. Lui è vero che la sposa solo per avere un erede (o una cavalla da monta ... come spesso si sente Grace) ma si propone comunque di rispettare la moglie, di rendere questo matrimonio sereno. Grace dal canto suo ha tutte le intenzioni di essere una brava moglie ed una buona madre. Il personaggio di Julian l'ho apprezzato particolarmente. Un uomo che è diventato freddo e cinico per necessità, che ha ben chiare le proprie responsabilità per perpetuare gli Ashford.
Esilaranti le loro discussioni ... troppo forte quando lui comincia a contare prima di buttare giù la porta, e tutti i servitori ed il maggiordomo rimangono allibiiti alla scena, abituati al controllo del proprio padrone.
Adorabile Grace che alla fine si concede totalmente a Julian senza riserve e che sino alla fine ... anche dopo tre figli ... arrossisce ancora alle sensuali provocazioni del marito.
Interessante anche l'alone di mistero del passato di Julian ... e divertente il modo in cui Grace scopre la verità :-).
Coinvolgente poi l'amore che lui prova per lei, che non vuole riconoscere e che accetta nel momento in cui rischia di perderla.

Devo ammettere che ho ritrovato molto lo stile della Woodwiss ... con una forte ironia, una forte caratterizzazione dei personaggi compresi quelli secondari, con una ricchezza di particolari dei luoghi e degli ambienti .... spero di averti fatto un complimento! :-)

Non posso che farti i complimenti per il tuo libro e non mi resta che aspettare i seguiti :-)

BY Barbara aka LALLETTA.

Commenti

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

Sposare uno sconosciuto di Lisa Kleypas

Trama La bellissima Lysette Kersaint, fuggita dal patrigno per evitare il matrimonio con un uomo che detesta, trova suo malgrado protezione presso il temibile proprietario di una piantagione. Non è infatti una buona reputazione quella di Maximilien Vallerand, noto per la sua crudeltà e le sue terribili collere, e con un misterioso passato. Addirittura si mormora che abbia assassinato la sua prima moglie. E quando scopre che Lysette è fidanzata con il suo nemico di sempre, decide di usarla per ottenere vendetta. Ma presto la bellezza e il cuore innocente di quella ragazza risveglieranno in lui un sentimento genuino, prologo di una passione travolgente… Per leggere la nostra Malelingua, cliccate su continua a leggere.