Adorabile Sconosciuto di Anne Gracie.



Ci risiamo, un altro scontro tra MaleLingue e Bocca di Rosa! Romanzo imputato?
"Adorabile Sconosciuto" di Anne Gracie!

E che dire? Il mondo e' bello perche' e' vario...e ci perdoni Anne Gracie!

Parola alle lettrici!!




ATTENZIONE!! Queste recensioni contengono spoilers!


Direttamente dalla scrivania di Germana:

Perché giungere alla fine di un romanzo che ci irrita?
Semplicemente per pura curiosità masochista, per vedere fin dove l'autore si è potuto spingere per acuire il nostro senso di irritazione e di disagio.
Premessa: L'adorabile sconosciuto è il terzo romanzo della saga delle " Sorelle Merridew".
Le Merridew sono cinque sorelle.
Nel primo romanzo si trattano in particolare le storie delle due maggiori, Prudence e Charity, nel secondo quella di Hope, gemella della protagonista Faith in "Adorabile sconosciuto"
Il primo romanzo mi aveva conquistato per l'originalità, freschezza e ironia delle situazioni, che non nascondevano il lato crudele e reale della vita.
Il secondo mi aveva colpito per l'elemento della "predestinazione". Diverso dal primo, ma che aveva confermato, per me, la bravura e la varietà della Gracie.
Acquistato con entusiasmo il terzo, mi ero già preparata ad essere riconquistata ed invece …..
ANTICIPAZIONI:
Faith all'inizio appare come una ragazzina superficiale, che si salva da situazioni disastrose grazie alla caparbietà tipica di chi è stato viziato; in contraddizione con il suo back-ground, per buona pace di Freud.
Questa fanciulla, fugge in Francia con un affascinante musicista, pensando che sia l'uomo del suo sogno di bambina, dove una musica la guidava dall'amato … invece si scopre che il musicista l'ha presa per i fondelli niente meno che con un finto matrimonio.
Gia' dall'inizio quindi, ha dimostrato un alto grado di "tondagine", che mi ha dato sui nervi. Faith nella prima parte del romanzo mi ricorda quei "geniacci"che, nei film horror, scendono in cantina , da cui provengono urla raccapriccianti , per una scaletta buia di cui non si vede la fine!
L'eroina poi fugge, con pochi effetti personali che perde in fughe rocambolesche, manco fosse Lara Croft, e rischia più volte la rapina e lo stupro.
Incontra il nostro eroe Nicholas Blacklock all'inizio del libro, le disavventure di Faith vengono a conoscenza del lettore mediante i racconti della stessa protagonista.
Lui ovviamente e` forte, virile, misterioso...e per salvarla da futuri guai le propone in un "trecento millesimo di secondo" di sposarlo!!! Eh già! Casco dalla sedia; lui non l'ha nemmeno vista , è notte, è buio…sono allibita!
I due si accordano per un matrimonio bianco.
Il parroco che interroga Faith per costatare che non vi siano impedimenti legali dovuti al suo precedente matrimonio, le fa delle domande trabocchetto sul prete della chiesa dove lei si era "sposata"...come se tutti i preti della Francia si conoscessero benissimo tra di loro!
Alla fine della cerimonia lei doveva rientrare in Inghilterra e lui proseguire per la sua missione segreta, viaggiando per la Francia( certo che i Francesi sono conosciuti come un popolo sportivo, accogliente, specialmente disponibile verso ex soldati inglesi, con i loro morti ancora tiepidi nelle bare, bho!?).
Dopo le nozze lei cambia idea, e decide di imporsi a lui come moglie
Diventa talmente volitiva che ho pensato fosse stata posseduta! Tutto deciso in poche battute, lei da matrimonio "bianco", vuole l'homo! I loro incontri sono molto bollenti ma con Nicholas le dice in continuazione:
"Non affezionarti a me,se ti affezioni,torni indietro"- e così per tutto il romanzo. Che noia : "A Nicholas, goditi la vita, e non ci rompere!!!".
Dopo una serie di vicissitudini, che non starò a dirvi per non rovinarvi un ipotetica lettura, arriva il lieto fine e la mia personalissima opinione che:
"Nicholas sarebbe stato Adorabile se fosse rimasto davvero Sconosciuto!!




Direttamente dalla scrivania di Lara:

Avendo adorato i primi due non poteva essere altrimenti ho adorato anche il terzo della saga delle "Sorelle Merridew". Eccovi quindi, il mio Bocca di Rosa su Adorabile Sconosciuto di Annie Gracie.

Avevamo lasciato Faith Merridew nel precedente romanzo ( L'Adorabile tenebroso) invaghita di un violinista ungherese e pronta a seguirlo.
La ritroviamo in fuga da due vetturini decisi a violentarla, sulle coste della Francia.
Il violinista russo si è rivelato un mascalzone.
Faith a un mese dalle nozze scopre che il matrimonio era falso e che ........(meglio che lo scopriate da sole nel romanzo).
Viene salvata da Nicholas Blacklock, reduce di guerra ,capitano di Wellington che viaggia con due amici ex commilitoni alla volta della Spagna.
Nicholas le propone un matrimonio bianco, per salvarle la reputazione e rimandarla a casa in Inghilterra.
In cambio le chiede di non affezionarsi a lui , di non costruire castelli in aria.E' deciso a rimandarla a casa con la prima nave in partenza.
Faith non è dello stesso parere , vuole stare con lui dimostrargli che puo' essere una buona moglie per un soldato .
Appena lui riprende il suo viaggio lei lo segue...Nicholas cede ma il loro non sara' piu' un matrimonio bianco e ribadisce la sua condizione:
Voi non vi dovete affezionare a me. Se comincerete a illudervi che cio' che esiste tra noi è amore ve ne dovrete andare. Se io dovessi notare che cio' sta accadendo, voglio la vostra solenne promessa che ve ne andrete, senza discutere. E senza trucchi –

Si intuisce da subito che Nicholas ha un segreto ,una missione da compiere. Non fa progetti, non vuole pensare al futuro e soffre di frequenti e terribili mal di testa.
Faith non capisce la determinazione di Nicholas a non farsi amare, la sua accusa di avere “quello” sguardo, lo sguardo sognante di chi fa castelli in aria:

--Voi signora...avete uno..uno..sguardo!!-l'accuso' lui
--Uno sguardo??--
--Uno sguardo sognante signora!!--
--Che cosa pensate che ci sia sotto?--
--Penso che stiate facendo castelli in aria !!!Cosa che vi avevo assolutamente proibito di fare!!Parlo del fatto che vi state affezionando, che fate pensieri a lungo termine, che pianificate il futuro quando vi ho ripetutamente detto che non c'è alcun futuro per noi!!--
Perche' era cosi determinato a non amarla??Perche' mai qualcuno doveva temere l'amore??



Bene, non vi dico altro per non rovinare la gioia di scoprire da sole le ragioni di Nicholas.
Ancora una volta Annie Gracie ci ha regalato un libro con personaggi ben delineati, ben costruiti. Ho trovato il personaggio di Nicholas perfetto ma Faith mi ha entusiasmato. Negli altri libri era un po' in ombra rispetto alla gemella, si lasciava proteggere ,rifuggiva le situazioni pericolose. In questo romanzo la vediamo maturata e coraggiosa, disposta a tutto per conquistare l'uomo che ama. .

8 commenti:

  1. Innanzitutto mi complimento con entrambe, ma io sono ASSOLUTAMENTE d'accordo con Lara!
    Il primo libro al contrario di voi tutte, per me non è stato il massimo, il secondo mi è piaciuto di più e questo anche!
    Nicholas è un personaggio particolare, complesso.
    E' vero che offre il matrimonio subito, ma è anche vero che lo fa perchè non ha niente da perdere...vuole fare bene!
    IO ho trovato il suo personaggio meraviglioso e di spessore:l'autrice riesce benissimo a mostrare le emozioni di questo personaggio. E' vero che può apparire incoerente,ma è anche vero che la forza dell'uomo si scontra con la vulnerabilità dell'essere umano...
    Anche l'invulnerabilità di Faith è imperniata sugli stessi principi: la forza della donna che scappa si scontra con la vulnerabilità della ragazza che cerca il sogno che le è stato promesso dalla madre...

    insomma, io lo consiglio e aspetto con ansia il continuo...


    P.S. mi sono dilungata troppo?!

    RispondiElimina
  2. Anche io come Eleonora sono assolutamente d'accordo con Lara e con la stessa Eleonora quando dice che a differenza di molte altre lettrici il primo romanzo della serie non mi ha entusiasmato come i seguenti.
    Soprattutto come questo, che ritengo essere il migliore.
    La lettura, soprattutto questo tipo di lettura, è evasione e sogno.E trovo belle le storie che escono e travalicano i normali e banali clichè. Chi l'ha detto che una ragazza timida e ritrosa e non puo diventare una donna appassionata e consapevole? E a proposito dei colpi di testa, non sono forse le persone da cui non te li aspetteresti mai che li fanno? Forse proprio per un improvviso senso di riscatto,di affermazione di se.
    Circa la fedeltà storica o presunta tale, per quanto inverosimili appaiano certe cose, non credo che in Francia fosse precluso l'accesso agli inglesi.
    Per tornare al primo romanzo, possiamo credere che un nobile bello e ricco si attratto dalla meno avvenente di quattro bellezze, ma non possiamo credere che una ragazzina insicura possa diventare una donna capace di liberare un uomo da se stesso?
    Amo le storie così, normalmente assurde, semplicemente indimenticabili.

    Lilli

    RispondiElimina
  3. Anche io come Eleonora sono assolutamente d'accordo con Lara e con la stessa Eleonora quando dice che a differenza di molte altre lettrici il primo romanzo della serie non mi ha entusiasmato come i seguenti.
    Soprattutto come questo, che ritengo essere il migliore.
    La lettura, soprattutto questo tipo di lettura, è evasione e sogno.E trovo belle le storie che escono e travalicano i normali e banali clichè. Chi l'ha detto che una ragazza timida e ritrosa e non puo diventare una donna appassionata e consapevole? E a proposito dei colpi di testa, non sono forse le persone da cui non te li aspetteresti mai che li fanno? Forse proprio per un improvviso senso di riscatto,di affermazione di se.
    Circa la fedeltà storica o presunta tale, per quanto inverosimili appaiano certe cose, non credo che in Francia fosse precluso l'accesso agli inglesi.
    Per tornare al primo romanzo, possiamo credere che un nobile bello e ricco si attratto dalla meno avvenente di quattro bellezze, ma non possiamo credere che una ragazzina insicura possa diventare una donna capace di liberare un uomo da se stesso?
    Amo le storie così, normalmente assurde, semplicemente indimenticabili.

    Lilli

    RispondiElimina
  4. Finalemente commento un libro che ho letto e sul quale sono molto combattuta. Premetto che ero stata invogliata dal precedente della serie, Adorabile tenebroso, e tanto da farmi acquistare, di recente, anche il primo della saga (grazie ai mercatini dell'usato). Ma tornando al romanzo, devo dire che la storia è un tantino diversa dalla precedente sorella, molto meno spensierata o meglio ci sono sempre dei grandi scogli da superare per le protagoniste, ma in questo Faith è chiamata addirittura a passare da perfetta ragazzina viziata, coccolata e protetta, ad una donna completamente sola ed in balia di un musicista impostore che l'ha addirittura convinta a convivere con lui con un falso matrimonio. Insomma, una poveretta che veramente all'inizio non sa che pesci prendere. In tutto questo finalmente incontra un tipo a modo, un vero cavaliere che... senza neanche conoscerla le propone un matrimonio riparatore per la sua situazione. Diciamo che l'idea di sposarla non è neanche così fuori di testa se si pensa alla sua effettiva missione, diciamo una maniera di portare un pochino di ordine alla sua vita priva di uno scopo.
    Un viaggio avventuroso, ma anche pieno di momenti caldi, li porterà a coronare a vivere in pieno la loro storia d'amore.
    Che dire, il finale, o meglio, la maniera in cui si sistemano le cose mi ha fatto pensare, non avevo mai letto un romanzo con una storia simile, diciamo che mi piacerebbe premiare la Gracie, ma francamente il personaggio di Faith mi è rimasto antipatico fin dalle sue prime apparizioni. Nicholas in un certo senso può anche salvarsi, ma veramente la protagonista femminile mi ha irritato in diverse situazioni.
    Nel complesso, ho preferito il precedente e spero di leggere qualcosa in più nel primo della serie.

    RispondiElimina
  5. Ciao
    ho letto il libro, ma se non leggevo le vostre riflessioni, non me lo sarei ricordato, per cui per me non è stato indimenticabile, è andato via senza infamia e senza lode, comunque brave a commentarlo sia in negativo che in positivo.
    Un abbraccio Daniela C

    RispondiElimina
  6. io non ho letto ne questo romanzo ne gli altri della saga (non adoro molto le saghe!) ma ne avevo sentito parlare...sarà che Germana qui mi ha fatto proprio tanto ridere che credo che questo romanzo x me rimarrà "sconosciuto"

    RispondiElimina
  7. L'ho appena finito e secondo me è un romanzo decisamente piacevole.

    Rispetto ai primi due è qualitativamente inferiore (ma non di molto) perchè manca la vena ironica che mi è piaciuta tanto negli altri due romanzi.

    Tutta la questione del matrimonio non è campata per aria...lui ha i suoi motivi e lei i suoi. Come dice Nicholas: due piccioni con una fava.

    Per quanto riguarda la veridicità storica...chissenefrega! Io non leggo romance per avere dettagli di storia, altrimenti prenderei in mano dei trattati! :P

    L'unica cosa che non mi è piaciuta è la fine, o meglio...come è stata gestita la questione 'malattia'. Il fattore 'magico' buttato lì così...con questa vecchietta...bho, non mi ha convinta.

    Mira

    RispondiElimina
  8. Ragazze i miei complimenti...tutte e due bravissime ed incisive nel delineare cosa sia andato storto nel romanzo e cosa invece abbia affascinato!! Devo dire che il libro sotto accusa l'ho letto e...in effetti...spalleggio Germana!! Vedete io in verità ho trovato splendido solo ed esclusivamente il primo libro della gracie, neanche il secondo mi aveva preso poi tanto, ma il terzo...il terzo è stato una palla al piede, soprattutto mi hanno sconcertato i repentini cambiamenti caratteriali di faith...sì che matura, ma a che velocità?????

    Baciotti Angy

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!