Passa ai contenuti principali

Luci nella Brughiera di Costance Laux

Per la nostra rubrica "Belli e Possibili", Noco ci suggerisce Luci nella Brughiera.

TRAMA:
INGHILTERRA 1821 -Victoria non sapeva che Gabriel aveva un segreto.Un segreto molto pericoloso per entrambi…
Dopo la tragica fine del fratello Roger, Victoria è decisa a continuare le ricerche archeologiche che aveva portato avanti con lui. Ma per una donna non è facile farsi strada in un mondo così maschile. E inoltre, da qualche tempo soffre di strane allucinazioni, le stesse che hanno condotto Roger alla morte...

Ho trovato questo libro per caso, in un cesto fuori dall’edicola e l’ho comprato attirata dall’atmosfera “bucolica”suggerita dalla copertina (con verde prevalente) e dal titolo.
L’ho iniziato rischiando di interromperlo subito, titubante per avvenimenti tragici e “paranormali” delle prime pagine, pensando che non fosse il libro adatto a me.
Poi , piano piano , ha preso quota, rivelando un lato tenace e sorprendente della protagonista, così ho cominciato a leggere con più interesse.
Ma ciò che mi ha veramente catturata, è la figura del protagonista: un debosciato libertino, un dissoluto ubriacone, un inaffidabile giocatore d’azzardo, con tanto di “pancetta e muscoli flaccidi”…
E che schifezza!!! Direte voi… in realtà , ero un po’ perplessa anch’io…

Ma, come la protagonista, ho visto del “potenziale”, ho tenuto duro ed ho colto, con estremo interesse, i rari lampi di intelligenza attraversare gli occhi di lui. E, sempre insieme a lei, ho iniziato a nutrire dei dubbi sulla mia prima impressione.
Ho, infatti, assistito ad una vera e propria metamorfosi di quest’uomo, che è diventato sempre più un “magnifico eroe” ritemprato nel fisico dalla vita sobria e tranquilla lontana dalla città, ma soprattutto nell’anima, ridestata dal torpore, da nuovi stimoli e obiettivi,finalmente raggiungibili. La sfida lo ha posto di fronte ai propri demoni, e lo ha aiutato a superare vecchi traumi e profonde ferite, insegnandogli che volendosi bene si migliora e si dona di più agli altri.

La trama si arricchisce con personaggi secondari variegati:

*un maggiordomo paterno ed onnipresente, essenziale come supporto morale e materiale;

* un corteggiatore insistente, meschino, infido ed ipocrita;

*un usuraio prepotente e pericoloso;

*luminari della scienza ben poco “illuminati”;

*il “fantasma “ fastidioso di un fratello che tanto male ha fatto in vita, ma senza il quale i protagonisti non si sarebbero incontrati;

il tutto inserito in una tranquilla comunità rurale con tanto di pastore e pettegole ficcanaso.


Il risultato è un romanzo semplice, lineare, ma con una trama coinvolgente, uno stile frizzante, un pizzico di mistero: un mix che mi ha fatto passare piacevoli e rilassanti ore di lettura senza “dissanguarmi” economicamente, appunto un romanzo BELLO E POSSIBILE!

Noco

Commenti

  1. Wow! Ma che bello! Ho questo romanzo da un pò e non mi decido ancora a leggerlo... ma ora, dopo aver letto questa bella recensione , lo leggerò al più presto ^_*

    RispondiElimina
  2. e' un libro che ho anche io! chissa' perche' l'ho sempre scartato!grazie Noco....

    RispondiElimina
  3. Grazie Noco,
    in effetti non avevo mai letto questo romanzo ma adesso mi hai fatto venire la curiosità!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…