Passa ai contenuti principali

Iniziano i lavori al Women's Fiction Festival






In viaggio per Matera
Per il terzo anno consecutivo, sono sulla strada che mi porta a Matera, ai suoi Sassi, e alla sua gente cosi cordiale e al suo cibo cosi ricco. Per il terzo anno mi ripeto che è inutile andare, non sono uno scrittore, ma poi una sorta di malia mi chiama. Viaggiare verso Matera è come un viaggio introspettivo, lasci dietro le spalle la città, i problemi e ti incammini verso il verde, attraversando montagne e vallate. E mentre i chilometri vengono divorati dalla macchina in corsa, il tuo animo si rilassa e si appresta ad entrare in comunione con una terra sileziosa, immobile...
Se fossi uno scrittore lo scenario della città sarebbe perfetto: esorta alla riflessione, ma anche all’azione, un cocktail di emozioni stranamente insolito.
Se fossi uno scrittore la mia mente svilupperebbe in un baleno lo scenario per la mia nuova storia, sia essa romantica, avventurosa, o un thriller.... sarebbe tutto lì, sullo sfondo, nei Sassi . Se fossi uno scrittore non potrebbe sfuggirmi questo paesaggio maestoso, testimone di generazione di uomini che si sono susseguiti e che hanno sospirato alla natura cercando ispirazione o maledicendo la cattiva sorte.
Se fossi uno scrittore arriverei a Matera con una valigia piena di sogni...e i sogni al Women’s Fiction Festival si avverano.
Se fossi uno scrittore....ma, per fortuna, sono solo un Blogger, e per un blogger arrivare a Matera vuol dire sbirciare in quelle valigie, respirare per qualche giorno un’atmosfera piena di aspettativa, che sembra immobile come i Sassi sullo sfondo, ma che ribolle di emozioni e speranze!
Da noi del Juneross’ Blog, un grande in bocca al lupo a tutti gli scrittori esordienti ed affermati presenti al Festival, che i loro sogni possano realizzarsi !


Commenti

  1. Ross hai ragione, Matera è magica da tanti punti di vista! ho ancora vivo nel cuore il mio breve viaggio li due anni fa ;)
    Un grande in bocca al lupo lo faccio anch'io a tutte le scrittrici esordienti e non, e anche a te che ci tieni aggiornate attimo per attimo sull'evento..grazie, baci

    RispondiElimina
  2. Grazie di esserci, Ross.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

La vie en Rose: arrivederci alla prossima edizione!

Cosa dire di questa sesta edizione de La vie en Rose? Frizzante e  piena di energia positiva! Poi il resto dei commenti li troverete sparsi su tutta le rete, pero' magari, potreste anche lasciarli nel nostro guestbook, sempre se vi fa piacere:  http://www.lavieenroseevento.it/guestbook.htm Cosa dire, invece, della parte "tecnica" dell'evento? Facciamo un piccolo sunto a beneficio di coloro che purtroppo non sono state con noi. Dalla viva voce delle autrici, abbiamo scoperto la loro passione per la scrittura e anche delle piccole anticipazioni delle loro prossime pubblicazioni. Grazie a Marta Morazzoni, Virginia Bramati, Gabriella Giacometti ed Elisabetta Flumeri. Non abbiamo messo la foto di Virginia Bramati per rispettare la richiesta dell'autrice di non apparire nitidamente.   I saluti e le parole del Consigliere Provinciale Vera Romiti , oltre che presidente Forum Provinciale delle Donne, hanno trovato d'accordo tutte le partecipanti. Il