Passa ai contenuti principali

JULIE GARWOOD....risponde!



Come descrivereste un libro della Garwood?
Beh,io come una favola!

Eppure,benche' adori il modo di scrivere della Garwood,ho detetastato LA DOTE DI SARA,dove l'eroina si poteva chiamare tranquillamente "oca"!

E' vero che quasi tutte le eroine della Garwood sono descritte cosi...
Un po' svampite,molto ingenue,e con dei ragionamenti....boh?
E' che forse io vedo le cose dal punto di vista di una donna del XXI secolo?

Ed allora l'ho chiesto direttamente alla signora Garwood:

Domanda:
Not many of your books have been translate into Italian (sob!)...but I really enjoy the medieval period that you write about!!!
I have a question for you and I like to post your response in my blog:

In most of your books the lead female characters are always young, inexperienced, and they make a lot of mistakes and my friends and I are curious as to why you choose to use such characters. We were wondering if you've written stories with strong women but they just haven't been translated into Italian yet?


Non molti dei tuoi libri sono stati tradotti in Italiano(sob!),ma mi e'veramente piaciuta la saga medioevale.

In molti dei tuoi libri l'eroina e' sempre giovane,inesperta,che combina tanti guai. Io e alcune amiche siamo curiose di sapere perche' descrivi cosi le tue eroine.Vorremo sapere se hai scritto romanzi ,ancora non tradotti in Italiano,con donne dal carattere forte.

RISPOSTA:
Hi, Rosaria.
I'm so glad you like my medieval books.
The women in these stories may appear to be weak or inexperienced, but that's only because of the culture they lived in. Women did not have many rights in the Middle Ages. I've always tried to write about women who have strength of character. If you'll notice in my stories, the women may find themselves in a predicament, but they never completely depend on a man to save them. They are independent and try to solve their own problems. For that time period, I think they would be very strong.
Thanks so much for your email and your interest in my work.
Julie


Ciao Rosaria,
Sono felice ti siano piaciuti i miei romanzi medioevali.
Le donne in queste storie potrebbero apparire deboli o inesperte,ma e' solo a causa della cultura in cui vivevano.Le donne non avevano molti diritti nel Medioevo.Ho sempre cercato di scrivere di donne con una forte personalita'.
Se hai notato,nelle mie storie,le donne si sono potute trovare in situazioni precarie, ma mai completamente dipendenti da un uomo per essere salvate.Sono indipendenti e cercano di risolvere i loro problemi.
Per quel periodo,penso che dovevano essere veramente forti.

Commenti

  1. sono d'accordo con la garwood. trovo stupidi i libri dove le donne del medioevo / rinascimento si esprimono e muovono liberamente perchè amo i lieto - fine e non mi piace che l'eroina finisca sul rogo per stregoneria. il pregio delle donne della garwood è di essere capaci di credere nell'amore e nel loro uomo. nonostante tutto... non sarebbe bello se ache noi ci riuscissimo a volte.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…