Passa ai contenuti principali

La resa del guerriero di Michelle Willingham

Mi accingo a recensire "La resa del gurriero" di Michelle Willingham, ultimo libro della saga dei fratelli MacEgan.
Premetto di non aver letto i precedenti romanzi della serie, per cui l'ho presa come una storia a sè; la trama mi stuzzicava e poi c'era una bella copertina, il che non guasta (hehehe....), perciò ho comprato il libro certa di aver fatto un affare.

Effettivamente, la storia funziona: Trahern MacEgan, bardo irlandese di talento, ha perso l'amatissima fidanzata Ciara durante una scorreria di predoni vichinghi. Preso dal dolore e dalla furia, non pensa ad altro che trovare i responsabili e vendicarsi, almeno finchè non incontra Morren, una giovane donna che nel medesimo attacco vichingo ha subito uno stupro di gruppo.
Trahern accomuna i destini delle due donne e ricomprende anche l'onore di Morren nel suo desiderio di vendetta, ma nel disvolgimento del romanzo si trova sempre più coinvolto sentimentalmente nei confronti della donna, al punto di temere di tradire il ricordo dell'amata Ciara.

La storia è resa piuttosto bene: si sente la ricerca storica dietro il romanzo, il mondo dell'Irlanda altomedievale risulta vivo e non piatto; l'autrice non si limita a buttare là un paio di termini irlandesi, ma sottintende tutta una serie di usanze non solo di quella società ma anche di quella dei vichinghi che inquadrano bene il contesto in cui la storia si svolge. Anche la faccenda delle scorrerie dei predoni del mare è un argomento fin troppo tristemente vero e non solo da quelle parti.

I due protagonisti hanno dei caratteri plausibili e ben tratteggiati: lui è amareggiato per quanto è accaduto alle due donne e all'intero villaggio e si è chiuso ai sentimenti d'amore, o almeno così crede; lei, Morren, può sembrare a tratti fin troppo fragile, ma chi potrebbe biasimarla dopo quello che ha passato?

Tutto bene, dunque? Bè.... In realtà, proprio tutto no. Perchè l'autrice usa uno di quegli espedienti che trovo irritanti: il "tira-molla".
Ossia: i due protagonisti "si tirano", cioè si piacciono, si desiderano, si innamorano, amoreggiano anche, ma non si prendono, almeno fino alla fine o quasi.
Ora, capisco che ai fini della storia i due non possano zompare immediatamente in camera da letto, o su una distesa di erica, per restare in tema, ma forse il loro tormento psicologico prima di accettare l'innamoramento è un tantino troppo tirato in lungo.
La storia non ha bisogno di allungare il brodo, è già avvincente così, per cui l'autrice avrebbe potuto dare un taglio alle troppe schermaglie amoroso-colpevolistiche e ai troppi "vorrei ma non posso".

Per il resto la storia è piacevole, si legge quasi d'un fiato e mi ha invogliato a cercare anche gli altri libri della serie.
Quindi, tutto sommato ho fatto davvero un buon affare, a parte quel trascurabile difettuccio; ma d'altronde, nessuno è perfetto, neanche gli eroi dei romanzi ed è meglio così.

Lucilla



 border=

Commenti

  1. Lucilla!!!! Ed io che avevo deciso di non prendere questo libro!!! Ora sono divorata da una curiosità bruciante (giusto per rimanere in tema estivo...)
    Brava, la revensione è sempre spettacolare!

    RispondiElimina
  2. ummmm...eppure chissa' perche' ma la willingham la scarto sempre, a pelle! Mi da l'idea di una lettura noiosa...ma si puo' scartare una scrittrice per la sensazione che ti provoca il suo nome? Sto scemunendo! Ad ogni modo, io mi sono bloccata di nuovo con le letture, dopo 2 romanzi( d cui tra poco leggerete le malelingue) che mi sono andati di traverso, ahime' ho il timore di aprirne uno nuovo...uffaaaaaaaaaa
    Buon caldo a tutti!

    RispondiElimina
  3. scartato perchè parte di una serie e non vorrei impazzire poi a recuperare i precedenti, adesso mi stai facendo cambiare idea Lucilla... ahhhh! Vedrò!
    Ross, sono curiosa delle tue Malelingue, un'anticipazione sui titoli? solo per sapere se li ho letti anche io :-)

    RispondiElimina
  4. Ross... sai che il nome dell'autrice mi ispira proprio la stessa sensazione? staremo impazzendo in due???

    senza contare il fatto che questo sia il sesto di una serie di cui non ho neppure uno dei precedenti, mi fa accapponare la pelle... brrr!!

    Poi arriva Lucilla e mi fa questa recensione e mi cadono tutte le certezze!!!

    RispondiElimina
  5. ah, andiamo bene allora! Dunque malelingue su Il cavaliere del desiderio, ma piu' che una malelingua vera e propria, e' una sorta di "non so se sto libro mi e' piaciuto" e poi su extra passion contemporaneo, penso di metterlo proprio domani questo post, per l'altro aspetto la lettura collettiva.

    RispondiElimina
  6. Grazie per i complimenti, ragazze, è sempre un piacere; Ross, non vedo l'ora di sbellicarmi su qualche bella malalingua delle tue, su un extra passion, poi.... chissà come lo concerai!
    Comunque, una malalingua ce l'avrei anch'io, su un passion, guarda caso, se ti serve.... Dico solo che c'entra la frutta....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  7. Lucilla, manda manda la malelingua...serve sempre!

    RispondiElimina
  8. Hehehehe.... Provvederò immantinente.
    Lucilla

    RispondiElimina
  9. Ah, l'extra passion l'ho letto anche io (ho deciso che li prendo tutti gli extra passion, se non sono belli almeno ci sono certe scene da sbellicarsi dalle risate!!!)
    Lucilla, altra frutta??? Io sono ancora traumatizzata dalle pesche... Però l'aspetto trepidante la tua malelingua, mi fanno sempre piegare in due dal ridere!

    RispondiElimina
  10. Marti, questo qui di romanzo devi proprio leggerlo..... sennò non ci si crede!
    Lucilla

    RispondiElimina
  11. Ok Lucilla, aspetto la Malelingua, ultimamente non ho avuto a che fare con altra frutta (mi pare!), mi toccherà andarlo a recuperare!

    RispondiElimina
  12. Fintanto che a nessuna autrice viene in mente di utilizzare l'anguria, va ancora tutto bene!
    Lucilla

    RispondiElimina
  13. Ciao a tutte
    io di questa serie ho letto "La moglie del re" che ho trovato molto carino e molto romantico...lo consiglio
    Gio

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…