Passa ai contenuti principali

Il Vero Principe Corvo

Prefazione ( Juneross)

Vi ricordate quando il blog impazzi` per l'uscita del Principe Corvo della Hoyt?
Ma in particolare come Lady Night difese a spada tratta questo romanzo?( LINK)
Ebbene, subito dopo, la nostra cara Lady Night lesse un romanzo che le piacque moltissimo e mi contatto' dicendomi che aveva trovato il Vero Principe Corvo. Io per evitarle il linciaggio delle lettrici(ihihihih), ho preferito far passare un pochino di tempo per postare questa sua recensione sul :

"Il Vero Principe Corvo"



Ragazze… vi giuro che non sono alla fase finale del delirio metafisico.

Lo so che vi ho triturato il cervello e strapazzato … voisapetecosa con questi benedetti principi della Hoyt. Ma che volete la donna e mobile e io sono MOBILISSIMA (no non ho detto Moby Dick) qual piuma a l vento.

E perciò affermo con assoluta certezza e vergognosa faccia tosta che l'ho trovato. Quello vero. Il vero Raven Prince.

No, non è quello della Hoyt, che pure trasuda magnetismo e sensualità da ogni poro. Il vero, l'unico, assoluto Principe Corvo si trova tra le pagine di un altro libro, un romance medievale: è il principe Macsen , il protagonista de "Il sogno del guerriero" di Helen Kirkman, uno degli splendidi romanzi che hanno per protagonisti "I cavalieri del re" Alfred il Grande del Wessex, ultimo baluardo della civiltà anglosassone contro l'orrore dell'invasione vikinga a.d. 876.

E' un britanno, nobile discendente dei Celti, primi abitatori della Gran Bretagna, il cui sangue si fuse con quello dei conquistatori Romani. La sua dannazione è la capcità di prevedere il futuro con improvvise e ambigue immagini.

Sentite cosa pensa di lui la sua amata Aurina ( fanciulla in odore di stregoneria la cui unica colpa è di donare le sue capacità di guaritrice per soccorrere chi ha bisogno) : "Era una creatura potente e pericolosa, in cui ardeva un misterioso fuoco.Veniva da altri mondi, portava monili barbarici e viveva di guerra.".

Ovunque nel libro si parla dei suoi capelli corvini, degli occhi neri e profondi, della sua pelle abbronzata e dei corvi che sembrano sapere sempre dove egli sia, preannunciandone l'arrivo. " Sussultò per un suono improvviso, poi riconobbe il corvo Muninn che tagliava i raggi del sole e si posava sul davanzale. Muninn il messaggero che nei tempi antici era sacro a Odino... i corvi recavano due messaggi: presagivano felicità oppure si nutrivano delle vittime delle battaglie.. ".

"Aprì infine gi occhi e vide i capelli di Macsen, neri come le ali di Minnun, e il suo corpo in ombra...".

Il Principe, inotre, porta sempre al collo un preziosissimo torque d'oro di otto giri ognuno dei quali formati da un cordone ritorito otto volte su se stesso (l'otto è il simbolo dell'infinito, della continuità in un momento storico dove sembrava che nulla esistesse se non un orribile presente) il cui sfavillio ricorda il becco del corvo.

"-Macsen - sussurrò Aurinia accarezzandogli con il fiato la pelle olivastra e la chioma nera come l'ala di un corvo, l'uccello messaggero del cambiamento, della guerra e della felicità. - Restate con me.- "

"Udì un fruscio alla finestra e si voltò a guardare. Era Minunn, il corvo, messaggero di guerra oppure di felicità. Lo vide posarsi sul davanzale, con le sua ali nere dai riflessi bluastri come i capelli del suo sposo. - E' vivo.-...



In definitiva io ritengo che Macsen sia il vero Principe Corvo non solo per la banale analogia dei colori e per l'alliterazione corvo - corvini ma perchè egli è un guerriero che si nutre di morte sui campi di battaglie ma al contempo per Aurinia sarà messaggero di cambiamento e di felicità. La strapperà alla vita protetta ma solitaria di strega temuta e odiata per portarla con sè in un mondo spesso crudele ma vivo e splendente e le regalerà la felicità perfetta di un amore infinito Le donerà un futuro costringendola a credere nel suo diritto di amare. Da lei, in cambio, riceverà la fiducia, l'amore e un livello di comprensione assoluta che non ha bisogno di alcuna parola.

Infatti, come la principessa della fiaba del Principe Corvo, Aurinia non si farà incantare dalle ricchezze di Macsen e saprà percorrere a piedi le strade più difficili per riportarlo a sè dopo aver mancato a quella fiducia di cui egli aveva bisogno come l'aria. E infatti le civette, simbolo della saggezza, avevano svolazzato sulla sua amica Judith quando questa le aveva confidato che, secondo lei, Macsen aveva bisogno di fiducia....


Solo questo chiedeva il Principe Corvo. Che la sua amata si lasciasse cullare nel volo delle sue ali nere e silenziose .Per sempre.

Lady Night

Commenti

  1. Da buona adoratrice della Kirkman, non potevo non leggere questo libro!
    L'ho amato! Macsen è descritto così bene che sembra di averlo davanti agli occhi!
    Ma leggi anche lo Straniero...e mi dirai.
    Complimenti per la recensione,sei bravissima...come sempre.
    Un bacio,
    Eli

    RispondiElimina
  2. Ciao Lady Night, come sempre brava, non ho letto il libro, ma proverò a ricercarlo, Lo straniero l'ho letto e così altri, la kirkman non sempre la amo, ma proibito l'ho adorato. Complimentissimi
    Ciaooo Daniela C

    RispondiElimina
  3. bella recensione carla..mi hai fatto venir voglia di leggere di questo UOMO!!

    RispondiElimina
  4. Io la Kirkman la adoro, ho letto tutti i suoi guerrieri. mamma mia come sono.......devo dire che anche le donne non sono male..riesce a dare molta impronta anche alle fammine.
    Mi sono piaciuti molto tutti, uomini con una forza d'animo spiccata sia per la patria che per le loro donne.......
    Brava Carla bella recensione come al solito mi piace quello che scrivi

    RispondiElimina
  5. Grazie ragazze del supporto... temevo un linciaggio. Ringrazio June della prudente attesa, eh, eh.
    Ho divorato tutta la Kirkmann in una settimana e in seguito sono rimasta come in trance, ammaliata dalle sue atmosfere magiche e crudeli, dai suoi scintilli e bagliori, dal suo ritmo ipnotico, dai suoi guerrieri possenti, dalle sue donne coraggiose, dalla sua incrollabile fiducia nell'amore in un mondo flagellato dagli orrori della guerra.
    Baci, Carla.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…