Passa ai contenuti principali

Mister Gregory di Sveva Casati Modigliani

Da tantissimo tempo non leggevo un libro di Sveva Casati Modignani, ma al momento in cui l'occasione si è presentata ne ho approfittato e ho letto "Mister Gregory".
Come sempre troviamo il suo stile inconfondibile: la scrittura scorre fluida, senza intoppi nè descrizioni troppo dettagliate e per questo noiose.
Ritroviamo una descrizione che si intercala benissimo nella storia, senza sospenderla o appesantirla.
Il romanzo narra, se vogliamo, la vita di Mister Gregory, dalla sua infanzia povera e travagliata a un'esistenza di primo ordine.
Mister Gregory a un certo punto, perde tutto ciò che si era guadagnato, ma il destino riesce a tendergli una mano e a restituirgli, alla veneranda età di ottant'anni, ciò che aveva perso...
Mister Gregory ha un'infinità di donne delle quali si crede quasi sempre molto innnamorato.
Io sono dell'idea che l'unico vero amore della sua vita sia la madre, Isola.
Infatti, il punto focale dell'intero romanzo, ciò che guida le scelte del nostro eroe è appunto questo continuo risentimento nei confronti di una madre troppo bella che ha scelto di seguire il suo cuore.
Gregory ha sentimenti conflittuali perchè non riesce a perdonare sua madre: è geloso, astioso, corroso da questa sorta di confronto che idealmente intraprende nei confronti del compagno della madre.
Il romanzo non narra soltanto ciò che è la sua vita, ma più che altro, tra le righe, risalta la crescita interiore di Gregorio che a un certo punto si renderà conto che quell'uomo che le "ha rubato" la madre, l'ha resa molto felice; che la sua bella mamma non l'ha mai messo in secondo posto...
Un romanzo che consiglio a tutti, anche se a me personalmente ha lasciato un pò di tristezza.
Ho intravisto tante occasioni mancate, tanti sentimenti repressi, tante scelte forse sbagliate...
E' vero che Gregory è diventato appunto Mister Gregory, che dal nulla ha costruito un impero...ma non è forse vero che la sua ambizione gli ha tolto ciò che nella vita conta davvero?!


Ele



Commenti

  1. Non è un romanzo nelle mie corde, ma brava Ele come sempre!
    Baci
    Lilli

    RispondiElimina
  2. grazie per questo spunto Ele, mi piace sempre scoprire nuovi romanzi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

La vie en Rose: arrivederci alla prossima edizione!

Cosa dire di questa sesta edizione de La vie en Rose? Frizzante e  piena di energia positiva! Poi il resto dei commenti li troverete sparsi su tutta le rete, pero' magari, potreste anche lasciarli nel nostro guestbook, sempre se vi fa piacere:  http://www.lavieenroseevento.it/guestbook.htm Cosa dire, invece, della parte "tecnica" dell'evento? Facciamo un piccolo sunto a beneficio di coloro che purtroppo non sono state con noi. Dalla viva voce delle autrici, abbiamo scoperto la loro passione per la scrittura e anche delle piccole anticipazioni delle loro prossime pubblicazioni. Grazie a Marta Morazzoni, Virginia Bramati, Gabriella Giacometti ed Elisabetta Flumeri. Non abbiamo messo la foto di Virginia Bramati per rispettare la richiesta dell'autrice di non apparire nitidamente.   I saluti e le parole del Consigliere Provinciale Vera Romiti , oltre che presidente Forum Provinciale delle Donne, hanno trovato d'accordo tutte le partecipanti. Il