Passa ai contenuti principali

Matrimonio per tre - Maggie Osborne


TRAMA:
Vuoi tu, Jean Jacques Villette, prendere la qui presente Zoe Wilder come tua legittima sposa?” Naturalmente sì. Lui è bellissimo e sembra amarla molto. Peccato che in realtà sia già sposato con Juliette March, e anche con Clara Klaus. Questo è ciò che scoprono le tre mogli, poco dopo le ultime nozze, quando l’affascinante sposo si è ormai dileguato con i loro soldi, forse in Alaska. Animate da propositi battaglieri, le tre donne non perdono tempo, ma lungo il viaggio le cose precipitano, specialmente per quei tre gentiluomini che hanno incontrato sulla strada…

Questo libro è davvero insolito!

Comincia in modo, oserei dire, quasi noioso, ma a conti fatti , si rivela spassoso, divertente, leggero (… ma solo in apparenza…)

La storia è una, ma le protagoniste sono tre e l’inizio è sconcertante: tre donne si incontrano durante la ricerca di un solo uomo che le ha sposate tutte!!!!
Ovviamente si studiano, si odiano, ma si alleano per stanare il “comune nemico”.
L’autrice è davvero brava a delineare la situazione in cui si trovano queste donne, in maniera delicata, a tratti commuovente, e il loro modo diversissimo di reagire a questo che, diciamocelo, è un vero e proprio dramma: una non riesce a convincersi che le abbia mentito e si ostina a pensare che il suo sia il matrimonio legale, l’altra rivuole indietro i soldi che gli ha prestato e la terza vuole ucciderlo per fargli pagare l’umiliazione subita.

Si entra nelle loro vite in punta di piedi, in modo lento e graduale, ma si arriva a comprenderle e a condividere ogni loro pensiero e comportamento: i tratti psicologici di ogni donna sono tratteggiati con cura e il risultato è un ritratto di tre figure diversissime tra loro, ma ugualmente interessanti e ricchissime di personalità.

Il libro poi prende quota quando, nell’inseguimento, le tre “eroine” s’imbarcano per l’Alaska al seguito di cercatori d’oro, nel disperato tentativo di ritrovare il fedifrago truffatore.

L’ambientazione è straordinariamente evocativa: non ho mai letto nessun romance ambientato alla fine dell’800 tra i ghiacci Del Klondike (mi ricorda tanto zio Paperone…),
le descrizioni dei paesaggi sono favolose e molto realistiche, tanto che mi son ritrovata a rabbrividire in pieno Agosto!

Le situazioni che si creano sono molteplici, arricchite da colpi di scena e dall’alternarsi delle tre storie, che s’intrecciano e creano continui cambiamenti di scena, rendendo la lettura appassionante e scorrevole; inoltre, le parti divertenti servono a sdrammatizzare le notevoli difficoltà e a superarle “con il sorriso sulle labbra”.

Ma il vero punto forte è la crescita delle protagoniste, straordinaria, ma del tutto verosimile.
Il fatto di ritrovarsi in un ambiente diverso, dove le regole della società sono ribaltate e dove contano di più l’amicizia , l’onestà, e la lealtà rispetto all’”etichetta”, di avere una motivazione comune che le sostiene e che le allea, rinvigorendole in modo esponenziale, fa affiorare in loro una forza, una volontà tanto intensa da tenerle in vita e guidarle verso la meta, quando uomini forti e robusti soccombono a sconforto e fatica.
Il “viaggio”, per queste tre donne, si fa quindi interiore e serve per conoscersi nel profondo, arrivando a filtrare la loro vera essenza ed a purificarle da insicurezze nascoste che forse non si sarebbero mai palesate( ma che le avrebbero sempre influenzate e minate nel profondo) fino ad arrivare alla piena consapevolezza di sé che è mancata ad ognuna di loro fino a quel momento….

Non svelo altro, sappiate solo che alla fine dovrebbero ringraziare Jean Jacques per averle spinte tanto in là.

In conclusione: una lettura leggera, ma non vuota, con una polpa succosa e dolce, ma un nocciolo duro e molto consistente , che sono molto felice di aver avuto modo di sperimentare!

Noco




Commenti

  1. @Noco tu saresti capace di far diventare attraente persino "La sposa di Ravencliff", che detesto ogni dire, per la capacità, la bravura e la nuralezza con la quale ti esprimi. Per una volta i miei complimenti non vanno al libro ma a te : )
    Lilli

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Lilli. Bravissima Noco! Concordo con tutto ciò che hai scritto. Avevo iniziato a leggere il libro con molta reticenza, e, anche se non è un capolavoro, è scritto talmente bene che mi è piaciuto. E a me non piacciono le storie d'amore con più di una protagonista. La tua recensione Noco esprime in pieno tutto quello che penso anche io. Solamente che tu sei bravissima a trascriverlo, invece, a me le idee restano in testa e non c'è verso di esprimerle!
    Ancora brava!
    Lucia

    RispondiElimina
  3. bella recensione Noco!
    io conoscevo già il modo di scrivere della Osborne e devo dire che le caratteristiche di questo romanzo sono sue peculiarità.
    carino per chi non lo ha letto "tornare ad amarsi".
    questo romanzo l'ho letto ed è grazioso ma per passare un pò di tempo...
    onestamente non lo rileggerei...

    RispondiElimina
  4. Bravissima Noco!
    Concordo su tutto!
    Leggendolo, mi sono molto divertita!
    E' stata una lettura diversa dal solito clichè, dinamica e frizzante!!!
    L'unico neo, secondo me, nel finale ho sentito puzza di tagli, però, lo ripeto, è un romanzo da leggere!!!!
    Morena

    RispondiElimina
  5. anche a me e' piaciuto molto! il libro e' decollato man mano e mi ha coinvolto sempre piu'. Si un alettura leggera , ma x niente deludente. Scorrevole e accattivante e le protagoniste geniali nelle loro differenze. A tratti divertente , ma non mancano anche passi drammatici. Si , il mio giudizio e' decisamente positivo! E inaspettato!
    annina

    RispondiElimina
  6. Noco, come al solito hai scritto una bellissima recensione!
    Quoto Lullibi: La tua recensione Noco esprime in pieno tutto quello che penso anche io. Solamente che tu sei bravissima a trascriverlo, invece, a me le idee restano in testa e non c'è verso di esprimerle!
    Altro non serve dire...

    RispondiElimina
  7. Grazie per i complimeti.
    Da un libro da cui non mi aspettavo molto, ho avuto un'ottima sorpresa!
    Grazie a Mor che me l'ha consigliato!

    RispondiElimina
  8. l'ho letto anche io e mi piaciuto, io ho un debole per i romanzi di questa autrice

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…