Passa ai contenuti principali

Strano ma ...vero! ( Lo sceicco)

Direttamente dalla scrivania di Aghi:

Se pensate di aver sentito tutto, di conoscere qualsiasi bizzarria sensuale e sessuale. Se pensavate di aver toccato il fondo con il Sexygate e il famigerato sigaro della Lewisky, non avevate ancora letto un libro di Connie Mason e, in particolare :
Lo sceicco.
Qui compaiono ripetutamente e vengono usati fino all’usura queste famigerate sfere, che mi è stato riferito esistono veramente e sarebbero anche facilmente reperibili! Per le istruzioni sull’uso vi consiglio di informarvi dalla Mason, visto che pare ossessionata da tale pratica.

In "Lo sceicco" le trovate utilizzate in più contesti, sempre allo stesso modo, visto che le varianti mi sembrano abbastanza limitate.
Si inizia dal protagonista che “minaccia” la protagonista di usarle (pagg.79-80)

"E’ te che desidero, Zara. Ho già provato a placare il desiderio che ho di te con le mie concubine, ma loro non sono riuscite a estinguere il fuoco che ho dentro".
Il suo braccio si curvò intorno alla vita di lei.
"Vieni, ti insegnerò dei giochi deliziosi molto più eccitanti di quelli che facevi con il tuo amante bandito."
Il suo sguardo penetrante la tenne inchiodata.
"Ti ha mai messo dentro le sfere d’argento? Quando ti muovi, o persino quando respiri, si toccano l’una con l’altra creando un rumore erotico che ti farà andare in estasi."

Zara ebbe un fremito, eccitata dalle parole seducenti di Jamal e dal tono della sua voce. Erano più sensuali della più intima delle carezze. Se non lo avesse fermato subito, avrebbe finito con l’implorarlo di mostrarle tutti i giochi deliziosi di cui le stava parlando.

"Risparmiateli per le vostre concubine", ribatté a tono Zara liberandosi della sua stretta.
"Sto benissimo qui dove sono. Prendete pure le vostre sfere d’argento e…"

"Basta così! Sei una femmina cocciuta con il cuore e l’anima di un guerriero berbero. Ti lascio sola per ora, Zara, ma ascolta le mie parole: sarai mia. Quando ti metterò dentro quelle sfere d’argento, m’implorerai di concederti il sollievo che solo io posso darti. Buona notte, mia dolce virago. Sogni d’oro"
L’espressione attonita sul volto di lei lo divertì. In cuor suo, le augurò di fare sogni erotici quella notte.

"Bastardo! Sterco di cammello)", gli gridò dietro. Nessun uomo le aveva mai parlato di quelle cose. Esisteva davvero un gioco erotico che si faceva con le sfere d’argento? Il solo pensiero di averle dentro di sé che si muovevano l’una contro l’altra la fece fremere per l’eccitazione.




Ce lo siamo chieste anche noi, in effetti! Ma non finisce ancora qui. Dopo la minaccia arriva anche l’esecuzione del “supplizio” e si presenta l’oscuro oggetto del desiderio…(pag 117-118)

"Parleremo più tardi." Una luce scura gli brillava negli occhi, una promessa di piaceri inenarrabili.
"Se ti sei riposata, potremmo provare a fare il giochetto erotico di cui ti ho parlato prima. Sei pronta a conoscere il segreto delle sfere d’argento?"

Zara lo fissava perplessa. "Io non penso…"

"Non devi pensare, devi solo lasciarti andare."
Scivolò con la mano lungo il corpo di lei, .......BEEEPPPPPPP

"Non devi aver paura", la rassicurò Jamal sollevando nella palma della mano due sfere lisce e perfettamente simmetriche.
"Vedrai che ti piaceranno e mi chiederai di rifarlo in futuro."

Zara ne dubitava. Anche se per anni aveva cavalcato con suo padre e frequentato uomini, era ancora innocente. Prima di Jamal, lei non aveva mai conosciuto quei piaceri erotici.BEEEEEEEEEEEEEEEEEEPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPPP

"Basta, vi prego, basta", lo implorò debolmente. "Mi state uccidendo."

Gli angoli della sua bocca sensuale si curvarono in un sorriso malizioso. "Ti avevo detto che ti sarebbe piaciuto." Tolse con cura entrambe le sfere d’argento infilandole di nuovo nella sacca.



La cosa deve essere piaciuta proprio alla nostra Zara, infatti Jamal molto carinamente le dice (pag 145):

"Hai persino imparato il gioco con le sfere d’argento godendo del piacere che ti davano. Non puoi mentire con me, Zara."


Se vi sembra di aver toccato il fondo, ancora non si finisce qui. Perché pare che in quasi tutte le case del Marocco si trovi un sacchettino con queste sfere. Così anche nel momento di peggior pericolo, quando i due protagonisti fuggono braccati dalle guardie del sultano, trovano il momento per sollazzarsi con le loro amatissime sfere. (pag 234)

Aghi

Grazie Aghi!Penso che ormai le nostre amiche avranno trovato il modo di leggere il libro.
Penso di contattare la Mason....secondo voi che domande potremmo farle nell'intervista? *__^
Juneross

Commenti

  1. Bé, si potrebbe chiederle se ha sperimentato le sfere personalmente! ;-)

    RispondiElimina
  2. Condivido appieno il pensiero di Luna,direi che hanno un significato particolare per questa autrice.
    Bellissimo articolo Aghi, complimenti.
    Il Beeep poi è favoloso!!!

    RispondiElimina
  3. Avevo già sentito parlare delle sfere (a una cena tra colleghe, ma non ditelo alla Gelmini) ma non penso di provarle. Ho già il mio da fare senza ulteriori variabili. Alla Mason chiederei cosa pensa del fatto che, a quanto pare, l'aggeggio incriminato sia ciò che ha colpito maggiormante la fantasia delle lettrici. Al suo posto mi preoccuperei un pò. Baci, Carla.

    RispondiElimina
  4. Brava Aghi finalmente ci hai parlato di queste famigerate sfere!!
    Potevi metterci anche la fotina tanto per rendere meglio!
    baci

    RispondiElimina
  5. Ale, alla fotina doveva pensarci June, anche se io non gliel'ho mandata! Avrei al momento qualche difficoltà a reperirla, ma ti prometto di fare una ricerca. Concordo con chi ha scritto che è terribile che di questo racconto ci resti il ricordo di questa stramberia, in effetti c'era poco d'altro!

    RispondiElimina
  6. Ummmm...sbaglio o le palline le state girando su di me?
    Dovevo mettere pure la fotoooo???
    siete insaziabili!
    fate una ricerchina su google, care amichette...e le troverete ^__*

    RispondiElimina
  7. Mihhhhh!!! Ho avuto la sventura di leggere anch'io di queste famose sfere!! ihihih...tra tantra, cannoli, linci e sfere mi sa che le autrici non sanno più che inventarsi!!!
    bravissima aghi!!
    baci angy

    RispondiElimina
  8. Ragazze con questa rubrica vi siete veramente scatenate!!!
    La Mason non la leggo mai appunto per questo: si trovano solo tecniche sessuali...
    Complimenti Aghi!

    P.S.
    Ovviamente Ross ci "gode" con queste cose strane! Al posto di intervistare la Mason, vorrei intervistare la Ross con le sue tecniche segrete!!!

    RispondiElimina
  9. Eleonoraaaaaaa!
    Donna d'onore fui...queste cose sconce mai le feci...ma ce posso' pensa'!

    RispondiElimina
  10. Eleonora........che dici cominciamo a raccogliere le domande per un intervista a June???Anzi forse è meglio una video-intervista....non vorrei perdermi qualche sfumatura.Ihihihih
    Baciotti
    Lara

    RispondiElimina
  11. Io amo Connie Mason e lo sceicco è uno dei miei preferiti.
    La Mason è una maestra nel descrivere le arti sessuali anche se vedendola non si direbbe proprio.
    Comunque le sfere è una tecnica molto usata nell'Oriente e nelle Indie e se cercate in rete troverete tante informazioni^-^

    RispondiElimina
  12. Mmmmhhh.....sfere sfere....non è che vi state immedesimando nello spirito del Natale e pensate alle palline dell'albero....vero??!!

    RispondiElimina
  13. Aghi, guarda che ti sta crescendo il naso. ^_^ La foto dovresti averla considerato che ti ho inviato il link in una delle nostre conversazioni su messenger. :P

    RispondiElimina
  14. Ciao
    concordo con Veronica, a me la Mason piace! Come domanda le chiederei perchè questo interesse per l'Oriente, (non mi ricordo bene e non vorrei confondermi, ma credo che ci sia anche un altro romanzo dove l'eroina è tentata dallo sceicco, pur amando il protagonista) e se pensa che l'amore per un orientale sia più intenso, originale anche nelle sue espressioni o tecniche amatoriali.
    Ciao Daniela

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…