Passa ai contenuti principali

Il cliché che non vorrei...

Come state mie belle donzelle?!
Negli ultimi mesi abbiamo inaugurato una rubrica carina e molto seguita relativa ai cliché che stanno scomparendo...
Abbiamo parlato di suocere, che scompaiono nei romanzi ma più raramente nella vita ;)
di cattivi, che sempre meno spesso invadono le pagine dei romanzi, ma imperversano nella nostra società, l'eroe spagnolo che poco solca gli oceani facendoci sognare...
Insomma, abbiamo affrontato il tema da diverse angolazioni.

Ma adesso mi piacerebbe esaminare la faccenda con voi da un profilo diverso.
Quanti romanzi leggiamo, noi divoratrici di libri?
Quanti personaggi più po meno simili incontriamo nei nostri amati romanzi?
I protagonisti cambiano nome, titolo, ambientazione, contesto, intreccio, ma il lieto fine non manca quasi mai...
Spesso, alcune scene sono ripetute seppure in forme diverse; spesso alcune dichiarazioni sembrano cloni l'une alle altre; altre volte, le scene d'amore sono un mix di situazioni già viste ed elaborate!
E' vero che il modo di scrivere dell'autrice fa la differenza, ma è anche vero che i clichè sono una costante onnipresente dei romanzi (che poi siano rosa, gialli o noir non fa differenza!)
Adesso, voglio chiedere a voi...anzichè individuare con sommo rimpianto i clichè che stanno scomparendo, che ne direste di proporre i clichè che vi mettono tanto il nervoso da farvi desiderare che spariscano?
Facciamo questo "gioco" tra noi... "eliminiamo" ciò che nei romanzi disturba, irrita e infastidisce.
"Quali sono i cliché che vorreste far sparire dai nostri romanzi?"

Ele





 border=

Commenti

  1. Allora care Eleonora e June, un romance d'amore, poichè così definito, ha un suo clichè precisissimo e non potrebbe essere diverso perchè in caso contrario addio romanzo d'amore. Credo quindi che ben poco si possa cambiare per non uscire dalla retta via...
    Se parliamo di romanzo sui generis allora possiamo sbizzarrirci di più, farlo finir male, far morire il protagonista eccetera...
    Una volta una lettrice mi ha contestato in un mio racconto contemporaneo il fatto che avessi descritto la mia protagonista con la cellulite ed i fianchi larghi, neppure alta. Una donna normalissima quindi, però della quale s'invaghisce un uomo "alpha"...Allora, chi l'ha detto che solo la top model può affascinare ed ambire ad un maschio avvenente? Forse la donna normale lo avrà colpito con qualcos'altro che non sia necessariamente la gamba chilometrica, il ventre piatto o il viso d'angelo?Forse per la sua intelligenza, la sagacia, il coraggio? Questa la mia personale opinione, che può essere anche rivoltata sul maschio...Angelica non s'innamora forse di Joffray, sfregiato e zoppo???
    Riflettiamo, anche se alla fine leggendo un libro d'amore è il sogno che ci conquista, la fuga dalla realtà e la ricerca di qualcosa che nella vita reale non esiste...
    Simona Liubicich

    RispondiElimina
  2. Cara Ross, mi inviti a nozze!
    Fermo restando che sono d'accordo con Simona Liubicich, che saluto, quando dice che il romanzo di genere è di per sè un clichè, ci sono però dei luoghi comuni, chiamiamoli così, che mi innervososcono.
    Il primo è il matrimonio per forza, abusatissimo e, secondo me, inutile: capisco che spesso la storia richiede che i due protagonisti siano vicini ad ogni costo, ma spesso questa soluzione è forzatissima, ce ne potrebbero essere altre più che valide e meno assurde. A volte mi sembra un espediente per risparmiare dialoghi e fatica!
    Poi, riagganciandomi a quanto ha detto Simona, sarei un tantino stufa di protagoniste femminili bellissime, di una bellezza da passerella del nostro tempo.
    Vorrei una donna normale, con dei difetti veri e non pregi travestiti da imperfezioni.
    Che diamine, anche in passato ce n'erano di bruttine affascinanti, soprattutto nel periodo Regency e seguenti! E comunque apprezzerei più coerenza con i canoni dell'epoca scelta: mi viene in mente Blanche ingram di "Jane Eire", bellezza la cui descrizione oggi farebbe rabbrividire.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. Eccomi a nozze anch'io!!!!!
    Comincioad odiare il seguente protagonista:ricco sfondato nullafacente indolente e seduttore di donne per gioco,migliaia di donne... sarebbe OK il ricchissimo possidente P U R C H E' IMPEGNATO IN QUALCHE CAUSA UMANITARIA,ANCHE SEGRETAE/O RISCHIOSA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Riguardo a lei: la spadaccina mi infastidisce, per il resto bella o bruttina non mi interessa ...
    Grazie per il bellissimo sondaggio,un beso

    Lady Peonia

    RispondiElimina
  4. Brava, Lady Peonia, la spadaccina non si può proprio più leggere!!!!
    Ma chi l'ha detto che le donne, anticamente, morissero dalla voglia di duellare? E' un anacronismo insopportabile, sarebbe ora di smetterla con le donne moderne nei romanzi ambientati in epoche passate. E poi, di Lady Oscar ce n'è una sola.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

Primo Give- away: Chi voglio sei tu!

Per dare a tutte la possibilita' di vincere una copia del romanzo Chi voglio sei tu, di Mariangela Camocardi , che troverete in edicola a partire dai primi di Dicembre, in questo give-away potrete lasciare due commenti, entrambi validi per l'estrazione. Nel primo commento , bastera' lasciare il vostro nome o nick e condividere sui vostri canali la notizia, se ne avete naturalmente. Nel secondo commento (FACOLTATIVO) potrete lasciare le vostre risposte al test La sciantosa che e' in te, che potrete leggere cliccando su CONTINUA LEGGERE. Avete tempo per lasciare i vostri commenti fino al 6 dicembre 2011 Dimenticavamo, insieme al romanzo il vincitore ricevera' a casa anche questa stupenda creazione di Silver Rose: un appendi-borse Burlesque, che sembra creato apposta per questa settimana speciale. Ogni tanto il mondo fa il giro all'incontrario,non vi pare? E' vero che ci propone nuovi macchingegni tecnologici,ma allo stesso tempo ci ripronone v