Passa ai contenuti principali

IL sondaggio e' finito....

...ed eccovi qui le conclusioni!

Direttamente dalla scrivania di Llucya!

Ha vinto la romanticissima dichiarazione n. 1.

"Ti troverò. Te lo prometto. Se dovrò sopportare due secoli di purgatorio, duecento anni senza di te…allora vuol dire che sarà la punizione che mi sono meritato per i miei crimini: perchè ho mentito, ucciso, rubato e tradito. Ma c’è un’unica cosa che ristabilirà l’equilibrio. Quando sarò al cospetto di Dio, ci sarà un’unica cosa che farà pendere la bilancia in mio favore, contro tutto il resto…Signore, mi hai dato una donna straordinaria e... Dio! io l’ho amata tanto." (("La Straniera", D. Gabaldon - Jamie Frazer a Claire Randall)

Distanziata di poco, 4 voti mi sembra, si piazza SECONDA la dichiarazione n. 4.
“Ti seguirò nella prossima vita, non ti libererai mai di me. Ti seguirò e attraverserò l’inferno e il paradiso per te”
(“L’alba dei sogni” di L. Kleypas – Zachary Bronson a Holly Taylor)


Innanzitutto vi ringrazio, come sempre. La dichiarazione bisognerebbe farla a Voi che partecipate ai sondaggi, votate, discutete, vi entusiasmate o vi infervorate, gratificando così questo mio hobby. Grazie, siete tutte, ma proprio tutte, irripetibili.

Ora veniamo a questa tradizione del cappellino di fine sondaggio, che si fa sempre più difficile e più appassionante insieme.

Emergono aspetti di noi che ci rendono simili, tutte, proprio tutte, a delicate e aggraziate fatine multicolori.



Sì, fatine, anche quando berciamo contro il vigile che ci ha appena fatto la multa o inseguiamo il figlioletto ululandogli dietro perché non ha fatto i compiti.
Fatine sensibili e delicate, anche quando
…imprechiamo contro il capo che ci abbruttisce,
…inveiamo contro il marito che ci avvilisce,
…ci deprimiamo per la prole che ci sfinisce o
…azzanniamo la collega che non ci capisce!

Siamo - dentro di noi - fatine idealiste che sognano di essere oggetto di un amore totale, appassionato, un amore che vada al di là del bene e del male.
Perché se ci fate caso, le due risposte che sono andate per la maggiore non sono pacate, razionali manifestazioni di tenerezza o di affezione, o manifesti programmatici di vita futura in comune.

No, le frasi che “hanno vinto” sono dichiarazioni appassionate, quasi violente, di una pervicace volontà di averci, nonostante tutto e al di là di tutto.
Mi vien da dire che sappiamo il nostro valore e vorremmo essere desiderate quanto meritiamo, ma sembra quasi troppo facile, come considerazione.

In realtà, probabilmente nella vita quotidiana “ci accontentiamo” di vivere in un regime di razionalità, dato che volenti o nolenti siamo costrette ad essere civili, moderate, equilibrate, nel lavoro e nel privato.

E dato che siamo fatte non solo di cervello e calcoli, ma anche di carne, sangue e sogni, vorremmo che – almeno nella dimensione dei sentimenti - non ci fossero limiti.
Le dichiarazioni che hanno vinto sembrano suggerire un desiderio di assoluto.
A fronte di vite quotidiane e lavorative che ci vedono, nostro malgrado, piegarci ai più svariati e futili compromessi (pur minimi, ma sempre mortificanti), vorremmo che almeno nella dimensione del sentimento, l’amore profumasse di assoluto.

Al prossimo sondaggio.


Lucetta (LLucya73)

Commenti

  1. Lucya i tuo sondaggi sono strepitosi, ma il tuo modo di interpretarne i risultati va davvero oltre...

    Sono ripetita lo so ma BRAVA BRAVA BRAVA!!!!!

    RispondiElimina
  2. E ancora una volta BRAVA Lucya!
    Soprattutto perchè mi identifico perfettamente con la tua descrizione!
    Mi piacerebbe avere qualcuno che mi consideri l'unica cosa importante della sua vita, senza interferenze esterne e con una voglia quasi "violenta", folle di avermi...
    10 +

    RispondiElimina
  3. Lucetta sei fantastica!!!
    Io faccio parte della numero 2 ma nelle tue conclusioni mi ritrovo alla perfezione...
    Hai fatto un'analisi superdettagliata di ciò che tutte noi vorremmo dal nostro Lui..
    Aspetto con trepidazione il tuo prossimo sondaggio(sono sicura che ce l'hai già bello é pronto!!!)
    Barbara (Grosseto)

    RispondiElimina
  4. llucya73@yahoo.it17 dicembre 2007 11:54

    Grazie a tutte per la fiducia accordata (direbbero le ditte serie!)....

    Cmnque, Barbara ha ragione... nuovo sondaggio e video sono gi� belli pronti!!
    bacio bacio
    LLucya73

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…