Passa ai contenuti principali

L'amore ha un suo prezzo.

Ogni tanto,qualcuna di voi,mi chiede a proposito di film d'amore.

Sara si e' offerta volontaria nel recensire un film romantico che le e' piaciuto molto!
Nevvero Sara,che non ti ho minacciato per farti scrivere questa recensione?
^_____*






The Wedding Date - L'amore ha il suo prezzo


Interpretato da :
Debra Messing
Dermot Mulroney
Regia:
Clare Kilner.

Una commedia americana incentrata sulle vicende sentimentali che ruotano intorno al matrimonio.
Kat, single trentenne e donna in carriera deve ritornare a Londra per presenziare, come damigella, al matrimonio della sorellastra.
Ma ritornare in Inghilterra, dove è cresciuta, significa affrontare tutti i suoi demoni personali: il suo ex-ragazzo, la sua solitudine, la sua infelicità. Decide di affrontarli pagando un gigolò che la accompagni e che finga di essere il suo compagno. Iniziano così le (dis)avventure di Kat. Tra partite di football, feste di addio al celibato, tradimenti, sbronze, incomprensioni, riappacificazioni e sesso sboccia l’amore tra Kat e Nick.
Lei è insicura, infelice, imbranata sensibile, in apparenza fragile ma con una grande dose di coraggio, intelligenza e ironia. Dall’umorismo pungente e dalle maniere goffe, affronta gli ostacoli che il destino le mette davanti con una strana miscela di pessimismo e autoironia; miscela che si rivela inevitabilmente quella giusta per giungere al lieto fine.
Debra Messine, impersona alla perfezione il suddetto ruolo.
Zitella nevrotica già apprezzata nella sit-comedy “Will&Grace”, la Messing riesce a interpretare la parte con naturalezza e facilità, non deludendo gli spettatori.

Nick (che chi come me ama il fascino di Dermot Mulroney sarebbe ben contento di assumere!) è sicuro, forte, un uomo tutto di un pezzo. All’inizio, Nick non riesce a mantenere il proprio proposito di professionalità e rimane sentimentalmente coinvolto, affascinato dalla vitalità, che nonostante tutto è proprio di Kat.
Il fascino di Dermot Mulroneyn, non solo permette che l’appellativo “bello” affibiatogli spesso non risulti ridicolo, ma rende oltremodo deliziosa l’esibizione che l’attore da di sé e delle sue qualità interpretative, calandosi nel ruolo dell’ accompagnatore professionista.

Questo film non è stato molto apprezzato dalla critica.
Io personalmente l’ho trovato divertente e romantico apprezzando entrambi gli attori protagonisti, le scene frizzanti e persino la conclusione, a mio giudizio, un po’ affrettata.
Certo si tratta della prevedibile commedia a lieto fine, ma altrettanto certo che permette di trascorrere piacevolmente poco più di un’ora.
Io lo consiglio e il mio voto è un 7!

Tratto dal romanzo “Asking for Trouble” di Elizabeth Young (Alt! Leggete bene: MAI TRADATTO IN ITALIANO, quindi, per quelle che come me non leggono in inglese,questa non e 'una buona notizia !)

Sara.





Grazie tantissimo,Sara!

Commenti

  1. Lo hanno dato qualche mese fa in tv e... mi era piaciuto tantissimo ^__^ Poi io adoro le comemdie americane, romantiche e divertenti. I due protagonisti sono stati bravissimi: lui è non è niente male :-P e lei è simpaticissima. Ottima recensione, brava Sara! :-D

    Sonia

    RispondiElimina
  2. Bella recensione...
    Anche io l'ho visto e anche se non è un capolavoro, è divertente e romantico.
    Effettivamente affrettata la fine...

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…