Passa ai contenuti principali

TUTTO IN UN BACIO...

...di JULIA QUINN!

Sottotitolo(mio) :"Non sparate sul pianista!"

Direttamente dalla scrivania di Eleonora:
Possibili spoilers!



Finalmente dopo la solita attesa che crea un romanzo di una saga, ho messo le mani sull’ultimo libro della Quinn:“Tutto in un bacioDopo una serie di letture un po’ deludenti ho pensato:
“Finalmente mi rilasso con un’autrice che non delude mai!”.

Ora so che mi attirerò le ire delle amanti della saga, ma permettetemi di esprimere la mia profonda delusione: sicuro che lo ha scritto lei?

Avevo trovato l’ultimo romanzo, “Amare un libertino”, bellissimo, profondo e intrigante e forse mi ero creata troppe aspettative.
Fino alla proposta di matrimonio (che ho trovato atipica, ma in linea con la storia) ero abbastanza soddisfatta!
Ho ritrovato le solite battute argute della Quinn, le scene tenere (vedi dialogo tra Hyacinth e la madre) e una protagonista assolutamente deliziosa…
Ma dopo è stato uno...scivolone!
La prima volta è stata trattata in maniera anomala: calcolata e fredda...

Ora, capisco che la nostra eroina ha un carattere atipico, ma è pur sempre un’esperienza unica!

E lui, malgrado i motivi celati, era partecipe?
Se fosse stato colto da una passione insaziabile non doveva perdere il senso della realtà?

Chi mi conosce bene sa che io compro, leggo e amo i libri per l’eroe maschile, ma qui...
Non l’ho trovato: ho letto di un uomo ancora profondamente bambino con le stesse limitazioni e le stesse paure, ma fino a qui ci può stare malgrado io preferisca i duri dal cuore tenero!

A parte questo ho visto un personaggio solo narrato, nel senso che non si sa raccontare e non riesce ad emergere, a parte quelle quattro battute all’inizio!
E’ libertino si, ma chi lo dice?!
La gente...
È mascalzone si, ma chi lo dice?
La gente...

E lui che funzione ha?
Fa un piano preciso per rubare la verginità della sua bella, e poi rispunta alla fine per farle una dichiarazione bella: lo riconosco!!!
Ma in tutto il romanzo lui dov’era?
Beh forse non l’ho visto io mi sono detta! Non sono i tipi che mi coinvolgono.
Ma che ci possiamo fare del resto: è giusto che ce ne sia per tutti i gusti!

Ma tralasciamo queste che da ora in poi chiamerò incongruenze.
Cosa ne dite della fine?
Per me è da estirpare! Affrettata, inconcludente!
Dopo che finalmente Gareth dice ciò che pensa a suo padre,quello che fa?
Se ne va!
E allora?! Dopo un intero libro imperniato su questa storia liquida la faccenda così?!
Da non credere!

E vediamo questa eroina spavalda e tanto sicura di se da dire in ogni momento la sua senza preoccuparsi di niente e nessuno.
E che fa?! Diventa (per me s’intende) EBETE!!!
Ora capisco si sia innamorata e provi sentimenti nuovi e mai esplorati, ma come è possibile che perdi tutta la sua sagacia? Come è possibile che appena la tocca leggermente diventa incapace di intendere e di volere?

Non so non mi convince ‘sta storia.
E’ come leggere un libro che fino a un certo punto è stato scritto dalla Quinn e poi è stato continuato da qualcun altro!
Non c’è connessione, la famiglia Bridgerton non c’è (a parte la madre che si vede spessissimo), lady Danbury che è la nonna del nostro ganzo cessa di esistere dopo un inizio in cui era sempre presente.

Diciamo quindi che la mia impressione non è stata delle migliori: mi mancavano figure vive, presenti.

In poche parole, non ho trovato quelle belle figure che escono dal libro e si “impossessano” di te al punto da confonderti con la storia, da far diventare ogni emozione, ogni sentimento un riflesso delle tue sensazioni.
Insomma, mi sono mancati quelle forti emozioni, quei dolci batticuori che rendono un libro degno di essere letto e “vissuto”…

Eleonora


Continuo a ripeterlo: non sparate sul pianista!

Mah?!Io ti avverto Eleonora,ti troverai davanti un bel gruppo di donne scatenate!
In prima fila secondo me, ci sara' proprio la nostra Lucetta che aveva gia'difeso a spada tratta l'eroina del romanzo!Leggetelo QUI!!!!!!!!!

Pero'...pero' non e' detto che sia piaciuto a tutte...
Chi la pensa come Eleonora...alzi la manina! ^_____*


Juneross

Commenti

  1. Io la manina la alzo per OPPORMIIIII...
    Questo libro è stupendo e i protagonisti sono spassosissimi e teneri e commoventi!!
    DISSENTO DA ELE!!
    Raramente ho letto una storia graziosa come questa!!!
    Vabbè, tanto ho già detto tutto quello che penso di Hyacynth sul mio blogghetto, quindi...
    ilmondo è bello perchè è vario
    bacio
    lucetta73

    RispondiElimina
  2. Alzo la mano! Nemmeno a me è piaciuto molto, l'ho trovato noioso, una trama insulsa, personaggi (tranne la madre) fiacchi.
    Ho amato molto i primi libri di questa saga poi, secondo me, è un po' scaduta per risollevarsi con Amare un libertino e adesso...questo.
    Finora la Quinn per me era una garanzia, adesso non so...
    Lucy

    RispondiElimina
  3. Urka non ci credo!
    Un'altra lettrice a cui non e' piaciuto!
    bene bene...sta cosa si fa interessante ^______*

    juneross

    RispondiElimina
  4. Premettendo che ho messo giù le pistole.
    Io ho adorato questo libro in particolare per Hyacynth.
    Una ragazze normale,sveglia che quando si innammora perde un pò la bussola,ma essendo innamorata è logico.
    Ho ritrovato lo stile Quinn dei primi romanzi,ed è giusto che non ci sia la presenza forte di tutta la famiglia altrimenti si sarebbe tolto spazio ai protagonisti.
    Le scene con Anthony e Gregoty le ho trovate molto spassose.
    Cmq una saga è bella perchè è varia!

    Nonostante la divergenza di opinioni,Brava Eleonora!

    Germana

    RispondiElimina
  5. Quando ci sono pareri così contrastanti, l'interesse a leggere per farsi una propria opinione cresce a dismisura...peccato che, pur avendoli tutti, ancora debba iniziare questa bellissima saga!
    Ci vorrebbe una giornata di 48 ore!!!;)

    RispondiElimina
  6. E io che mi sto dando tanto da fare per recuperare tutta la saga...
    Ele di solito andiamo a braccetto con i gusti, speriamo che questa volta non sia così!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  7. Devo dire che mi trovo d'accordo a metà con Eleonora.
    Il libro non l'ho trovato nè brutto, nè bello, a metà classifica della saga Bridgerton. La protagonista all'inizio l'ho adorata, perchè mi sono immedesimata molto in lei....poi....un calo.
    La parte stonata di questo libro a mio parere è il rapporto tra i due protagonisti!
    Ps: Ma perchè la Quinn non parla mai di Francesca negli altri libri della serie?Mah...eppure le ha dedicato il libro più bello!
    Un bacio a tutte!
    Susa

    RispondiElimina
  8. Secondo me anche questa saga è troppo sopravvalutata. I primi romanzi erano migliori poi ha cominciato un pò a deludermi proprio a partire da Amare un libertino. Questo devo ancora leggerlo ma è in lista d'attesa...

    RispondiElimina
  9. Personalmente, non ho ancora letto il romanzo della Quinn...
    In genere accade che quando si parla troppo di un romanzo,la mia curiosità aumenta...

    E'una gran fortuna che non mi lasci condizionare eccessivamente dalle recensioni altrui...

    Baci

    Concetta

    RispondiElimina
  10. Già letto e apprezzato. Consiglio a tutti anche la via, il viaggio e le lacrime perse, è sublime!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…