Sullo yacht dello sceicco di Susan Stephens

A volte, sono i titoli quelli che ti conquistano, ti ammaliano, ti promettono storie affascinanti e senza tempo. A volte, in un romanz-etto, e' solo il titolo quello che si puo' salvare.

"Sullo yacht dello sceicco"....Non vi riempe di aspettative il solo leggere il titolo? Ed allora...chiudete gli occhi... un profumo esotico e' gia' tutto intorno a voi; gia' gustate una storia fatta di pelle, di calore e di... "li mortacci sua"!
Potrei essere radiata dall'albo dei bloggers, se mai ne esistesse uno, ma corro il rischio.

Dunque, ricordate che tra le tante rubriche, ne abbiamo anche una sui "Cliche' che vanno scomparendo"?( LINK )  Ebbene, scordate tutto quello che abbiamo detto sui cliche', perche' questo romanz-etto e' un vero e proprio bastion contrario.
Esaminiamo insieme tutti i cliche' tanto amati da noi lettrici della "vecchia guardia" e riproposti in blocco in questo libricino( scusatemi, non riesco a chiamarlo romanzo...)

Primo- Lo sceicco: personaggio che veniva tirato fuori per impersonare le storie piu' hot, fino a quando la tivu' ci ha mostrato che sceicchi, belli, alti, aitanti, generosi NON esistono! E cosi ci ammazzarono gli sceicchi( figurativamente parlando!)
Secondo- Tanto lui e' scuro, tenebroso, ricco e di poche parole, tanto lei e' bionda, occhi azzurri, magrissima, tonica, e con cervello da gallina. Anche questo tipo di soggetto e' in via d'estinzione( solo nei romanzi pero').
Terzo- Storia che inizia con entrambi i personaggi "mascherati", nel senso che non rivelano le loro identita' fino a quando...carramba' che sorpresa!!!
Quarto- Amore devastante e sofferto.
Quinto- La gravidanza che salva capri e cavoli.


Mumble, mumble, di sicuro ho dimenticato qualcosa, ma vi assicuro che l'autrice ha dimenticato piu' cose di me! Salti temporali enormi, frasi e sensi senza senso ( scusate il giro di parole), hommo che da sceicco senza cuore diventa burro fuso nel giro di due parole....

Ad ogni modo, un libricino piacevole che mi ha riportato indietro negli anni, quando leggevo anche un paio di questi harmony al giorno. Ora mi rendo conto che li divoravo senza nulla a pretendere, senza accorgermi che della storia mancava tanto, ma proprio tanto!
Eppure, avevano il potere di farmi emozionare ugualmente, come mai? Forse perche' il resto della storia, quello che nel libricino non e' stato tradotto, lo sognavo io? Ah...beata gioventu'!!

Juneross






16 commenti:

  1. Troppo forte Ross, mi hai fatto ridere un sacco, e come si dice... rimembrare. hihihihihhi
    Baci
    Cris

    RispondiElimina
  2. oh Cri, erano il nostro pane quotidiano questi romanzetti! Mamma mia che tempi. Ora mi danno solo sui nervi pero'...chissa' perche'!

    RispondiElimina
  3. Credo che gran parte dei difetti che si trovavano in questi romanzi -clichè a parte, che poi hanno anche i loro estimatori- fossero dovuti ai feroci tagli effettuati per farli entrare nei formati prescelti. Conoscevo una ragazza che occasionalmente li traduceva, e mi raccontò che la prima cosa che eliminava erano le scene di sesso. Tanto non servivano! Non è stata davvero profetica.
    Roberta Ciuffi

    RispondiElimina
  4. E purtroppo qui non si possono nascondere questi tagli terribili che sono stati fatti. Se fossero solo sulle scene di sesso, va beh, lo sappiamo come si fanno certe cose alla nostra eta'. Purtroppo e' proprio la storia che manca, pero' puo' darsi anche che l'autrice l'abbia scritta cosi per soddisfare i canoni dell'editore. Boh?

    RispondiElimina
  5. Troppo forte, Ross! Sto lavorando con un sorrisino ebete in faccia, non posso sghignazzare liberamente.
    Ah, i romanz-etti! Smilzi come una sottiletta e con identico peso in termini di soddisfazione (ma i libroni, come li chiamiamo?Romanz-chilo?)
    Erano, però, a modo loro, uno specchio dei tempi: chi si sognerebbe, oggi, di fantasticare su uno di quegli orridi sceicchi truzzi e maschilisti (e anche un bel pò brutti, concedimelo)?
    C'erano un mucchio di incongruenze, è vero, tipo la questione del matrimonio fra un'occidentale e un musulmano. In genere però Lui era un sanguemisto e la cosa era risolta (altro clichè).
    Però una cosa devo confessarla: da ragazzina le scene di sesso le leggevo eccome, a scopo didattico, diciamo, sperando di metterle presto in pratica; diciamocelo: quante di noi hanno aspettato il primo bacio cercando di ricordare le "istruzioni per l'uso"?
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Io, io io!!!
    Susanna

    RispondiElimina
  7. Siamo in tante, Susanna.
    Lucilla

    RispondiElimina
  8. Ah beh si è vero! Ross l'ho letto pure io questo romanzo e devo dire che ha deluso molto pure me!cmq se sul serio tagliano molte parti del romanzo solo per farlo entrare nel formato giusto allora rimango delusa ancora di più!

    RispondiElimina
  9. Forse anni fa apprezzavamo di più questi libricini perchè non avevamo ancora il bagaglio di letture che abbiamo adesso e che ci spinge inevitabilmente a fare dei confronti.
    Più passano gli anni (e aumentano le letture) e più diventiamo esigenti sia in termini di storia e originalità che in termini di emozioni :-D

    RispondiElimina
  10. Hai proprio detto bene Emy!Della serie: stavamo meglio, quando stavamo peggio :)

    RispondiElimina
  11. Ragazze, io li leggevo e mi facevano sognare, anche se mi sembravano un po' ridicoli quando descrivevano, come dice Lucilla, le storie d'amore tra cilture diverse. Vedevo, e vedo, la realta' e non mi sembra sia proprio cosi'. Diciamoci la verita', quando pensiamo ai mussulmani non vediamo principi e sceicchi ma disperati che vengono con i barconi e che non hanno la nostra comprensione. Non sara' perche' qualcuno ha inculcato una eccessiva paura ? Ma questo e' un altro discorso. Un saluto a tutte Anna

    RispondiElimina
  12. E anche questa volta mi hai preceduto Ross!
    Concordo su tutto quanto hai detto.
    Anche io da ragazza leggevo questi Harmony e sognavo, sognavo ...
    Adesso non mi soddisfano più. Oddio, vuol dire che sono ... orrore ... vecchia?!!

    RispondiElimina
  13. No, che hai raffinato il palato.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  14. Ho centinaia di harmony in soffitta...ma quei pochi che avevo con gli sceicchi li ho regalati, mi davano fastidio... OK che si leggeva per sognare ma un minimo di credibilità ci voleva!
    Vorrei però spezzare una lancia in favore di alcuni vecchi harmony: ci sono titoli della Lamb, della Mortimer, della Jordan (per citare quelle che mi vengoni in mente!) che sono autentici gioiellini, romazi brevi ma scritti benissimo e molto intensi.

    RispondiElimina
  15. Oh si Lucy-one, ci sono alcuni vecchi harmony che sono veramente dei gioiellini! io conservo gelosamente l'ultima corrida e non ti nascondo che quando vado per mercatini cerco sempre qualche titolo o trama di quelli vecchi, che erano i piu' belli :)

    RispondiElimina
  16. Ecco, qui mi si apre la piaga, e visto che siamo "malelingue" facciamole bene fino in fondo. Non li sopporto questi libretti! Ci si sbatte come delle bestie cercando di scrivere un romanzo sensato, difficile già di per sè, cercando di non cadere in anacronismi storici, di dare decenza e personalità ai protagonisti e situation degna dello scritto e poi mi ritrovo ad osservare la copertina e leggere l'incipit(badate bene perchè non li acquisterei neppure morta!)di queste "robe" che peraltro vendono.In Italia abbiamo grandi nomi del romance storico affermate ma anche esordienti di talento che non riescono a spezzare il muro dell'editoria di grido, invece queste storie fanno testo!! Scusate ma mi deprimo...

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!