Passa ai contenuti principali

La Dea d' Alabastro di Amanda Mccabe

Direttamente dalla scrivania di Noco:

Inghilterra, 1816

Appassionata di storia antica nonché di archeologia, Calliope Chase ha una missione: scoprire l'identità del famigerato Ladro del giglio, l'inafferrabile brigante che fa incetta di preziose opere d'arte del passato. I suoi sospetti ricadono ben presto sull'attraente Cameron de Vere, Conte di Westwood, ma l'indagine si rivela più ardua del previsto. Lord Westwood, infatti, è un uomo colto e intelligente e il suo indubbio fascino è più pericoloso per la giovane Calliope di qualsiasi caccia al ladro. Il rischio, in effetti, è che il gentiluomo in questione possa rubarle il cuore...




Come ogni anno, anche questa estate ho fatto scorta di Harmony History che sono adatti per formato e lunghezza delle storie, ad una rilassante lettura in spiaggia.
Tra le mani mi è capitato “La dea d’alabastro” che mi ha attirata subito per l’intrigante trama.
Non sono rimasta affatto delusa: anzi!! Questo romanzo mi ha coinvolto davvero molto!

La storia, seppur semplice è stuzzicante da subito: c’è un bel mistero da risolvere ed un’eroina pronta a tutto per aggiungere il proprio scopo.
Il contesto in cui la vicenda si sviluppa,è del tutto originale.

Innanzitutto la protagonista fa parte di una famiglia particolare: figlia di appassionati di archeologia e storia greca antica, è la maggiore di una schiera di nove sorelle che hanno ognuna il nome di una musa (le muse di Mayfair), l’eroina in questione è appunto Calliope e tutte insieme sono note per intelligenza, arguzia bellezza e indipendenza, frutto di un’educazione liberale e molto avanti per i tempi, impartita loro dal padre vedovo.

Ruolo importantissimo all’interno della storia, riveste la (solo apparentemente) timida Clio, che ama “mimetizzarsi” e “scomparire” dietro ai suoi occhiali…non svelerò di più, ma sappiate che la nostra Clio dimostrerà coraggio e risolutezza del tutto eccezionali ed inaspettate.

Tornando ai protagonisti, Calliope è determinata a smascherare il “ladro del Giglio” che sottrae opere d’arte ai (legittimi?) proprietari. Il principale sospettato è Cameron De vere, il bellissimo ed intelligentissimo conte di Westwood, figlio di un compagno di studi del padre delle “muse” e di una meravigliosa donna greca, che gli ha trasmesso un fascino mediterraneo unico ed un amore per la conservazione dei tesori del passato, in modo che contrasta diametralmente con le idee di Calliope: lei pensa che i reperti debbano essere studiati e “posseduti”da chi .li sa apprezzare, Cameron invece, crede che siano da lasciare nel luogo d’origine, fusi nel loro contesto,a disposizione di tutti.

Questa divergenza di opinioni, assommata ad un’attrazione fisica latente ed esplosiva, che permea ogni incontro-scontro dei due, rende lo sviluppo degli eventi elettrizzante ed interessante. Più volte vengono paragonati ad Atena ed Apollo e , devo dire, mai similitudine fu più calzante ed azzeccata: lui è un vero dio in aspetto e acutezza, lei è battagliera e fiera proprio come la dea della guerra.


Man mano che procedevo nella lettura mi son ritrovata totalmente immedesimata in Calliope e follemente innamorata di Cameron: il sentimento si approfondisce in modo coinvolgente ed emozionante, con un’ introspezione toccante, scandito da scambi di battute salaci ed intelligenti, il tutto condito da una buona dose di riferimenti storici alla Grecia antica accurati.

La sfumatura di giallo rende questo rosa un po’ meno stucchevole dei soliti Regency in cui si trovano soltanto balli ed incontri mondani.

Per concludere vi anticipo che la scoperta dell’identità del ladro, sarà un autentico colpo di scena.

Insomma un history del tutto particolare, assolutamente da non perdere.

Ho già l’acquolina in bocca pensando al libro che e' in edicola questo mese di dicembre : “Il tesoro di Demetra”, il secondo capitolo (e spero non l’ultimo) della serie, che avrà come protagonista Clio: stando al ruolo avuto nel primo sarà un’eroina tutta da scoprire!!









Noco

Commenti

  1. Concordo pienamente!
    E' un romanzo molto ben scritto; particolareggiato e con una trama intrigante!
    Si scosta un pò dal solito romanzo romantico e per chi ama la storia dell'antica Grecia...bè, è servito!
    Ho già provveduto ad ordinare il seguito...!
    Sono sicura che non resterò delusa!
    Ciao
    Morena

    RispondiElimina
  2. ahi! Mi hai fatto venire la curiosità Noco!
    Mi rovinerete ragazze!
    Bella recensione...

    RispondiElimina
  3. Ciao Noco
    ahimè non ho letto il libro comunque tu sempre brava! Complimenti e mi sa che cercherò il libro.. history chissà perché non lo compro mai, mea culpa.
    Ciao ciao Daniela C

    RispondiElimina
  4. hai ragione Noco, questo libro è stupendo davvero, così intrigante la storia che l'ho letto in un giorno...non vedo l'ora di leggere il seguito, sono sicura chenon deluderà le aspettative..

    RispondiElimina
  5. Noco allora Tu lo consigli questo libro? E' da un po' che non leggo gli history perchè ultimamente li avevo trovati un po' piatti ma letta la tua recensione mi è venuta voglia di "assaggiare" questo. A quando risale? Mannaggia che non mi hai scritto la recensione appena uscito che andavo subito a comprarlo! Noco il Tuo lavoro è questo: devi subito leggere velocissimamente i libri appena usciti e fare la recensione per noi che così deicidiamo quale comprare. Brava che ci stuzzichi sempre. Ciao. Erica

    RispondiElimina
  6. anch'io utimamaente trovo gli history piatti e un po' banali... ma questo è diverso! E' già uscito a maggio, ma non diperare, è facilmente reperbile sul mercato dell'usato!

    Grazie per i complimenti: spero di esservi utile!

    RispondiElimina
  7. Altrochè! Mi piace molto leggere le tue recensioni. Scrivine di più. Ciao. Erica

    RispondiElimina

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…