Passa ai contenuti principali

Nati nemici...

...di Virginia Henley!


La storia della Scozia,in questo romanzo,sicuramente non passa inosservata.
Ma non ne fa un romanzo storico,piuttosto lascia addosso una curiosita'(almeno a me ha fatto questo effetto) di conoscere i luoghi descritti!

La smania di ricercare un immagine che mi riportasse nel passato con Tina la Rossa e Lo Sperone di Fuoco,e' stata tanta...




"Potremmo passare un anno intero visitando le fortezze di Douglas. Voglio mostrarti Tantallon. E' qualcosa di speciale, tutto guglie di arenaria rosa in cima a una rupe che domina il mare. Ancora piu' spettacolare di Tantallon e' il Castello di Dunbar. La fortezza s'innalza su cumuli di roccia nuda,sostenuta da colonne emergenti dal mare,ed e' tutta un groviglio di ponti trasformati in corridoi coperti. E' la cosa piu' curiosa che abbia visto."


E la storia d'amore?

Per la Henley, credo, che il filo conduttore sia sempre lo stesso:
lei una giovincella(16-18 anni),
lui,sempre piu' grande di eta'(in questo romanzo ne ha 32)e sempre nemico...

Eppure,benche' con degli schemi fissi, il romanzo non annoia,non ha dei cali nella storia,ma continua a imprigionarti nelle sue pagine!

Sesso?
A iosa!
Immaginate che in questo romanzo ho scoperto che esistono "le palline delle gheishe"! ^______*

Insomma la Henley e' una di quelle autrici che si odia o si ama!
Non si puo' rimane indifferenti davanti a Ram Black Douglas:
o lo ami o lo vorresti prendere a schiaffi!






juneross

Commenti

  1. Lo facciamo diventare il prossimo "presta libro"??
    Scherzo...so che ci tieni molto..potrebbe disperdersi nei meandri delle Poste Italiane...
    Baci

    RispondiElimina
  2. Mi hai proprio incuriosito, ero rimasta delusa dal libro sempre della Henley "Quel che voglio da te", ma voglio dare un'altra possibilità a questa scrittrice.

    RispondiElimina
  3. Che bello! Mi hai messo curiosità...

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,