Passa ai contenuti principali

La Duchessa...

... di Jude Deveraux

Direttamente dalla scrivania di Angy:


Attenzione : Spoilers!

Era da un pezzo che gironzolavo intorno a questo romanzo, lo guardavo, lo prendevo, lo soppesavo e pensavo “nahh, la trama non mi ispira…”, e lo posavo.
Ma diamine la copertina mi piaceva…ed anche il colore …insomma era graficamente allettante!
E fu così che parecchio tempo dopo mi ritrovai in crisi d’astinenza da libri, sapete no? Quei periodi in cui ti compreresti pure i manuali di giardinaggio purchè si abbia qualcosa da leggere.
Così entrai in libreria, intercettai nuovamente la copertina e non lessi neanche la trama…mi bastò leggere sul retro solo sei parole:

“Un castello nel cuore della Scozia”

…Et voilà que le jeux son fait…
Lo abbrancai possessiva e mi fiondai a casa per leggere, tutta entusiasta di avere finalmente della carta tra le mani, tante belle parole che mi aspettavano, qualche aitante scozzese in kilt che sussurrava in gaelico…quindi potrete immaginare l’estremo fastidio, nooo l’estrema smania omicida che si impadronì di me allorquando, esattamente a pag. 16, mi venne descritto il su menzionato “aitante scozzese” come un vecchio sessantenne invalido…ma come! Il protagonista maschile bello, coraggioso e scozzese me lo fanno diventare un caso da ospizio?? Ma che storia è??
Ed è proprio un peccato perché l’eroina m’era piaciuta, decisa, sognatrice e con una mente acuta insolita per una donna dell’epoca.

A questo punto voi, mie care ragazze, oramai impietosite per la mia sorte avversa, starete pensando… “ma guarda un po’, era meglio che si risparmiava i soldi”… Eheheheh, ed è qui che vi voglio! Perché, vedete, solo poche pagine dopo, la sottoscritta perde letteralmente la nozione del tempo…vengo catapultata d’improvviso nella stanza del principe Carletto ad ascoltare rapita di scenari esotici e di mille avventure, in un luogo terribilmente decadente ed antico, un maniero nel cuore della Scozia dove la tradizione viene sfoggiata da un incartapecorito produttore di whiskey vecchio stampo che vive in una bettola e tirchio come non mai.

Un maniero ove la nobile famiglia scozzese che vi vive, tutti molto longevi attenzione, costituisce un’esaltante quanto assai divertente miscellanea di squilibrati allucinati ed artisti sconclusionati…per non parlare della famiglia americana della futura Duchessa (la protagonista, per intenderci).

E per tornare al “vecchio”…non abbiate timore, Trevelyan è solo un focoso trentenne un tantino provato all’epoca dell’incontro/scontro con l’eroina.
Immaginatelo:
irascibile, lunatico, orgoglioso e testardo, a dir poco appassionato di viaggi, un’infanzia terribile segnata da idiosincrasie familiari, ma con una intensità, un modo di osservare, di usare le parole, di narrare, che incanta…
Pare quasi che me lo sia trovato dinnanzi vero?? Ho avuto la stessa sensazione anch’io mentre leggevo e di questo posso solo ringraziare le qualità descrittive e stilistiche della Deveraux.

Anche la nostra Duchessa, Claire, non è da meno.
Da anni si deve sobbarcare due genitori immaturi ed irritanti ed una sorellina che la supera notevolmente in bellezza per cui immaginatevi pure le paranoie dannatamente attuali che la poveretta finisce per farsi!
Ed in tutto ciò come poter dimenticare il giovane Harry, il bellissimo e biondissimo Duca che lei si accinge a sposare…ebbene si, il caro Trevelyan dal fascino oscuro e tormentato, dovrà superare parecchi ostacoli per giungere al cuore di un’ereditiera americana appassionata di storia scozzese e convinta di amare il Bamboccione blasonato.

Jude Deveraux, a mio parere, ha creato un romanzo come non ne leggevo da tempo.
Uno stile scorrevole ed incalzante, personaggi primari e secondari di spessore, storia, avventure, gelosie e tensioni e sopra ogni cosa un amore che lotta per venire a galla, ma proprio per questo esplosivo.
Insomma per chi ama la Scozia e l’umidità, gli alterchi verbali e la passione più bruciante, vecchi scozzesi che declamano Bobbie Burns e suocere assetate di sangue, ebbene questo è il libro che fa per voi!


Angy

Commenti

  1. Leggendo questa recensione appassionante ho ritrovato tutte le caratteristiche che amo nel modo di scrivere (e descrivere) di Jude Deveraux. I suoi personaggi maschili sono sempre favolosi e le protagoniste, non sono mai scialbe, hanno peso e profondità. Ho questo libro in attesa, credo che ora lo farò passare avanti agli altri della pila... ;)

    RispondiElimina
  2. Brava Angy, una recensione affascinante. Non ho letto la Duchessa, ma conto di farlo il prima possibile! D'altronde, dopo queste parole che ci hai regalato, come potrei non farlo?
    Elisabetta

    RispondiElimina
  3. Brava Angy!
    Sicuramente questo libro adesso lo cercheremo tutte!
    Sembra davvero molto molto interessnate :-)
    Ciao
    Lety

    RispondiElimina
  4. bene, bene...voglio proprio leggermelo questo libro....vediamo se i gusti di Angy incontrano i miei...

    RispondiElimina
  5. Io l'ho in libreria, non so perchè ma proprio non mi ispirava, bhe dopo aver letto la tua recensione credo che lo metterò in quelli da leggere a breve

    RispondiElimina
  6. L'ho letto almeno un annetto fà, e lo ricordo ancora con molto piacere, ve lo consiglio !

    Gabriella

    RispondiElimina
  7. Un libro veramente simpatico e dolce...
    Bello lo stile e i personaggi.
    Leggetelo, Ne vale la pena sicuramente.

    RispondiElimina
  8. Ricordo di aver letto tempo fa questo libro quando era uscito per la Sperling e che mi aveva entusiasmata, l'avevo proprio letto tutto d'un fiato. Mi spiace di non aver avuto modo di leggere altro di questa autrice.

    RispondiElimina
  9. Ciao a tutte!
    Anche io l'ho letto tempo fa quando fu pubblicato dalla Harlequin mondadori...ricordo che mi piaque molto...mi riprometto di rileggerlo!
    Brava Angy!

    RispondiElimina
  10. Anche io l'ho letto recentemente(e ho fatto anche io una piccola -e meno elegante- recensione. Concordo su tutta la linea!

    Considerando che non mi ero aspettata chissà cosa, mi ha fulminata abbastanza!

    Mira

    RispondiElimina
  11. mi è piaciuto molto qesto post di Angy credo ke se me lotroverò davanti non esiterò aleggerlo qesto libro aspetto altri consigli saluti Dalia

    RispondiElimina
  12. l'ho letto tutto d'un fiato. è stupendo! mi è piaciuto un sacco!
    ottima la tua recensione, sembra proprio che tu ti sia innamorata di questo libro!

    Il personaggio secondario che mi è piaciuto di più è senza dubbio MacTarvit, sembra quasi la coscienza di Velly

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…