Passa ai contenuti principali

Riscatto d'amore di Madeline Hunter

Da quando ho iniziato a seguire il genere rosa, ho letto tantissime saghe più o meno belle, più o meno riuscite.
Chi non conosce ad esempio la saga dei Bedwyn di Mary Balogh?
Lì, tutte (più o meno) abbiamo apprezzato il Duca di ghiaccio per la sua compostezza, la sua integrità, la sua passionalità trattenuta...
Tutte abbiamo sospirato con Christine al momento in cui il duca di Bedwyn si spoglia dei suoi panni da "duca" appunto e si rivela per ciò che è, un uomo...
Però anche i romanzi che lo precedono sono stati piacevoli, alcuni più belli di altri...
I fratelli Bedwyn, malgrado su di loro incombeva la figura di questo personaggio formidabile, sono riusciti a trasmettere emozioni, a farci affezionare alle loro caratteristiche e alle loro compagne (o ai loro compagni!).

Nella serie "Rothwell" di Madeline Hunter, le figure ruotano attorno al marchese Easterbrook, il capofamiglia, che a differenza di Wulfric Bedwyn, si caratterizza per la sua eccentricità.
Tanto il duca di ghiaccio era ligio al dovere e al suo ruolo sociale, tanto Christian Rothwell si ribella alle sue imposizioni.

Questo mese è uscito il terzo e penultimo romanzo della serie, "Riscatto d'amore" che vede la storia di Rose Longworth, la cugina della cognata di Christian.
Il romanzo è carino, piacevole, ma...vive all'ombra della figura del marchese.
Difficilmente mi capita di apprezzare più una figura quasi in sfondo che il protagonista.
In riscatto d'amore, l'eroe, Kyle Bradwell è una figura interessante ma finisce per restare in ombra totalmente, così come gli altri fratelli Rothwell.
Tutto ciò che interessa è la figura di questo marchese così misterioso, anticonvenzionale, capace di intervenire al momento giusto risolvendo tutto e non chiedendo nulla in cambio.
Un uomo di cui non vedo l'ora di leggerne la storia d'amore.
Madeline Hunter ha creato un gran personaggio, ma in realtà non è riuscita a mettere in risalto le figure degli altri uomini...
Le ha trattate come "comparse", creando nel lettore (o almeno in me) la sensazione che il marchese ha una marcia in più in diverse sfumature...

Certo, tutto ciò ha una nota positiva!!!
Di solito, quando chiudo il libro penso "Che fortuna sta protagonista...magari fossi stata al suo posto!"
Qui, invece penso che tipo quel marchese!!!
E quindi, ci si ritrova a considerare l'eroina di turno non molto fortunata...
Per la serie c'era di meglio e te...ti sei accontentata!

Ele






 border=

Commenti

  1. io odio le saghe troppo lunghe. perdo il concetto dei nomi, luoghi, sono troppo distratta per cimentarmi. Ma quanto desidererei leggere di un personaggio come il duca di ghiaccio( che poi la sua storia in fondo non era sto granche'), ma che era cosi ben costruito durante tutti gli altri romanzi che sospiravi solo a nominarlo...provate un po'...duca di ghiaccio...ahhhhhhhhhhh :)

    RispondiElimina
  2. Ele bravissima, anche io non vedo l'ora di leggere il libro di Christian, spero tanto che la Hunter riesca a non rovinare questo bel personaggio proprio nel suo momento clou!

    RispondiElimina
  3. Ciao
    è vero anche a me è venuto in mente il duca di ghiaccio ed ho sospirato, come dice Ross *_*!!!!
    Attendo con ansia di leggere il suo romanzo... sperando che non passi troppo tempo.... non ho mai capito perchè se i libri sono stati già scritti dobbiamo aspettare tanto per leggerli...... la mia memoria inizia a non essere più quella di prima.... Spero che non sia una delusione come il libro dedicato al protagonista dell'ultima saga della Enoch!
    Baci Marianna

    RispondiElimina
  4. Concordo in pieno con la recensione e con quanto già detto da chi mi ha preceduta: anch'io aspetto il libro di Christian e spero di non rimanere delusa. Niki

    RispondiElimina
  5. La voce fuori dal coro....
    Non amo le saghe, non posso farci nulla.
    Quei continui richiami frettolosi ad altri personaggi ed altri libri che non hai letto o che devi ricordare non mi piacciono.
    Amo il libro completo e autoconclusivo, quello che ti fa sospirare e che una volta chiuso ti fa dire "..Ommadonna!"
    Ovviamente ci possono essere le eccezioni: per esempio, anche se non sono romance, ho adorato i libri della serie "I figli della Terra", non ne avevo mai abbastanza e aspetto i prossimi.
    Tra l'altro, il protagonista maschile è un pezzo di cavernicolo da urlo, che dico, da ululato!
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    io spezzo una lancia in favore di Kyle e Rose: a me la storia è molto piaciuta, mi sono piaciuti i personaggi principali e, non avendo letto i precedenti, non sono stata ammaliata da Easterbrook. Scusatemi, ma cosa c'è di più dolce e romantico di un uomo che si innamora al primo sguardo di una donna e che decide di sacrificare la propria posizione (raqggiunta con difficoltà) per salvarla di fronte alla società? E che cosa c'è di più meraviglioso di un amore coniugale che nasce e si rafforza pian piano nutrito di mille piccoli e grandi gesti d'amore quotidiani?
    Gio

    RispondiElimina
  7. Condivido in parte questa recensione nel senso che è indiscusso che Christian Rothwell affascini e incuriosisca fin dal primo libro, non vedo l'ora di leggere la sua storia per capire il motivo della sua eccentricità e spero che la sua vicenda sia intrigante come lui ma al contempo ho apprezzato moltissimo i personaggi maschili sia del primo libro che di questo,il secondo non l'ho letto perchè la storia non mi attirava molto. Ho trovato uomini che mi hanno conquistata per la loro integrità e responsabilità, forse non sono eroi stratosferici ma sicuramente uomini che sanno farsi valere nella loro "normalità". La protagonista femminile di questo libro, invece, in alcuni punti mi è piaciuta veramente poco....
    Daisy

    RispondiElimina
  8. Non posso che spezzare una lancia a favore di questa saga e di questa autrice, tra le mie preferite.
    Io ho semplicemente adorato il prmo libro, il personaggio maschile era così coinvolgente (almeno per me), il secondo anche non è stato male, forse allo stesso livello di questa terza parte.
    Anche io, in Kyle, ho apprezzato la voglia di instaurare con la propria moglia una intimità sempre più profonda.
    Chiaro che la figura del capofamiglia aleggia oramai da troppo tempo e probabilmente ci attenderà un bel finale, ma ribadisco, anche gli altri uomini della famiglia Rothwell sono stati più che all'altezza.
    Tireremo le somme a fine saga!;)

    RispondiElimina
  9. Ragazze, anche a me il primo è piaciuto! il secondo insomma, il terzo carino anche se mancava di scene degne di nota...
    Comunque,io mi riferivo al fatto che la figura di Christian è troppo preponderante...incisiva e accattivante...e oscura un pò le figure dei protagonisti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…