La vergine....Ninfomane!

Per la rubrica: MITI DA SFATARE, le nostre blogger vi propongono un nuovo tema.
Direttamente dalla scrivania di Lilly e Libera.

La vergine....Ninfomane!


Eccoci di nuovo con un mito da sfatare e dopo un lui parliamo di una lei. Eh sì, oggi vittim... ehm il soggetto delle nostre osservazioni sono quelle eroine vergini e pure che, dopo essere diventate donne tra le braccia del loro uomo, diventano anche esperte e navigate.
Nessuna di queste protagoniste ingenue e molto spesso "ignoranti" in tema di talamo nuziale, subisce traumi dall'atto sessuale o dal dolore iniziale.
Nessuna è impaurita o timorosa. Com'è possibile? Non sapevi nulla di tutto ciò, provi dolore, vedi la tua purezza infranta, ma è tutto normale? Anzi, sai anche come ricambiare e addirittura chiedere "ancora" bha......!


Dobbiamo dire che a volte ci fanno sentire due vecchie bigotte medioevali. Perchè questa descrizione, questo stereotipo, nei romanzi è ancora "vincente"? Pur se così anacronistico e superato? Perchè dovremmo condannare una donna con esperienza, una vedova, una ragazza che abbia vissuto già un amore o anche una cortigiana, se sono più verosimili di queste vergini illibate che diventano maestre di sesso dopo qualche carezza e un paio di baci?


Forse sotto sotto abbiamo anche noi una mentalità un pò retrograda che mette l'etichetta di "donnaccia" a chi ha vissuto più di un amore? Un amore fisico ovvio. Non pensate che la verginità sia un fatto mentale? Che è molto più pulita una ragazza che vive liberamente la sua sessualità che una donna illibata che vive nella maldicenza e nell'invidia? Avete presente la storia della volpe e dell'uva?
Perchè vi piacciono le vergini? Perchè non vi piacciono? Vi vengono in mente esempi di romanzi in cui la protagonista appena deflorata diventa una dea del sesso? (Ci piacerebbero esempi sia di romanzi che vi sono piaciuti sia di quelli che viceversa hanno urtato la vostra sensibilità).
Ma ce la ricordiamo la nostra prima volta? Veramente sapevamo gia` per istinto i desideri del nostro lui? E queste vivevano pure nell'800!
Per non parlare delle protagoniste dei medievali... non abbiamo parole!

A prescindere dai romanzi, per voi oggi la verginità ha ancora un valore? E perchè? Per quanto ci riguarda l'imene è mentale, si è pure se si vive il sesso per quello che è, una cosa bella nel rispetto di entrambi, con o senza amore.
La malizia è sempre negli occhi di chi guarda........Siamo curiose di sentire la vostra.







Lilly

&

Libera










71 commenti:

  1. La vergine la preferirò SEMPRE alla cortigiana! E chi se ne importa se dopo la prima volta impara in fretta...vuol dire che è molto intelligente hihihihihi
    A me comq a parte gli scherzi, quando leggo mi piace sognare, mi piace vivere la storia d'amore come se diventassi io la protagonista. Per cui mi va bene anche la vedova, anche una donna che ha già amato una volta ma le cortigiane ...x carità proprio no! Ultimamente c'erano anche quelle (il libro ovviamente non l'ho comprato) che andavano anche orgogliose di esserlo.... cielo!
    Non mi piacerà mai un libro su una donna vissuta.... non importa quanto bene sia scritto(ho dovuto rinunciare alla Ivory che adoro....) xchè già parto male...è + forte di me!

    RispondiElimina
  2. E cara Lidia....sicuramente siamo lettrici alla vecchia maniera, quelle che adoravano anche i piccoli harmony che a quel tempo ci regalavano grandi emozioni! ahhhhhhhhhhh!
    anche io, la donna alla sua prima esperienza la preferisco...

    RispondiElimina
  3. Se devo essere sincera, a me non fa molta differenza che la protagonista sia o meno illibata!
    Ciò che mi colpisce di più è la storia d'amore in se.
    E' anche vero che non mi piacciono i rapporti promiscui (tipici ad esempio di Beatrice Small):mi sembrano esagerati e troppo lontani da ciò che è la mia realtà.
    Nei romanzi è vero che a volte òa prima volta è esagerata ma non sempre..
    La verginità oggi?
    E' vero che come dite voi è una condizione mentale a volte ma è anche vero che molto spesso non le si da il valore che ha: è bello farlo al momento giusto, con una persona che ami a prescindere da come finisce.
    Ma è triste pensare che molte volte si fa senza pensare a nulla...

    RispondiElimina
  4. Menomale che c'è Eleonora a mettere un pò di equilibrio, sennò sprofondavamo nella naftalina!
    Ovviamente è detto con affetto sia Lidiag che Rosaria sono due persone con le quali (menomale) si può scherzare! Allora facciamo il punto: la donna se è passata di fiore in fiore è una donnaccia, mentre l'uomo, a parti invertite, è uno strafigo pieno di spessore e esperienza?????? Nooooooooooo Ancoraaaaaaaaa??????????????????????????????? Ragazzeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!! Mi farete morire di crepacuore prima o poi! Siamo nel giurassico del maschilismo "Oh guarda ragazzone che passi...ho i capelli lunghiiiiii lunghiiiiiiii perchè non me li afferri e mi trascini in una caverna?????" Non comment, mi rifiuto! Ho fatto il post, sono di parte e non dovrei nemmeno commentare, ma non ho mai seguito una regola in vita, immaginiamoci questa che mi da l'occasione di dire a Ross che non è che lei è vecchia maniera, ma è vecchia PUNTO.
    Ele voglio virtualmente il 5!
    Baci cavernicoli
    Lilli

    RispondiElimina
  5. Io di sicuro resto troglodita e attaccata ai vecchi, vecchissimi clichè.
    Nello storico, fuori le cortigiane! A stento sostengo le vedove, figuriamoci la donna di comprovata esperienza!
    Mi dispiace care donne di larghe vedute, io mi tengo stretto l'eroina illibata e se poi diventa ninfomane?
    A me di sicuro non da fastidio!
    Se parliamo di romanzi contemporanei, beh allora mi si apre un po' la mente (non troppo eh), però in ogni non considero una grande eroina quella di troppa esperienza! Io mi ci devo un minimo immedesimare, quindi se capita leggo, ma di sicuro apprezzo meno!
    Detto questo, voglio dire che è solo la mia opinione, ben che si possa scegliere, sempre!
    Baci
    Lety

    RispondiElimina
  6. In un romanzo personalmente poco mi importa se la lei è una vergine o una donna esperta, in tutta sincerità mi basta che non sia una piagnucolona tediosa ed irritante. Io per esempio vidi un bel po' di tempo fa un film che si intitolava "padrona del suo destino", ambientato nella Venezia del '500 se non erro e raccontava la storia di quesat ragazza innamorata che per potere avere l'uomo che amava ma gia promesso ad un'altra diventava una cortigiana, e diventava la più bella e desiderata di tutta Venezia. Ora detta così magari non vi dice nulla, ma vi assicuro che è stata una delle storie d'amore più belle che abbia visto in un film o anche letto. E vi assicuro che il fatto di essere una cortigiana, una cortigiana di quell'epoca che non era una comune sgualdrina di strada ma una donna posta molto in alto sia a livello di intelletto e cultura che non di libertà di espressione su tutti i fronti, non la rendeva assolutamente volgare. Tutto ciò per dire che se la storia è bella, se scritta con maestria,con il cuore e con passione, può avere per protagonista femminile chiunque, che tanto mi fa sognare in ogni caso ed anzi.
    *Morwen*

    RispondiElimina
  7. Eleeeeeee, Lilliiiiiiiiii concordo ovviamente, abbiamo scritto insieme, ma mi sento come la bollicina di sodio famosa in tv :(
    Ma davvero siamo mosche bianche?

    @Morwen: ovviamente le storie ben scritte riescono a coprire molte cose, anche qualche incongruenza.

    RispondiElimina
  8. ragazze, io resto dell'idea ceh se voglio un giro di realtà totale, mi guardo un telegiornale!
    scusate la franchezza :)
    Lety

    RispondiElimina
  9. Lety ovviamente è ben accetto il tuo punto di vista! Ma siamo arrivate al punto che ci fa sognare solo la suorina? Non sono meglio un paio di lillate in camporella?
    Scusate questo post è solo per far schiantare dal ridere la mia amica/metà della mela. Spero che non possa ridere e che in ufficio ci sia già qualcuno : p cosi da rendere il mio commento ancora più crudele! Ross posso usare il blog per usi personali? Si posso : )
    Un bacio all'astrofida
    Lilli

    RispondiElimina
  10. Letì wow! Passi dal sognare l'impossibile al vedere il telegiornale! Ma tutto il mondo in mezzo? ihihihihihihihihih

    RispondiElimina
  11. Io detesto proprio che si associ la parola "valore" alla verginità femminile, che altro non è un'imposizione culturale tramandata nei secoli dal cosiddetto maschio.
    Io mi concentro più sulla storia d'amore, che sui passati sessuali dei due.....anzi a volte mi infastidisce proprio che lui sia sempre navigato....e pronto a capire la differenza fra le varie esperienze..e che invece per lei sia unica, ineguagliabile e irripetibile...Dany

    RispondiElimina
  12. PER LA PRECISIONE: lillate in dialetto pratese ( ovvero della Lety ) significa zozzerie, la parola non deriva dal mio nome, pur se non le disdegno. In camporella poi.....la morte sua ; )
    Lilli

    RispondiElimina
  13. Lilli sei unica!

    @Dany:
    ecco, finalmente, qualche altra che la pensa in modo simile? Possibile che a nessuno faccia rabbia la "perfezione" di queste eroine o l'accondiscendenza verso i rispettivi eroi?

    RispondiElimina
  14. Alt, alt... io non ho mai parlato di valore, solo di vecchi clichè ai quali sono affezionata.
    Fermo restando che la storia deve essere scritta bene e con una trama avvincente e coivolgente.
    Il valore è altro!
    Lety

    @Lilli: non commenterò il discorso della Lillata, ma la mia damina 800esca infrattarsi in camporella, proprio non ce la vedo... :)))

    RispondiElimina
  15. beh ragazze siete uniche!sto piangendo dal ridere!
    Cmq torniamo all'argomento che trattiamo! allora secondo me dipende da che romanzo si tratta è ovvio che per uno storico sia normale trovare l'eroina ancora vergine! mentre per uno contemporaneo anche se la eroina non è illibata va bene lo stesso anzi, anche perchè non è giusto che questi uomini siamo sempre i più navigati ed esperti!a me piace immedesimarmi nella protagonista poi se diventa esperta dopo la prima volta, vuol dire che il maestro era molto bravo! ^_^
    Annika

    RispondiElimina
  16. Le cortigiane proprio NO! Quando leggo mi piace sognare e quindi preferisco le vergini o le vedove che hanno già fatto esperienza ma che sono ancora pronte a rimettersi in gioco. Sarò di vedute ristrette e legata a vecchi standard ma un libro che ha per protagonista una cortigiana non lo prendo neanche in considerazione....ovviamente questo discorso è riferito prevalentemente ai romanzi storici perchè con i contemporanei sono un pò più di manica larga....solo un pò però...

    RispondiElimina
  17. Le cortigiane proprio NO! Quando leggo mi piace sognare e quindi preferisco le vergini o le vedove che hanno già fatto esperienza ma che sono ancora pronte a rimettersi in gioco. Sarò di vedute ristrette e legata a vecchi standard ma un libro che ha per protagonista una cortigiana non lo prendo neanche in considerazione....ovviamente questo discorso è riferito prevalentemente ai romanzi storici perchè con i contemporanei sono un pò più di manica larga....solo un pò però...

    RispondiElimina
  18. Scusate involontariamente ho inviato il mio commento due volte
    Daisy

    RispondiElimina
  19. Io andrò controcorrente ma amo quei romanzi in cui si parla di cortigiane o comunque donne che non sono alla loro prima esperienza. Possono anche loro vivere storie d'amore che fanno sognare!
    Per quanto riguarda la realtà, io credo che ancora oggi ci siano donne che danno valore alla verginità. Sono poche ma esistono.

    RispondiElimina
  20. @Lety:
    QUOTO TUTTO!!!!! E poi adoro l'uomo che ha esperienza...che la faccia pure in modo da poi dedicare tutto il suo vasto sapere alla sua lei *_* ihihihihihhi

    RispondiElimina
  21. @Juneross: Eh si cara Ross siamo lettrici alla vecchia maniera *_*
    E io non me ne stancherò mai ^_*

    RispondiElimina
  22. LILLIIIII! Lillate a casa mia (maremma toscana) non vuole proprio dire zozzerie ma ... colpi di "lilli" al maschile (ehm ehm non so come scrivere senza cadere nel triviale).
    Per quanto mi riguarda datemi un libro scritto bene, appassionante, non noioso e possibilmente non ridicolo. Poi potete metterci vergini, vedove, cortigiane, ecc. Basta che siano INNAMORATE e che lui sia INNAMORATO. E che siano rapporti monogami. La promiscuità non mi interessa.
    Lucia

    RispondiElimina
  23. A me dipende...nei romanzi storici preferisco che sia illibata...a meno che non tratti una vedova!

    Nei moderni che abbia avuto esperienze sessuali lo trovo normale, e mi meraviglierei del contrario!

    Tutto dipende da dalla storia, dal background dei personaggi.

    Devo dire che le storie con le cortigiane non sono per me...è il concetto di essere pagate per il sesso che mette la protagonista in una luce in cui non riesco ad immedesimarmi!

    RispondiElimina
  24. @LULLIBI
    Il fraintendimento nasce tutto dalla mia grande amica Lety ( poi ho capito anche io cos'è lillo..... ), io non ne ho colpa : (
    Un bacio
    Lilli

    RispondiElimina
  25. Adoro le trame dei romanzi storici con protagonista una candida illibata.
    Le cortigiane non catturano minimamente la mia attenzione e non mi piace leggere le loro storie.
    Se ai giorni nostri il valore della verginità tornasse in auge sarebbe una gran cosa....dal mio punto di vista, questo valore, è accompagnato da molti altri che, appunto, oggi dì non sarebbe male riscoprirli....
    Morena

    RispondiElimina
  26. @Morena
    io mi auguro davvero che non torni in auge, anzi che se ne resti pure lì dov'è, nel baule della nonna, e non vedo da quali altri valori possa essere accompagnato....se non una visione ristretta, gretta, messchina e maschilista del ruolo della donna. Che una ragazza la voglia conservare, è una cosa che rispetto profondomente, ma che per questo debba essere considerata superiore è una cosa che da donna non accetto, non posso accettare nè mai accetterò!
    Sempre con simpatia
    Lilli

    RispondiElimina
  27. ok ... visti i precedenti commenti ora incorrerò nelle ire delle "tradizionaliste"...

    Io ho bisogno che la storia, storica, contemporanea, paranormale o cosa volete, sia scritta bene. Mi spiego : quello, indipendentemente da cosa i protagonisti siano stati prima, deve essere il vero amore e far dimenticare tutto il resto, ferite, amori, esperienze o tutto ciò che c'è stato prima.
    Ed appunto non mi interessano le altre esperienze, perchè quella narrata nel libro che io amo, deve essere "l'esperienza", la numero uno e basta.
    Insomma è più importante che ci sia un' analisi dell'innamoramento tra i protagonisti che lo renda unico , irripetibile , travolgente e che li renda dimentichi di tutto il resto, in modo che me ne dimentichi anche io!
    Quindi che siano vergini o no (lui e lei) a me non importa un accidente!

    RispondiElimina
  28. dimenticavo di precisare che ovviamente, per uno storico, deve esserci un minimo di credibilità, quindi la debuttante assetata di sesso promiscuo, non è proprio un punto di partenza che mi aspetto... ma se l'autrice è tanto brava da farmi amare anche questo, ben venga!

    RispondiElimina
  29. Perdonate se uso un attimo il post per un commento fuori tema:
    @lullibi: il termine lillata è stato coniato in un ordinario di pomeriggio di follia in chat, diciamo che Lilli ha capito che fosse un termine proprio dialettale, ma in realtà è come dici tu! Diciamo che suona un po' "maluccio"
    Bacioni Lety

    RispondiElimina
  30. @Lilli, scusami ma non capisco!
    Forse ho travisato il significato del post.
    Ho risposto a questa domanda:
    " A prescindere dai romanzi, per voi oggi la verginità ha ancora un valore? E perchè?"
    Lasciando perdere un attimo i romanzi che sono appunto romanzi, ho detto che secondo me il "valore" della verginità (ammesso che al giorno d'oggi, esista ancora) è una gran cosa.
    Per quanto mi riguarda, lo rispetto moltissimo.....è una scelta!
    Non mi sembra di aver detto che una ragazza vergine "deve essere considerata superiore"....queste sono parole tue non mie.
    "Superiore" di chi? Cosa?
    Se una donna vuole arrivare all'altare "integra" e "solo" per il marito, mi speghi che male cè?
    Avrà fatto una scelta...( oppure, in precedenza è stata sfigata.....ma questa è un'altra storia!)
    Perciò non capisco il tuo simpatico attacco....
    Se poi, la mia frase in cui dico che mi piacerebbe che la verginità, al giorno d'oggi, abbia più valore è da te considerata " visione ristretta, gretta, messchina e maschilista del ruolo della donna"....bè, è una tua opinione, la rispetto ma non la condivido e non vedo il motivo di tanta agitazione.
    Sempre con simpatia
    Morena

    RispondiElimina
  31. @Morena
    Agitata io?
    Ma nemmeno un pò :) e la mia simpatia non era ironica. Tu hai risposto al post, io a ciò che ti auguravi nel commento, precisando che rispetto chi otpa per questa scelta. Certo, se la si considera un valore aggiunto, giocoforza sminuisce chi non ce l'ha. La mia era una riflessione indotta. Perchè vedi un attacco dove non c'è?
    Con vera simpatia
    Lilli

    RispondiElimina
  32. @ Lilli, no, il mio non era un discorso su un valore aggiunto.
    Mi sono soffermata solo sul "valore".
    Tranquilla....anche la mia non è una simpatia ironica!
    Concludo dicendoti che chi ti scrive non ama le regole. Sono sempre "contro" e guai a chi me le impone.....non hai idea di quanto ha penato mio marito con me, negli anni che furono.....!!!!
    Con vera simpatia anche per me!
    Morena

    RispondiElimina
  33. Uhhhhhh! E come siete simpatiche, ahahaha!
    Accidenti, Vedo che la verginita' e' ancora un argomento spinoso....mumble, mumble....dobbiamo aprire un ulteriore
    Post per discuterne ancora e in modo piu' profondo? Anche se, ricordate, e' l' argomento che si affronta e si critica e non le persone che rispondono, vero?
    Baci a tutte le mie simpaticone :))

    RispondiElimina
  34. L'UNICA PERSONA CHE SI PUO' VERAMENTE CRITICARE E' JUNEROSS, VI DO' UFFICIALMENTE IL PERMESSO!
    Un bacio a tutte
    Lilli

    RispondiElimina
  35. Ahahahahah...mi vendichero'..... Ahahah! Occhi aperti lilluccia caràaaaaAaaaaaaa

    RispondiElimina
  36. La visione del valore "verginità" può assumere un significato di valore aggiunto in base al contesto. Lo è in un contesto religioso cattolico e secondo me lo è anche quando è una scelta di coppia, che fanno entrambi. Vuoi perchè è un amore nato tra giovanissimi, vuoi perchè la scelta era stata vissuta da entrambi anche prima di incontrarsi, ma in questi casi per me è vera poesia. Qualcosa di molto romantico. Ovviamente ripeto, in piena consapevolezza di entrambi e per i giusti motivi (come valore non mezzo di controllo, non rinuncia per altri timori/paure).

    RispondiElimina
  37. Beh,,,,,non è carino arrivare illibate per il marito.....Perchè non ci si pone mai il problema contrario?????
    dany

    RispondiElimina
  38. @Lilli @Lety
    Carissime amiche di blog (posso considerarvi amiche Vero? Ormai si è più sinceri on line che dal vivo) Il mio non era un rimprovero. Anzi. Mi sono fatta un sacco di risate quando ho letto il post e la parolina ... ehm ehm "Lilli" al maschile ;)) (sono sicura che non ti offendi L) Mi sono immaginata la Lilli che usava la parolina senza sapere il vero significato e (scusa la malignità) ci ho riso su! E poi, ho voluto aggiungere un po' di pepe ad una discussione già molto pepata e, direi piena di sabbie mobili.
    Un bacione a tutte sia pro che contro.
    La libertà è il vero valore aggiunto.
    Lucia

    RispondiElimina
  39. Carissima Luciaaaaaaa,
    ma certo che puoi considerarci amiche!Figurati!!!!! Ma lo sappiamo che non era un rimprovero, anzi!!!!! "Scusa la malignità" a ME?????? Tesoro, un tocco di malignità nella vita può essere solo che salutare! Sono felice che hai riso di me, anche se quando l'ho detto, la mia amicadelcuore Lety ( maremma bonina! )m'aveva già confuso le idee abbastanza! Concordo su tutto e vorrei chiudere con una rima:
    "la purezza è una cosa bella, non si discute.
    E non mi riferisco certo a quella della cute.
    Ma orsù è un pregio? Quest'è bella!
    Lo sarà anche, ma preferisco andar in camporella!"
    Un abbraccio a tutte, Ross perdono, mi inginocchio sui ceci e mi metto il cilicio, ma non ho resistito!
    Un bacio speciale a Lucia
    Lilli

    RispondiElimina
  40. =) =) Mitica Lilli!!!
    Ma la poesia è tua?!!!! Ricominciamo?!
    "Camporella?! Che cos'è?!
    Questa idea, via da me!
    la mia mamma mi ha insegnato
    non ritorna ciò che è dato.
    Casta e pura son rimasta
    Ma da quando L.... mio
    al ... cor mio si è affacciato
    neanche il letto più mi basta.
    Oh, me misera e tapina
    ... mammina cara...,
    tornerò come prima?"
    Sì lo so, la metrica fa schifo, ma l'importante è farsi capire, no?
    Un bacione a tutte quante, e alla Lilli che maligna non è, ma sobillatrice sì, uno anche più grosso. Mitica L
    Lucia

    RispondiElimina
  41. "Oh cara bella sei Lucia
    rispondi alla rima mia!
    Casta e pura io non sono
    da tempo ho perso il grande dono!
    La tua mamma poi nemmeno
    ma ti rispondo senza meno!
    La notizia non t'affanni
    ma non voglio che t'inganni
    Casta tu non tornerai
    quel che è perso non riavrai!
    Che ti importa amica mia?
    Un pater, un ave e cosi sia!
    Con questa strofa poco tersa,
    senti a me ogni lasciata è persa!
    Se all'inferno ce ne andremo
    compagnia noi ci faremo
    e chissà nella fiammella
    un si trovi pure camporella!"
    Con immensa stima, adoro le persone che si prendono poco sul serio! Sono piegata in due dal ridere! ( Ridere di me e delle battute, non di chi la pensa diversamente da me, QUI E ADESSO SI TA SOLO GIOCANDO : )) E hai ragione sono una sobillatrice nata!
    Un bacio
    Lilli

    RispondiElimina
  42. Strabiliata, basita, ammirata.
    Ti chiedo umilmente di farmi da Maestra. Mia cara Sensei Lilli prona sono ai tuoi "santi" piedi e se mi ricordassi come faceva, ti onorerei con la magnifica chiusa della lettera di Totò e Peppino.
    Però mia Sensei, ti prego le Avemarie e i Paternoster no, ti prego, no. Atea sono!
    Ormai siamo OT alla grande!
    Lucia

    RispondiElimina
  43. @ Licia @Lilli....mi avete fatto morir dal ridere....complimenti....ma le poesie ve le siete inventate?
    Brave e simpaticissime!
    Per chiudere in allegria vi lascio con una piccola barzelettina...l'ho un po modificata...chiedo scusa se sono fuori luogo....ma mi avete trasmesso allegria:
    "Due amiche si confidano: - Scusa, ma come hai fatto ad arrivare vergine al matrimonio? E l'altra: Eh ragazza... ci vuole un bel po' di poppi, tanto tanto poppi..."
    ...chiedo scusa..!!!
    Ciaooo!
    Morena

    RispondiElimina
  44. OMMIODDIOOO! Che cos'è il poppi? Il mio ex suocero si chiamava Poppi (cioè lo chiamava così la mia suocerina). Sarà mica lui?! Ihhhh, maremmina bona, o Morena, icchellè il poppi?
    Lucia

    RispondiElimina
  45. ....si può...è il fondoschiena!!!!
    Scusatemi....ma non ho resistito!!!!
    Morena

    RispondiElimina
  46. @Lucia

    Mia cara adepta Lucia, nonostante abbia la vista annebbiata dalle lacrime ( m'hanno detto di tutto nella mia vita, Sensei mai! Non ce la fò! ) sono pronota a renderti edotta di questa scienza di cui sono Mestra ( modestamente ehehehe ). Inoltre, se la memoria non m'inganna ( facile ) son io quella che a spada tratta ti difese a proposito di un post sulla Schone ( e qui vago nel mare magnum della confusione perchè non mi ricordo nemmeno se era la Schone e se eri te! ). Ancor vittime sul campo si contano, perchè ricordati IN QUEL ROMANZO L'AMORE NON C'E', E SE LO VEDI VAI DA UN OCULISTA, MA NON C'E' E BASTA!!!!!! ( e qui se non sei te e non stai capendo una cippa lippa di quello che sto dicendo, sfioriamo il suerreale! )Non so nemmeno più quello che dico, sto ridendo molto e chiudo come da richiesta....

    PUNTO, PUNTO E VIRGOLA E DUE PUNTI....MA SI FAI VEDE' CGE ABBONDIAMO!
    Baci poetici
    Sensei Lilli

    @Morena
    allora abbiamo fatto la pace? :)
    Sono contentissima! Anche di averti trasmesso allegria, in genere trasmetto l'orticaria :(
    ......ehm........cosa sono i poppi?
    Un bacione a Morena
    Sensei ( mò c'ho preso gusto ) Lilli

    RispondiElimina
  47. Pace?
    Ma mia cara non abbiamo mai litigato...!!!!
    I litigi sono altro...!!!!
    Ci siamo solo trasmesse le nostre opinioni...sono io che, forse, ho preso troppo sul serio il tutto!!!!!
    E ti dirò una cosa...se questo lo avessimo discusso "oralmente" avrei concluso con: "andiamo a berci un bel bicchierino e discutiamo avanti...!!"
    Non sono brava con la scrittura...preferisco una bella chiacchierata...!!!!
    Perciò...Sensei, Licia...brave e complimenti!!!!!
    Morena

    RispondiElimina
  48. Sensei mia santissima. Sì son io la tua piccola vittima da te così magistralmente difesa sul tema scottante della Schone (mia adorata Schone!), difesa al punto che cadesti sul campo. Da tutte, oramai, considerata malafemmena comme amme!
    Viva l'amore puro o zozzo, basta che c'è!
    Cara Morena, anche se sei dall'altra parte della barricata (in senso buono eh..) vengo volentieri a bere con te. Però sono astemia, se po' fa' un teino?
    Baci

    RispondiElimina
  49. Anch'io sono astemia ma un caffè, un apperitivo, un tè...si può fare, no?
    Così ne parliamo con calma e spiego meglio quello che volevo dire...!!!!

    Magari all'aperto, se non fa troppo freddo così ogni tanto mi fumo una sigaretta....con una tosta come Sensei...hai voglia!!!!!

    Baci a tutte!!!
    Morena

    RispondiElimina
  50. Sei tu? Sei tu? TU?????????????
    (Morena molla la grappa, mettiti una parrucca bionda e fammi la Carrà ).
    Ed ecco che Lilli si alza, incerta, commossa, un grido sale dalla sua gola.....LUCIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
    Morena/Carrà invita all'applauso e le due si abbracciano piangenti.....
    Ma tutta a un tratto......ecco che l'occhio cade sui Carramba Boys
    "Oh Lilli" fa Lucia " Icchè dici se ci si va a fare un giro? Vedo merce buona......"
    "Oh Lucia" fa la Lilli mentre circospetta si pulisce gli occhi dal mascara disciolto ( gli ho dato giù di matita nera, e quando mi ricapita di andare in televisione?) "cara e bella, ma possibile che con te si finisce sempre n'camporella?????"
    Morena/Carrà manda la pubblicità, gia che si trova manda all'ortiche pure la verginità ( la rima e più forte di me! ) e si unisce a noi!
    E vissero tutte felici, impure e contente.
    FINE
    Sensei Lilli

    RispondiElimina
  51. Magari!! Adorerei un po' di sana discussione tra persone affini, anche se di pareri diversi, davanti a un caminetto, con una tazza fumante in mano. Perché qui, maremmina bella, fa un freddo 'ane.
    Altri baci
    Lucia

    RispondiElimina
  52. Stò piangendo dal ridere....la Carrambata...troppo forte!!!!!
    Bè, bionda lo sono, eh....!!!!!
    ".....perchè la Carrà.....è quiiiiiiiiiiiii!!!!!!
    Troppo ridere!!!!!!!!!!!!
    Morena

    RispondiElimina
  53. Sensei ... Sensei ... Sensei ... Non ho parole ... Ti faccio tanto di cappello, ma solo quello perché qui, ribadisco, fa freddo. Il resto me lo tolgo con i Carramba Boys, ma in camera non in camporella. E poi, Sensei, con tutto il mio prono rispetto (stando ben attenta al poppi) ebbasta co' 'sta camporella, che con la tramontana che fa si infila in tutti i pertugi. Brrrrr...
    Rimango tua adepta per la vita o mia fulgida, algida, Supernova Sensei. Io mai e ribadisco mai arriverò a toccare le tue sacre vette. Ma sei anche terzo Dan?
    Lucia

    RispondiElimina
  54. Care bimbe scostumate, non piu' vergini illibate, ora ora io vi dico:
    Buona notte, ed attente al....

    RispondiElimina
  55. Ma quanto siete braveeeeeeeeeeeee!!!!!

    Che bello cominciare la giornata con tante risate!!!

    Ross pure tu... ihihihihih


    Beh care Lilli e Lucia, ci fossi stata anche io per il post sulla Shone saremmo state in tre... ma forse con Lucia ci siamo incontrate altrove per quella battaglia...

    RispondiElimina
  56. Non credo di poter affrontare tutte queste rime!
    Comunque molto brave... complimenti...
    Ma di che parlavamo nel post???
    ;)))
    Lety

    RispondiElimina
  57. Dopo aver finito di spanciarmi dalle risate - Complimenti ragazze, siete poetesse sopraffine, d'altronde con cotanta ispirazione!!! :P - ritorno io in argomento dicendo tutta la mia approvazione ai post di Noco ed Eleonora. Sia nei romanzi che nella vita quando c'è l'amore prima o dopo non ha importanza ma la ginnastica, per favore, lasciamola alle palestre!
    Quello che invece sono strastufa di vedere sono le eroine delle fiction italiane in costume che alla prima puntata, che dico, nei primi trenta minuti già cedono al bell'eroe. Ma scusa, di già? E se vanno subito d'amore e d'accordo che gusto c'è a sorbirsi altre 5 o 10 puntate in cui ci si mette di mezzo la solita ex gelosa o il solito supercattivone? Ma un po' di battibecchi? Di corteggiamento? Di tira e molla? Gli sceneggiatori di questi mattoni hanno mai letto la Austen, La Woodiwiss, la, e scusate se sempre mi ripeto,Robards???
    Susanna

    RispondiElimina
  58. P.S.
    "Terra ribelle" non l'ho ancora visto e, alla luce di quanto ho scritto sopra, me lo consigliate o no?
    Susanna

    RispondiElimina
  59. Susanna, io lo sto guardando e mi piace molto, ci sono molti stereotipi classici, le due sorelle, il ricco possidente, il mandriano povero ma bello, segreti di famiglia ecc, ma mi piace molto lo stesso, o forse proprio per questo ;) Bella l'ambientazione, la Maremma della 800 rivisitata come fosse una sorta di Far West ;)
    Parlo della storia, non di attori e regia che hanno più di qualche pecca...

    Un bacio
    Lilli

    RispondiElimina
  60. Ragazze, non vi posso lasciare sole che mi fate rime e rimette:mi sono persa!
    ;)
    Lasciando stare che in questo blog siamo tutte pazze, io direi che come sempre è bello avere un dibattito su diversi punti di vista.
    Da sempre il tema della verginità è considerato in modo diverso a seconda delle epoche e dei contesti storici.
    E tra parentesi quando parlavo di valore da ader alla verginità non mi riferivo al fatto che chi non lo è più ha meno valore delle altre...
    Volevo sottointendere soltanto che è una condizione unica e irripetibile che è bello condividere con una persona con la quale (in quel momento) si ha un forte legame: poi che la storia continui o meno non fa molta differenza!

    @Susanna: "terra ribelle" è carino, (lui è da mangiare proprio!), ma manca proprio ciò che dici tu: la fase del corteggiamento così presente in fiction come elisa di rivombrosa (solo la prima!), qui è stata quasi saltata a parte qualche piccola scena!
    si sono innamorati praticamente subito!
    ma comunque, penso che rispetto ai soliti prodotti televisivi, valga la pena di vederla!

    Baci a tutte!

    RispondiElimina
  61. Infatti, solo "Elisa di Rivombrosa" si discosta un po' ed infatti le puntate che mi hanno appassionato di più sono le prime nove. Per appassionarmi davvero una storia non deve dare per scontato l'amore quasi fino all'ultimo....E adesso ho riportato l'O.T. :(

    Se me lo consigliate vedrò di procurarmi "Terra ribelle", grazie.
    Susanna

    RispondiElimina
  62. Eh ma il primo ciclo di Elisa di Rivombrosa è ispirato ad un romanzo famosissimo ... Pamela di Samuel Richardson

    RispondiElimina
  63. che mega discussione! :-) mi riavvicino al topic e dico anche la mia:
    le vergini devo confessare che mi piacciono... non escludo le donne navigate a prescindere (dipende da come il libro è scritto, non c'è nulla da fare) ma diciamo che l'autrice ha vita più facile parlandomi di fanciulle alla loro prima volta. sarà che io non sono stata un briciolo paziente e quindi cerco di "recuperare" in fantasia :-D anzi, a dirla tutta ho un nonsoche di attrazione per le storie di vergini "al quadrato", ovvero donne che hanno subito strupro o traumi del genere e quindi del sesso non ne vogliono sapere niente e l'eroe deve sudare 17 camicie prima di sfiorarle (e con questo è chiaro che per me la verginità è una cosa tutta mentale).
    Concordo però sul fatto che le vergini-ninfomani sono alquanto irrealistiche... in particolare mi fanno quasi incavolare quelle timide, innocentissime, che mai nemmeno avevano pensato di toccarsi lì, quelle che piuttosto che far vedere le caviglie si ucciderebbero, ma quando poi lui tutto baldanzoso si approccia a... ehm... adorarle con la bocca... baciare il tenero bocciolo di rosa al cuore della loro palpitante femminilità... (o qualsivoglia metafora preferiate) loro si abbandonano entusiaste alla cosa godendosela come matte. Boh, magari sarò io, ma mi sembra esattamente quel tipo di cosa per cui ci vuole un attimino di confidenza! :-/ se alla prima volta mi avesse fatto una cosa del genere lo avrei abbattuto a ciabattate!

    RispondiElimina
  64. (continuo da sopra)
    ma a me non piacciono nemmeno gli eroi supermegaextra esperti, quelli che ne sanno una più del diavolo, che ce l'anno sempre enorme, durissimo, tremante, resistentissimo, che non fanno una mossa sbagliata, che fanno sempre godere qualsiasi donna e che però... MAI lo avevano fatto come con lei e QUINDI capiscono di amarla.
    Per non parlare di quelli che dopo una settimana senza eiaculare sembrano sul punto di morire e danno testate al muro e passano la notte in bianco nel dilemma tra andare in cerca di una gonnella facile o buttare al vento gli scrupoli e piombare nel letto dell'eroina. Ma il fai-da-te non viene in mente a nessuno? Non si usava? E che non erano capaci? Un uomo ai giorni nostri passa tranquillamente mesi se non anni senza fare sesso, in mancanza di storie, mica tutti vanno a prostitute! e non è che siano tutti preti o moribondi...
    Io sono molto più contenta quando trovo un eroe che ha rispetto di se stesso e che non salta da un letto all'altro, che da importanza al sesso e che non lo fa come uno sport.
    Ok, ormai sono offtopic... mi faccio prendere dall'onda! :-)
    più unici che rari poi sono quelli con poca esperienza o che addirittura non ne hanno, qualcosa ho letto ma non lo ricordo... se avete qualche titolo con uomini vergini vi prego di segnalarmeli perchè muoio dalla curiosità! :-) chissà che non siano un po' più umani, nel letto, e non il solito dio del sesso che fa tutto meravigliosamente, e lei che si dimentica di tutto e di tutti, e al 99% vengono insieme (o al massimo lei 5 secondi prima)... giuro che alle volte salto interi paragrafi. mi sembra di aver letto tutto già 20 volte. Sono molto più interessanti il prima e il dopo, in cui ritornano ad essere persone e non solo stereotipi del rapporto sessuale perfetto.
    (si si si sto generalizzando al massimo, non è sempre così... ma capita abbastaza spesso secondo me)
    ah, giusto per riavvicinarmi al topic, che una donna abbia già amato altri uomini non mi pregiudica nulla. i libri sono pieni di vedove che non avevano amato il marito e di ragazze che si sono concesse ad un mascalzone che in realtà capiscono di non amare, beh, per me va bene anche se lo hanno amato... anzi! Aggiunge un po' di complessità alla storia! Nel cuore c'è spazio per tutto l'amore che serve! ;-)

    RispondiElimina
  65. Gio l'unico uomo vergine di cui ho letto in un libro è il protagonista di Un vero dandy di Mary Balogh: lei però era una cortigiana se non sbaglio!

    RispondiElimina
  66. @Gio
    io sto leggendo Dark Pleasure di Kresley Cole e lui non è proprio un vergine ma quasi... e lì mi fermo per evitare lo spoiler...

    noco

    RispondiElimina
  67. GIO FOR PRESIDENT!!!!!!

    E se hai voglia di cercare, ti consiglio un vecchio libro della Goldsmith "Nemici per amore". Il brutto titolo induce in inganno ma il libro è una divertentissima storia di un'amicizia che diventa amore e di un nerd che diventa un figo da paura
    Susanna

    RispondiElimina
  68. Mi sembra che anche nel "Il profumo dell'anima" della Summer il protagonista sia leggermente "nerd" o vergine.
    Lucia

    RispondiElimina
  69. MITICI i protagonisti "nerd"! ah ah ah :-D grazie a tutte!
    mi segno tutti i titoli e metto in lista d'attesa... ;-)

    RispondiElimina
  70. confermo quanto hanno detto susanna e lucia e ti aggiungo che tutta
    la prima parte che hai descritto l'ho ritrovata nel romanzo che sto leggendo ora:amore osa della serie passione mondadori
    ciao marianna

    RispondiElimina
  71. Ieri sera leggendo "Fascino segreto" di Nicole Jordan mi è tornato in mente questo post perchè lì si partla proprio di una vergine ninfomane.
    Va bene che nei romanzi storici è meglio una protagonista vergine, ma che il giorno dopo aver perso la verginità la nostra eroina vada da una cortigiana a farsi spiegare cosa fare per sedurre il marito e poi metta anche in pratica i consigli al secondo rapporto con lui è veramente assurdo.
    Non dico una cortigiana, ma almeno una vedova come protagonista sarebbe stata più credibile!
    Ciao a tutte. Fio

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!