Passa ai contenuti principali

Chissa' se si chiamava Amore di Angela Failla.

Si chiama “Chissà se si chiamava amore” il nuovo libro della giovane scrittrice Angela Failla, pubblicato dalla Giovane Holden Edizione. E’ la spassosissima storia d’amore tra Kevin e Sara. Lui affascinante attaccante lanciato verso il successo; lei dolce e bella ventitreenne irrimediabilmente innamorata, sempre in bilico tra illusione e realtà. Si conoscono, si amano, si perdono, si ritrovano: un’altalena dai toni leggeri e gentilmente malinconici, un romanzo esilarante e commovente al tempo stesso. La viva traccia di un sentimento che si perde tra mini vertiginose, maglie strizza-tette, colpi di vernice e comparsate a Uomini e donne…un amore unico…Ma chissà se, davvero, si chiamava amore.
Ecco il libro d’esordio della giovane Angela Failla, scrittrice e pubblicista siciliana che, con il suo “Chissà se si chiamava amore”, si prepara a diventare una delle scrittrici più lette in Italia.
Finalmente un libro italiano divertente, spiritoso e irriverente dove avventure e disavventure sentimentali si succedono in un clima di crescente ironia. I personaggi sono reali, ti emozionano e ti coinvolgono. I dialoghi sono frizzanti e mai noiosi. C'è un condensato di ironia, dolcezza, e tenerezze. E’ un mix di frivolezze, di sentimenti e colpi di scena, apparentemente leggere come l’aria, in cui il centro motore di tutto è la spasmodica ricerca da parte della protagonista delle magiche paroline Sara ti amo pronunciate dall’amato. L’innamoramento bruciante, la conferma dell’amore, le ubriacature come ipnotico per contrastare la sofferenza, la dolcezza, la voglia di far vivere i sentimenti attraverso le piccole cose di tutti i giorni, lo shopping, ma anche la popolarità, il calcio con le sue regole e…Uomini e donne: questi gli ingredienti di “Chissà se si chiamava amore”! Tutto questo attraverso una scrittura agile e briosa, popolare ma niente affatto banale, esilarante e intelligente con un umorismo mirato e mai ridicolo. Un romanzo spassoso che invoglia alla lettura, certi capitoli sono così divertenti e le situazioni talmente irreali che non riesci a smettere di leggere.
“Allora, oggi sono stata a casa di Kevin e abbiamo fatto l’albero di Natale, che poi chiamarlo albero quella specie di bassotto con i piedi è un eufemismo ed è così pieno di addobbi che a momenti esplode e se poi ci metti che stavo quasi morendo per via della polvere che mi è entrata nei polmoni… comunque prima che dimentico il motivo della telefonata. Ma perché ti ho telefonato? Ah, sì ora ricordo, a parte che ancora non mi ha detto tu sai cosa o meglio gli è sfuggito un ti amo, ma si è bloccato senza pronunciare la o finale e poi da lì gli è uscito un io amo te che per lui non è equivalente a dire ti amo..().”
Ti fa riflettere sulla potenza dell’amore, su come ti cambia entrando nella tua vita. E alla fine ti domandi se a cambiare sei tu o la tua vita.
“Tu mi leggi nel pensiero! Tu sfuggi a ogni mio razionale controllo. Io sto con te e non c’è più nulla di equiparabile e neanche lontanamente paragonabile a ciò che si ha stando con te! Non desidero più nulla, non mi occorre più nulla! Hai toccato il mio cuore, hai toccato la mia anima. Hai cambiato la mia vita! Perché anche se ho freddo o sono triste mi basta un tuo sguardo a scaldarmi, mi penetra fin dentro l’anima. Vuoi sapere perché soffro in silenzio? Perché mi basta saperti felice per non interferire nella tua vita e non andare contro le tue abitudini o desideri? Vuoi sapere perché ti ho dato tutto quello che potevo contro ogni logica e ragione? Perché ti amo. E vuoi sapere perché ti amo? Perché la mia anima è completa, tranquilla e serena solo quando incontra la tua”.



Commenti

  1. Non me ne vogliate, la trama è carina e la mia non è nemmeno una malelingua, ma non c'è stata qualche anno fa una fiction o film alla televisione sullo stesso argomento ?

    Silvya76

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,