Passa ai contenuti principali

L' 'alba dei sogni - seconda parte.


Ne abbiamo gia' parlato dell'ALBA DEI SOGNI della Kleypas, ma non ho potuto resistere nel mettere questo post.

Due ragazze, Monica Jem ed Eleonora,hanno letto entrambe L'ALBA DEI SOGNI,e si sono ritrovate completamente discordanti!
Mi sono cosi divertita a leggere questi pareri,che ho voluto rendervi partecipi.
Carissimi,il mondo e' bello perche' e' vario!


Commento di Monica Jem:
Ho terminato l'Alba dei sogni, Kleypas e volevo anch'io lasciare il mio
commento: Non mi è piaciuto! Si secco così. Non c'è altro modo di dirlo.
Se non fosse una scrittrice dello spessore della Kleypas (di cui ho letto in
spagnolo Suddenly you, molto simpatico) o un libro così apprezzato da tutte lo
avrei chiuso senza pensare troppo al motivo per cui non mi era piaciuto. Invece
sentendo tutti i vostri commenti positivi ho pensato: "Ma come!?" e quindi
questo mi ha fatto riflettere del perchè l'ho trovato brutto!

Una delle cose che probabilmente non mi ha fatto scorrere il libro dall'inizio
forse è la vedovanza di lei, secondo me trattata malissimo nel libro. Sarà che
quest'uomo morto così giovane mi faceva una tenerezza infinità e quindi questo
continuo confronto in cui lui rimaneva perdente mi faceva una rabbia...! Eccerto
un uomo normale paragonato a questo semi-dio che è Zach nn può che essere
inferiore. Lei addirittura lo accusa di non aver lottato per non morire é__é che
tristezza!!!!!
Per me invece nel paragone normalità - divinità vincono i normali 10-0 ^__^ sarà
che con un semi-dio avrei problemi di confronto...
Lei l'ho trovata "trasparente" nessuna personalità degna di nota, a parte che
come tutte le nostre eroine fino a tre pagine prima dice e pensa una cosa, dopo
due pagine cambia idea... severa e irreprensibile vedova ad amante appassionata
nella serra... bah!
Quello che nn ho sopportato proprio è lui: LO VOGLIO, DATEMELO, LO VOGLIO...
Un bambinone viziato. Meglio: un bambinone idiota viziato. Un bambino di tre
anni agirebbe con più criterio e intelligenza di lui.
E poi questa sua "divinazione" e questa sua scalata al potere oltre che irreale
è anche fastidiosa, qualsiasi cosa tocca è oro, nn ha mai avuto una sconfitta...
e tra l'altro si vede, non ha spessore, carattere, non ha personalità.
Era un libro che è rimasto sempre troppo in bilico tra un leggero, divertente e
tra uno con maggiore spessore psicologico. Non era nessuno dei due ed è stato
per me un disastro.
Un besito Monica (jem)


Risposta di Eleonora:
Ciao!
Ho letto attentamente le tue critiche e...
Premetto che a me il libro mi è piaciuto moltissimo!
Il discorso vedovanza non l'ho amato molto nemmeno io,ma almeno a me
ha trasmesso l'impressione di un amore giovanile che non ha avuto
tempo di crescere e maturare, che è rimasto nei riscordi di lei
perfetto anche perchè non completamente "vissuto"...
Un uomo a modo, parte per tutto e in tutto della sua classe sociale
(per inciso:anche il suo modo di far l'amore è tutto dato dai
dettami ricevuti-al buio e senza passione)
Zack non l'ho vissuto come te, una sorta di semi-dio, ma piuttosto
uno che ha lottato per raggiungere una "posizione" e che non si
vuole negare più niente dalla vita! Insomma, uno che ha ricevuto
tante pedate nella vita (soprattutto da quelli del bel mondo) e che
non vuole più farsi rifiutare nulla...(vedi il fatto che la madre
non si adatta, ma lui cerca sempre di elevarla!)
La loro storia la trovo emozionante:per lui all'inizio lei
rappresenta solo un altro pezzetto di quella società che non
l'accetta completamente e vuole "circuire" per dimostrare che può
ottenere tutto ora che finalmente ha i soldi e quindi il potere
(vedi quanti della buona società si affidano a lui).
poi si accorge della personalità di lei e diventa fondamentale
conoscerla meglio come essere umano, al di là che come donna(la sera
resta con lei e diventa un' abitudine chiaccherare e parlare).
Comincia insomma a confrontarsi e si rende conto pian piano che
quella persona diventa per lui essenziale, parte della sua vita.
Forse è proprio questo ho amato: queste scene "casalinghe"!
Anche il loro distacco l'ho vissuto in prima persona...
e' vero che lui non si vuole negare niente e la tratta male, come se
gli avessero negato qualcosa, ma quando lei torna è bellissimo cosa
trasmette con una parola quando lei dice"mi avevi detto che non mi
avresti dato una seconda possibilità"
e lui "per te anche miglioni, migliaia di possibilità":e qui mi sono
innamorata di lui alla follia.... Come può uno viziato dire una
parola del genere?!
Anche la parte della malattia (che molti hanno trovato eccessiva) è
perfetta sia perchè rappresenta il giusto distacco per lei dal suo
defunto marito e anche perchè ... le hai rilette le parole di lui?!
Io l'ho semplicemente adorato!


Foto : Robert Papp

Commenti

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…