Passa ai contenuti principali

"Che eroina sarei"...tiriamo le somme!

Si è concluso un altro sondaggio...
Lo penso mentre ticchetto sulla tastiera del portatile davanti alla finestra. Avete votato in tante, tantissime!
Ringrazio (come sempre) Juneross dell’angolino che mi presta sul suo blog per i miei sondaggi e per i voli di fantasia che faccio quando penso alle vostre risposte e leggo i vostri commenti.

Questo sondaggio mi piaceva particolarmente. Sarà che le protagoniste sono sempre un tasto un po’ dolente, che raramente ci piacciono, sta di fatto che parlare dell’eroe è parecchio più facile, ma parlare delle eroine è molto stimolante...

Le risposte che avete dato:

1) il 61% di voi ha detto che – se dovesse interpretare l’eroina di un romance – sarebbe esattamente come è, compresa la bella idea di tampinare per prima il belloccio prescelto tra un valzer e una quadriglia.
2) Il 51% di voi ammette che sarebbe un’eroina “goffa e impacciata”, che probabilmente cercherebbe solidarietà nelle altre dame (con il rischio di sentirsi dire che la solidarietà femminile NON esiste, ma NOI sappiamo che esiste);
3) Il 21% di voi dice che sarebbe un’eroina formosa e provocante che non avrebbe timore di fare il primo passo verso l’uomo che ama.


Come sempre, mentre leggo l’insieme delle vostre risposte, penso ai commenti che avete lasciato e VI IMMAGINO...


Per quello che so di voi, che credo di indovinare dalle vostre risposte, guardo fuori dalla finestra e la mia mente vola e fantastica.
Mi piace il risultato di questo sondaggio: la stragrande maggioranza di voi ha ammesso candidamente che – qualora le capitasse di essere scritturata quale eroina in una delle nostre amate avventure - non vorrebbe viverle se non essendo se stessa.
La stessa persona che vive una vita frenetica nei tempi moderni non avrebbe alcun problema a catapultarsi così come è tra valzer e gite lungo la Serpentine (io mi rifaccio sempre al regency!! ^^).

Sapete questo cosa dimostra?
Che possiamo anche lamentarci di noi e avanzare qualche piccola autocritica, ma fondamentalmente ci piacciamo e viviamo bene con noi stesse. Che non vediamo particolare motivo di cambiare, nemmeno ipoteticamente,nemmeno per vivere una storia di pura fantasia.
Questo è bello e fa bene.
Perché anche se ognuna di noi magari pensa che potrebbe essere migliore, più paziente, più ordinata, più gentile, meno frettolosa, più magra (sigh!) o più curata...alla fine ama se stessa e si accetta per quello che è.

Una persona che decide di non modificarsi nemmeno ipoteticamente, nemmeno per rispondere a un sondaggio, è qualcuna che sa – al di là di doppie punte o collant smagliati sotto ai jeans (a volte capita!) – di essere assolutamente unica e speciale.
Personalmente, so esattamente che eroina sarei... mi sono divertita ad immaginarmi - senza barare – nel mio backstage

Un bacio a tutte voi, moderne eroine!!
^^
Lucetta (llucya73)

Commenti

  1. si anche io la penso come te...
    malgrado a volte abbiamo da ridire su noi stesse, sulle nostre pecche e i nostri difetti, alla fine ci accettiamo e "amiamo" così come siamo...
    Trovo che questo sia un segno di autostima utile e dimostra quello che ho sempre pensato: che ognuno di noi è unico nel proprio genere e che è speciale proprio per questo!

    RispondiElimina
  2. Lucetta anche io sono del tuo stesso parere..nonostante ogni giorno dica che mi farei volentieri un giretto dal chirurgo plastico..oggi il dentista mi ha proposto di modificare sensibilmente un dente che neanche si vede e ho rifiutato!!!
    Per un dente..figuriamoci se potrei pensare di essere diversa nel corpo e nell'anima..

    RispondiElimina
  3. Lucetta,come scrivi bene,hai reso con queste tue parole il vero risultato del tuo bellissimo sondaggio!!!

    Germana

    RispondiElimina
  4. ragazze, grazie a tutte di aver votato e partecipato!!!
    siete dei tesori!
    la vostra lucetta influenzata...

    RispondiElimina
  5. Ciao Lucetta,
    grazie a te!!!
    E'sempre un piacere votare e partecipare ai tuoi bei sondaggi!
    Sono felice,perchè anche stavolta,il risultato finale ha rispecchiato appieno il mio modo di essere e di pensare!

    Baci

    La tua stellina

    Concetta

    P.S.:Come va con il raffreddore?

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Sposare uno sconosciuto di Lisa Kleypas

Trama
La bellissima Lysette Kersaint, fuggita dal patrigno per evitare il matrimonio con un uomo che detesta, trova suo malgrado protezione presso il temibile proprietario di una piantagione. Non è infatti una buona reputazione quella di Maximilien Vallerand, noto per la sua crudeltà e le sue terribili collere, e con un misterioso passato. Addirittura si mormora che abbia assassinato la sua prima moglie. E quando scopre che Lysette è fidanzata con il suo nemico di sempre, decide di usarla per ottenere vendetta. Ma presto la bellezza e il cuore innocente di quella ragazza risveglieranno in lui un sentimento genuino, prologo di una passione travolgente…Per leggere la nostra Malelingua, cliccate su continua a leggere.