Passa ai contenuti principali

Stranger in my arms di Lisa Kleypas

Sapete bene che ogni tanto mi piace leggere in lingua e condividere con voi le mie letture...
Infatti, ho appena finito di leggere "Stranger in my arms" di Lisa Kleypas.
Vi accenno un pò la trama:
La protagonista, Lara, è ormai vedova da tre anni e ha costruito la sua vita in base alla sua nuova condizione.
Lara in effetti si sente finalmente libera dalla presenza del marito.
Il loro non era certo un matrimonio d'amore, ma uno combinato.
Lord Hawksworth era addirittura innamorato della sua amante con il pieno consenso di Lara.
Adesso, dopo tre lunghi anni, Lara viene informata che suo marito è ancora vivo. Il rivederlo scatena in lei sentimenti contrastanti: non sa come affrontare questa nuova invasione della sua privacy da colui che è praticamente uno sconosciuto.
Hunter però è un uomo completamente diverso, più ragionevole, buono, sensibile e deciso a tutto pur di riavere Lara con sè...

Non so dirvi se e quando questo romanzo sarà mai pubblicato in Italia.
Ma se devo darvi la mia impressione in merito, considero questo come un libro senza infamia nè lode, malgrado mantenga le prerogative della Kleypas.

Infatti, ho trovato la protagonista un pò..."irritante, a tratti incoerente e SCEMA!".
Cioè, a questa donna le si presenta una grandissima opportunità, che molte donne le invidierebbero, e lei si fa venire pure gli scrupoli...
Vedete un pò voi: aveva un marito che non la considerava granchè, che le diceva a ogni piè sospinto che amava un'altra più bella di lei, che non c'era quasi mai, che non faceva bene l'amore e all'improvviso si ritrova col marito affascinante, pronto a tutto pur di farla felice, di affascinarla....che sa far bene pure l'amore!
Insomma, ma che vuole di più?! Possibile che queste eroine non sono mai contente?!

Vi riporto soltanto alcune delle espressioni di questo bell'esemplare maschile per rendervi l'idea del suo fascino, tanto per stuzzicare la vostra curiosità:
Hunter "You're the last woman I'll ever make love to".
Sarai l'ultima donna con cui farò mai l'amore"

"I would become anyone, anything for you. I would lie, steal, beg, kill for you. I'm not sorry for what i did the past few months. My life would have been nothing without them."
Potrei diventare chiunque, qualsiasi cosa per te. Potrei mentire, rubare,supplicare, uccidere per te. Non sono affarro dispiaciuto per ciò che ho fatto nei mesi passati.
La mia vita non sarebbe stata niente senza di essi.

Chi avrebbe da obiettare con un uomo così?


Ele

 border=

Commenti

  1. Ele per fortuna non tutte le donne della Kleypas sono irritanti e sceme :)
    comunque la trama mi ha incuriosito molto, mi piacerebbe leggerlo, speriamo lo traducano quanto prima!

    RispondiElimina
  2. Anch'io sono incuriosita da questo libro. Speriamo di non dover aspettare tempi biblici per averlo in Italia.

    RispondiElimina
  3. Brava Ele, è un piacere essere sempre informate delle novità.
    Comunque, per rispondere alla tua domanda, se un uomo mi trattasse così, preferendomi l'amante, e poi facesse finta di sparire, potrebbe anche piangere in greco tanto non lo riprenderei, ecchediamine!
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  4. Guardate ragazze, che di donne cosi' ne e' pieno il mondo. Riprendersi un uomo che mi ha fatto una cosa del genere ? Boh, di primo acchitto lo manderei a quel paese, dopo avergli dato una bella pedata sui gioielli di famiglia, ma poi non lo so.. ti ci devi trovare nella situazione. Io,francamente, nonostante la mia lunga militanza come femminista, non so cosa farei. Continuo ad amare la Kleypass e sono curiosa di leggere questo libro. Un saluto a tutte Anna

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna, purtroppo mi è capitata una cosa del genere: un tipo che mi aveva fatto girare la testa e mi ha preso in giro per un pò. Non si faceva mai vedere e tornava quando gli pareva, ma alla fine gli ho detto pari pari di togliersi dalle balle; non ne ho più voluto sapere nonostante le sue insistenze e non me ne sono mai pentita. E' stata un'enorme soddisfazione ed oggi sono felice con un uomo vero, perciò credo che a volte la scelta di mandare a quel paese il fedifrago sia quella migliore.
    Scusa la lungaggine.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Ragazze, in effetti mi rendo conto di avervi un pò fuorviate rispetto al tema del romanzo, ma Ross mi ha dato ordine tassativo di non rivelare i "misteri" del romanzo, anche se al momento in cui lo leggerete capirete subito...
    Lui era uno stronzo...è stato dato per morto per ben 3 anni, ma ritorna un uomo da amare...

    RispondiElimina
  7. Cara Lucilla, quando ero piu' giovane ( parlo dall'alto dei miei meravigliosi 56 anni ) e, avendo fatto le mie fragorose battaglie , ragionavo esattamente come te. Ma ora , che sono diventata piu' "vecchia " e piu' saggia cerco di capire un po' di piu' quelle donne che si riprendono il fedifrago in casa. Ho un figlio di 34 anni che convive con una ragazza che amo alla follia. Se lui facesse una cosa del genere lo prenderei a mazzate. E consiglierei mia nuora di mandarlo a quel paese. Ma poi, orrore degli orrori, me lo rimanderebbe a casa. !! No, no meglio essere comprensivi. Un bacione Anna

    RispondiElimina
  8. Ele, il tema del romanzo, grosso modo si era capito. Ma, se poi, la discussione si allarga tanto di guadagnato. Uno stronzo che torna dopo tre anni e fa capire di essere cambiato ?! Mah ! anche se lo perdoni, sempre stronzo rimane. Comunque, ripeto, devo leggere il libro per farmi un' idea Un saluto Anna

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, Anna, ammetto che bisognerebbe vedere caso per caso e poi io non ho un figlio grande con cui rapportarmi; il fatto è che io, il fedifrago, da ragazzina me lo sarei ripreso perchè la morale corrente era ancora quella, perdonalo perchè gli uomini sono spesso così.
    Crescendo ho capito che non mi andava di accontentarmi di uno che faceva i suoi comodacci tanto io ero "quella giusta", ma solo dopo essersi divertito in giro. Perciò dopo la batosta ho cercato di applicare il principio: "IO" mi diverto, vado in giro e svolazzo e se tu, uomo, apri bocca, ti saluto.
    Vedessi come stanno buonini, allora!
    Senza contare che così puoi scegliere.
    Ecco perchè non condivido il comportamento di questa protagonista: come, lui ti tratta di -biip- e tu dopo tre anni di pace lo riprendi perchè è pentito?! E la sofferenza pregressa dove la metti? No, mille femministe volte no!
    Ciao Anna
    Lucilla

    RispondiElimina
  10. Mie care ragazze,
    sarà pure tornato dopo tre anni come un uomo da amare...ma le umiliazioni e le sofferenze della protagonista dove le mettiamo????
    Non si puo' fare finta che non sia successo niente,premetto che non ho letto il romanzo incriminato(magari sapessi leggere in inglese!)ma se la protagonista l'ha fatto penare e sospirare un bel po' dopo il suo pentimento allora ben gli sta!!!
    Si capisce che sono vendicativa???
    Lucilla sono pienamente daccordo con te.
    Baci e tutte
    Mel

    RispondiElimina
  11. e se non è suo marito quello che torna? un fratello gemello? :D misterooo

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…