La Sposa Ribelle di Julie Garwood

Siamo state buone per troppo tempo, vero?
Pensavate che non postavamo piu' le "MaleLingue"? Giammai!
Forza amiche del blog, se avete letto un romanzo che invece di farvi sognare, vi ha fatto venire voglia di riportarlo direttamente alla scrittrice... scriveteci:
junerosstaff@gmail.com, nel blog c'e' posto per tutte!

Oggi con mio sommo dispiacere...sigh! Lady Akasha , MaleLingua la mia amata Julie Garwood! Ma come si suol dire..."quando ce vo', ce vo'!"




Direttamente dalla scrivania di Lady Akasha.
Attenzione possibili spoilers.
Belle Donne,
su richiesta della nostra Juneross anch'io mi cimenterò in una MaleLingua. Perchè una MaleLingua??? Non riuscirei mai ad essere una Boccadirosa...:oDDDDD

Prenderò in esame un romanzo appena edito da Euroclub, della favolosa Julie Garwood:
La Sposa Ribelle.

Mi scuso con chi troverà questo libro appassionante, ma alla scrivente ha deluso largamente.

La storia sembra una brutta copia di Matrimonio Normanno, se non fosse stato scritto prima.
Elisabeth è piagnucolosa, iraconda, so tutto io, superficiale, egoista e molto sciocca, non la solita eroina Garwood forte ed energica.
Ha subito una tragedia non indifferente, però l'unico sentimento che veniva messo in evidenza era il suo desiderio di vendetta, ogni cosa sembra passare in secondo piano, persino il fratellino traumatizzato, che ha affidato tranquillamente ai domestici e lei si è rifugiata nella foresta.
Ricordo ancora Nicolaa (Matrimonio Normanno) disposta a tutto pur di proteggere il nipotino anche a scendere a patti con il nemico.

Non so cosa avesse in mente la Garwood, ma per una ragazza che ha assistito alla strage della sua famiglia, non sembrava pensarci molto, sembrava più preoccupata dai suoi problemi coniugali.
I sentimenti della ragazza, il suo dolore sono stati trattati in maniera estremamente superficiale. Posso capire che per quei tempi le stragi erano la norma, ma i sentimenti delle persone non potevano essere così diversi rispetto ad adesso. Se ti vedi massacrare genitori e familiari se non impazzisci poco ci manca.
Inoltre è vissuta del tempo da sola nella foresta. In un angolo sperduto. Senza mai essere disturbata da nessuno.
Improvvisamente, dopo mesi di solitudine, proprio quando lui la va a prendere, cosa succede? Viene aggredita da tre briganti che passavano di là. Ma tu guarda un pò. Naturalmente tutto l'addestramento ricevuto dal nonno non è che le sia servito a qualcosa. Però Elisabeth continua a pensare di essere forte, preparata a difendersi e non riesce a capire perchè Geoffrey non vuole che faccia certe idiozie, del perchè cerca sempre di proteggerla.

Scusate ma siamo nel 2008/2009 quante di voi se ne andrebbero di giro di notte in certe zone della città? Eppure lei vive sola in una foresta, parte con due contadini alla volta del cognato. Sulle stesse terre dove ancora potrebbero aggirarsi coloro che hanno sterminato la sua famiglia, attraversando un territorio che potrebbe essere infestato dai briganti e tutto ciò nel 1000 quasi 1100!! Non so se giudicarla coraggiosa oppure idiota. Naturalmente del cognato si è preoccupata, ha persino contraddetto gli ordini del marito per poterlo confortare. Il fratellino invece non ne aveva bisogno.

Arriviamo a Geoffrey. Collerico, poco paziente, rimane un personaggio poco profondo, non sono riuscita a capire nulla di lui e dei suoi sentimenti. Per essere un Barone potente e rispettato, che si vanta della sua disciplina e autocontrollo, non mi sembra che ne avesse molto.
Non fa che urlare, sgridarla, darle continuamente ordini. Sempre scontento di tutto e con una strana concezione della vita matrimoniale, che si può anche comprendere poverino, non ha avuto una mamma e un papà (lacrimuccia).
Quando la bacia le tira con violenza i capelli, ed insiste. Che campione di forza, neanche era arrabbiato voleva solo farle presente la sua autorità e potenza. Bell'esempio di virilità e di nobiltà. Forse era meglio che Elisabeth gli avesse infilzato una freccia nel posteriore...
Improvvisamente si accorge di amarla, però decide di non dirle nulla. Come non le dici nulla? E' la donna della tua vita, la ami, però per paura che possa approfittarne te lo tieni per te? Considerando che non sembrava che non dicendoglielo lei si comportasse meglio, il rischio poteva anche correrlo.

Tutto confuso ed incoerente. Mi sta bene il senso dell'onore, l'amore per la giustizia, però alla fine mi è sembrato...un tontolone.

Ma veniamo al pezzo forte: il primo bacio.
Scusate ma vi siete mai accostati ad un uomo la mattina?? Da farti venire i conati. Mentre Geoffrey ferito e con la febbre aveva un buon sapore invece che di topi morti??? Sig.ra Garwood mi dica che mentine usavano a quei tempi...la prego...la supplico!!

La storia non aveva nulla di nuovo da raccontare ma neanche è stata narrata in maniera originale.
La cosa che inoltre mi ha dato molto sui nervi è la conclusione frettolosa.

Il cattivo è stato eliminato in due righe (Rupert) e senza un confronto diretto con Geoffrey ed Elisabeth. E Belwain??? Forse un giorno avrebbe avuto il suo avere??? Intollerabile. Se ci fosse stato Gabriel (La Signora dei Clan), Connor (Nel Castello di Connor) oppure Iain (Tu e Nessun'Altra) sarebbe andata molto diversamente. Sarà che erano degli scozzesi e non dei normanni?? Chi lo sa. Però questo suo romanzo è stato una delusione, per fortuna era il primo che ha scritto e dopo è andata alla grande.
Ultima cosa...anche durante il travaglio del parto i due protagonisti dovevano urlare. Potevano risparmiarci il bebè e approfondire di più la storia.
Giudizio: Troppa carne al fuoco...alla fine è bruciata!



Lady Akasha



9 commenti:

  1. Meno male va'...tanto tanto non l'hai torturata la Garwood, o si?

    RispondiElimina
  2. Adoro la Garwood...non potevo bistrattarla più di tanto!! Però sono stata una malelingua...non ho salvato granchè di quel romanzo...:oDDDDD

    Lady Akasha aka Lady Ariel

    RispondiElimina
  3. Lady effettivamente i romanzi della Garwood usciti con euroclub difficilmente si possono salvare...
    anzi tu sei stata troppo buona!
    IO però non li ho vissuti male male perhè dopo il primo mi sono autoconvinta di non aspettarmi niente di buono!
    Brava!
    Baci

    RispondiElimina
  4. Akasha, mi hai fatto morire :-D e dire che per me la Garwood è un mito *_* Io devo ancora leggerli i suoi nuovi romanzi editi da Euroclub, vedremo...
    Un bacio!
    Sonia

    RispondiElimina
  5. premetto che questo non l'ho letto ( e se ne avevo intenzione forse mi è passata!) se era il primo libro forse un errore è concesso a tutti...o forse è colpa dei traduttori?? a volte combinano loro i guai maggiori!!

    RispondiElimina
  6. Libro letto, chiuso, venduto e dimenticato.

    RispondiElimina
  7. Lady sei stata favolosa!!!Il libro ancora non l'ho letto e mi sa che aspettero' un po' prima difarlo.
    Bravissima

    RispondiElimina
  8. Guardate che io ADORO la Garwood...ho TUTTI i suoi romanzi!!
    Di solito mi piace molto...e li rileggo molto volentieri...devo dire che solo in questo caso ho trovato delle "idiozie" così palesi!
    Ma come ho detto era il suo primo romanzo ed è giustificabile!!
    =^__^=

    Lady Akasha aka Lady Ariel

    RispondiElimina
  9. Dice il saggio: attento a ciò che desideri, potresti ottenerlo. E' il nostro caso: abbiamo pregato, supplicato, sospirato per gli inediti della Gar... ed eccoci qui. Solo The Lion's Lady mi è piaciuto ... beh, che dire. Lady condivido tutto ciò che hai detto!
    baci, sob, Carla

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!