Il cavaliere dei desideri di Kinley MacGregor

C’era una volta un cavaliere duro, burbero, addestrato alla guerra e incapace di amare.
C’era una volta una donzella (abbastanza oca, a dire il vero), che sognava un cavaliere capace di portarla via dal maniero di suo padre e donarle l’amore.
C’era una volta una storia gia’ letta e riletta raccontataci da Kinley MacgGregor: Il cavaliere dei desideri. Peccato pero’, La conquista del cuore, sempre facente parte di questa saga, era stata a suo tempo una lettura deliziosa, e finora l’unico romanzo di questa autrice che veramente mi sentirei di consigliare.

Dunque, fatevi raccontare un po’ di questa donzella di 22 anni      (oltre il fiore della giovinezza, secondo i canoni medioevali), cosi intelligente, coraggiosa e indomita che scommette con se stessa di far ridere un cavaliere “tutto di un pezzo”. E come pensa di riuscirci? Ma raccontandogli delle barzellette, naturalmente!! “Quanti scandinavi ci vogliono per accendere un fuoco? Nessuno, perche’ preoccuparsi del fuoco quando c’e’ un monastero sulla montagna”. L’avete capita? Si? Ed allora cortesemente, abbiate pieta’ di me e spiegatemela. Gia’ che ci siete, spiegatemi anche questa: Quanti scandinavi ci vogliono per accendere un fuoco? Due, uno per accendere il fuoco e l’altro per confendere la faccenda”.
Sicuramente, molte lettrici avranno apprezzato ‘sta cosa delle barzellette, ma a me a dir la verita’, ha dato leggermente sui nervi.(Decisamente avro’ qualcosa della femminista sfegatata in me, infatti quando in un romanzo la donna appare come un’oca...non so, brucerei il romanzo. )

C’e’ da dire, ad ogni mdo, che Nel cavaliere dei desideri, la MacGregor non ci nega la sua scrittura leggera ed ironica. Infatti le battute che si lanciano i due fratelli sono molto divertenti, cosi come alcune situazioni in cui i protagonisti si ritrovano. Quando leggerete dell’assalto del cinghiale, beh, lasciate un commentino per farci sapere se vi ha divertito. E come non versare qualche lacrima quando Draven  finalmente si dichiara ad Emily?

Insomma, se potete sopportare gli orrori di battitura, le cretinate varie che l’eroina fa e dice, la “tranciatura” di pezzi di storia ( Il mistero legato agli assalti del villaggio e conseguente smascheramento del cattivo viene riassunto in poche righe, grrr!), e non vi preoccupate di chiudere un romanzo che vi ha dato per tutta la lettura una sensazione di déjà vu , sicuramente coglierete il piacere di leggere una storia che non ha nulla di pretenzioso, ma che alla fine si riscatta con una dichiarazione d’amore che vale tutta la lettura.


Juneross









14 commenti:

  1. L'ho letto dall'originale in versione integrale, senza tagli e riassunti. Devo dire che non era malvagio come romanzo. Anche se il mio preferito resta Born in Sin.
    ;o)))

    RispondiElimina
  2. -.- Ecco.... un altro romanzo.... da bruciare o strappare in mille pezzettiniiiiiiiiiiiiii !!!!
    Per come sono io odierò l'eroina con tutta me stessa >.< CHE PALLE

    RispondiElimina
  3. Dai lidia prova a leggerlo, i personaggi maschili sono ben delineati,forse a te potrebbe piacere ;)

    RispondiElimina
  4. Ma questa MacGregor è americana? Perchè le barzellette sembrano proprio quelle battute da sit-com americana con le risate preregistrate in sottofondo, perchè sennò non farebbero ridere nessuno.
    E il cavaliere, poi, ride? Se sì, allora sta bene con la protagonista: lei oca, lui tonno.
    Lucilla

    RispondiElimina
  5. La MacGregor è la Sherrilyn Kenyon dei Dark Hunters.

    Secondo me...certe battute non sono state tradotte in maniera ottimale...ricordo che alcune erano carine...devo riguardare quello in originale.
    ;o))))

    RispondiElimina
  6. Bene lady, gia' che ci sei leggilo in italiano cosi capirai subito se ci sono differenze
    @ lucilla, l'eroe non ride, ma ha un motivo veamente valido per non farlo, anche se l' eroina lo ignorava. Quello che mi ha lasciato basita e' stato il commento della protagonista, che dopo alcune barzelette si aspettava di vedere il cavaliere scompisciarsi dalle risate....mah?

    RispondiElimina
  7. Proprio l'altro giorno l'ho preso in mano indecisa se acquistarlo, poi ho scelto altro e ancora ci pensavo se fosse il caso di comprarlo ed ora sono contenta di essermi risparmiata una storia così..a me piace leggere e ridere delle battute simpatiche tra protagonisti ma non devono cadere nel ridicolo come mi pare succeda con questo.

    RispondiElimina
  8. Ross...farò i confronti e ti saprò dire...il romanzo l'ho comprato anche se non l'ho ancora letto nella versione italiana.

    Adesso sono alle prese con La Confessione di Julie Garwood! :oDDDDDDDDDDDDDD

    RispondiElimina
  9. Ti prego...risparmiaci la lettura e riporta nel blog la dichiarazione d'amore strepitosa...e di questo che mi nutro.
    Gio

    RispondiElimina
  10. ciao Gio, piu' che dichiarazione e' un gesto importante che fa. La malelingua di questo romanzo e' per l'eroina, e per la traduzione...ma i personaggi maschili sono belli!

    RispondiElimina
  11. Se lui non ha riso, ha già la mia stima; però credo che abbia ragione Lady Akasha, ci deve essere lo zampino del solito traduttore-genio.
    In ogni caso, Lei sembra davvero un pò borderline....
    Lucilla

    RispondiElimina
  12. Allora Ross proverò a leggerlo.... giusto per farmi un'idea sull'eroe ^_^

    RispondiElimina
  13. Mmm... mi sa che come umorismo sei più brava tu, Ross! :-)
    Le tue recensioni sono sempre divertentissime!!!

    RispondiElimina
  14. Sinceramente non ricordavo la protagonista "borderline", ma solo innamorata a prima vista...e non sapendo del patto che Lui era costretto a osservare, pena la vita, fa di tutto per conquistarlo...e farsi sposare! E come darle torto?
    ;o)))))

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!