Passa ai contenuti principali

La guerra degli Angeli di Heather Terrell


Trama:

Lascia volare in alto la tua anima e scoprirai chi sei

Ellie ha sedici anni e vive a Tillinghast, una tranquilla cittadina del Maine. Ma non è una ragazza come tutte le altre: ha un misterioso, inspiegabile dono. Sfiorando le persone riesce a sentire i loro pensieri e a vedere sprazzi del loro passato: un segreto che non ha mai rivelato a nessuno. Fino al giorno in cui arriva in città Michael, un ragazzo solitario e affascinante. Ellie si sente attratta irresistibilmente da lui, e presto i due ragazzi scoprono di avere gli stessi poteri e di amare entrambi il sapore del sangue. Sono angeli? Vampiri?
E perché Michael è convinto di aver già incontrato Ellie tanto tempo fa? La verità è
racchiusa in un segreto antichissimo, in una guerra tra forze oscure e inimmaginabili, che solo l’amore può sperare di sconfiggere…

Un potere segreto. Un mondo parallelo. Chi sono in realtà Ellie e Michael? Un
romanzo sull’amore, il destino e l’eterna, appassionante lotta tra il Bene e il Male


Direttamente dalla scrivania di Noco.

Da neofita confesso che mi ha coinvolta parecchio, l’ho decisamente divorato. Sono, in particolare, interessanti i riferimenti biblici, e la “mitologia” degli angeli, presente nella nostra, come in molte altre culture. Inedita, inoltre, la spiegazione dell’origine del mito dei vampiri. Insomma un interessante “insalatone misto”in cui son presenti molti ingredienti, ma il tutto è ben amalgamato e che, per continuare lungo la via della metafora culinaria, risulta fresco e gradevole nelle torride giornate estive. Non manca una componente misteriosa che farà da filo conduttore per questo ed altri libri che lo seguiranno, che desta la curiosità del lettore e lo invoglia a proseguire.

Il merito del “successo” va attribuito, innanzitutto, al lavoro di documentazione dell’autrice che cita, con precisione e sicurezza, passi della Bibbia e testi antichi, su cui si sviluppa una trama fantasiosa, ma credibile e ben strutturata. Ciò che, però, ho notato subito e che mi ha favorevolmente impressionata, è lo stile fresco, scorrevole, semplice, ma mai povero: finalmente un’autrice che scrive bene. La lettura, come già ho detto, ne risulta piacevole e fluida.

In conclusione questo è un libro che mi sento di consigliare a chi ama i romanzi
paranormali “insoliti”, diversi dalla “solita minestra”

Qualche avvertenza, però, è doverosa:

*la narrazione è in prima persona. Questo a me non ha causato alcun fastidio, anzi
trovo che il punto di vista della protagonista, seppur inevitabilmente univoco, sia ricco di emozioni, esauriente e renda la storia completa. So che, però, per molte, questo costituisce un limite invalicabile.

*i protagonisti sono adolescenti, alle prese con quotidiani problemi di scuola, compiti, rivalità scolastiche, genitori pressanti e prime timide cotte. Non aspettatevi tensione sessuale, passioni travolgenti, né, tantomeno, amplessi calienti. E’ un Young Adult e come tale va letto. Nessun protagonista di cui innamorarsi, amore per cui tremare, appassionarsi, emozionarsi, ma solo due adolescenti che si affacciano alla dura vita da adulti, stanno cambiando senza capirne il motivo (come molti alla loro età, solo in modo un “tantino” diverso) e compiono i primi passi importanti insieme.

*il libro seppur piacevole sul piano dell’intrattenimento, non ha alcuna pretesa di
approfondire psicologicamente malesseri, conflitti o turbamenti di nessun tipo: risulta piacevole, ma solo per chi cerca una lettura con cui trascorrere piacevoli momenti di relax.

*il libro è il primo di una serie e non ha una vera e propria conclusione: siete avvertite!

Buona lettura!










Noco






Commenti

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…