Passa ai contenuti principali

Confessioni di una canaglia di Karen Hawkins

Pare che il 2010 sia inizato bene, almeno per le mie letture. Dopo lo splendido "Una musica lontana" della Ciuffi, e una raccolta di racconti su Edimburgo :-) , ieri ho letto Karen Hawkins e le sue Confessioni.
Non avevo mai letto nulla di quest'autrice e devo dire che è stata una sorpresa paicevolissima. Perchè il libro è DE-LI-ZIO-SO.
Come mai? Semplice. Fa ridere.

Il punto di forza di questo volume della Mondadori sono i dialoghi. Da manuale. Brillanti, arguti, vivacissimi. E' attraverso essi che i personaggi si caratterizzano, e posso assicuravi che in più di un'occasione ho riso da sola come una sciocca. Sono un continuo fuoco d'artifico, specie nella metà del libro.
Dei due personaggi principali, Brandon è il solito nobile-molto-nobile, vissuto, altero, arrogante ect ect che tutte noi conosciamo. Nessuna sorpresa.
Ma Verena... Verena è uno spasso.
Innanzi tutto, è un personaggio credibile nel suo essere alternativo. Avventuriera, giocatrice d'azzardo, testarda e manipolatrice. E' una simpatica canaglia, tanto che ho il sospetto che le confessioni del titolo siano le sue e non quelle di Brandon, che è un "dissoluto all'acqua di rose". Figlia di imbroglioni, sorella di untruffatore, non è mai stata accettata dal Ton, ma non per questo soffre. E' una donna che ha un fondo di durezza e di fragilità che la rende concreta, un personaggio che mantiene la sua coerenza fino alla fine.
L'intreccio è ben dosato e divertente, come pure la caratterizzazione dei fratelli St. John attorno a cui si svolge la saga dell'anello talismano.
Ma il mio personaggio preferito di tutto il libro è Herberts. Il maggiordomo di Verena.
Credetemi sulla parola: è straordinario. Un uomo che del maggiordomo letterario non ha nulla: impiccione, ladro, pasticcione, buono a nulla. Uno dei personaggi minori più interessanti che abbia mai letto in un romance. Senza dirvi nulla, vi consiglio di leggere il finale del dodicesimo capitolo... lì ho riso come una scema, perchè il suo ruolo e la sua battuta... beh, sono davvero sconcertanti.
Libro perfetto, dunque?
No.
Un paio di appunti.
1) Chi sta guardando l'uomo in copertina? L'idraulico o il fruttivendolo di passaggio? O sta chiedendo che gli mettano da parte un piatto di pasta con le vongole? Ha un'espressione persa tra il dubbioso e il "mannaggia, devo fare una cosa" che poco ha attinenza con il romanzo. Ma tant'è, quella delle copertine è storia vecchia.
2)La scena di sesso. Per essere ancora più esatti, i termini usati.
Verga: sembra quasi che lei debba essere menata e non dfare l'amore appassionatamente. Usare "pene", no, eh?
Mammelle. Confesso che mi hanno fatto pensare alle mucche. La parola "seni" faceva così schifo?
Grazie al cielo, siamo italiani e parliamo una delle lingue più ricche di sfumature esistenti... Usarli non è una cattiva idea.
Insomma... se vi capita, prendetelo. E' un libro che mi sento di consigliare.


Stefi - Moray Place 12


Commenti

  1. Stefy la penso esattamente come te...
    Questo romanzo, pur senza essere un capolavoro, è veramente spassoso.
    Un buon romanzo per farsi quattro risate in santa pace, senza troppi turbamenti dietro ogni parola!
    Insomma, complimenti all'autrice!

    P.S.
    Se non lo avessi letto, ti consiglio anche il primo della saga "un'avventura da ricordare" dove la protagonista è frizzante quanto qui...

    RispondiElimina
  2. Io non li ho ancora letti, ma dopo questa solleticante rensione, sono balzati entrambi in testa (non ce n'era anche un terzo "intrighi d'amore"?).

    E' sempre un piacere leggere ciò che scrivi , Stefania!
    Brava!

    RispondiElimina
  3. intrighi d'amore onestamente lo puoi saltare per quel poco che mi ricordo (il che è cmq indicativo!)

    RispondiElimina
  4. @ele: a questo punto lo cercherò. devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa per l'atmosfera frizzante e la vivacità di questo romanzo, davvero divertente!
    Mercì^-^

    RispondiElimina
  5. Bella recensione.....prendo nota!
    mor

    RispondiElimina
  6. interessante segnalazione Stefi, a volte anche non essendo grandi capolavori alcune letture possono essere lo stesso piacevoli..

    RispondiElimina
  7. pienamente d'accordo con tutta la recensione. Herberts è fantastico quando cerca di proteggere Verena. Ho riso come una scema alla fine, con l'ultimo "dialogo" tra i fratelli St John.
    Assolutamente promosso

    RispondiElimina
  8. Intrighi D'amore è molto carino,lo consiglio a chi vuole trascorrere delle ore piacevoli e divertenti.
    sinceramente quando ho letto che c'era il sequel con Brandon non vedevo l'ora di comprarlo,ma mi ha un pò deluso...
    La scena più spassosa è quella iniziale con tutti i fratelli al completo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Sposare uno sconosciuto di Lisa Kleypas

Trama
La bellissima Lysette Kersaint, fuggita dal patrigno per evitare il matrimonio con un uomo che detesta, trova suo malgrado protezione presso il temibile proprietario di una piantagione. Non è infatti una buona reputazione quella di Maximilien Vallerand, noto per la sua crudeltà e le sue terribili collere, e con un misterioso passato. Addirittura si mormora che abbia assassinato la sua prima moglie. E quando scopre che Lysette è fidanzata con il suo nemico di sempre, decide di usarla per ottenere vendetta. Ma presto la bellezza e il cuore innocente di quella ragazza risveglieranno in lui un sentimento genuino, prologo di una passione travolgente…Per leggere la nostra Malelingua, cliccate su continua a leggere.