Passa ai contenuti principali

La dodicesima notte di Amanda McCabe

Londra, 1564.
Poco prima di Natale, Lady Rosamund Ramsay arriva alla corte di Elisabetta I d'Inghilterra per diventare dama d'onore. Ha con sé soltanto un ricco guardaroba e tanti sogni. Il suo primo amore è presto dimenticato quando incontra Anton Gustavson, un tenebroso e affascinante gentiluomo svedese. Sullo sfondo del palazzo reale di Londra e di un paesaggio da favola, il loro amore cresce tra mille insidie e oscuri intrighi, dato che la sovrana non vede di buon occhio le relazioni sentimentali delle sue dame. Ma quando Rosamund riesce a sventare un attentato ai danni della potente regina, Elisabetta decide di dimostrarle la propria riconoscenza...

Per leggere la nostra recensione clicca su Continua a Leggere.



Direttamente dalla scrivania di Lucilla.

Il libro che ho scelto è "La dodicesima notte" di Amanda McCabe, uno dei GRS di dicembre.Si tratta di una storia ambientata in Inghilterra nel periodo Elisabettiano. Chi mi conosce sa che amo molto le storie del periodo Tudor: passioni violente, matrimoni, divorzi, conflitti religiosi. In questo romanzo c'è tutto questo: belle dame di corte sempre impegnate in schermaglie amorose, vezzosi gentiluomini vestiti in velluto con perle alle orecchie, intrighi....

Ma andiamo per ordine: la protagonista, Lady Rosamund Ramsey, si trova alla corte della regina Elisabetta perchè speditavi dai genitori, allo scopo di farle dimenticare un corteggiatore inadeguato. La povera fanciulla sarebbe ben triste se non incontrasse prontamente un affascinante gentiluomo, nella persona di un bellissimo diplomatico svedese.
E qui devo aprire una parentesi, per parlare dell'ambientazione, non solo temporale ma anche climatica: siamo a dicembre, un dicembre particolarmente rigido e gelido; l'autrice descrive perfettamente l'atmosfera incantata della foresta imprigionata nella morsa del gelo, in cui avviene il primo incontro fra Rosamund e Anton.
Anzi, l'inverno è uno dei motivi conduttori del libro, che non a caso in originale si intitola "The winter queen" la regina d'inverno, come Anton chiama la sua Rosamund, direi quasi che è uno dei protagonisti. Dappertutto si respira l'odore dell'inverno, del ghiaccio e della neve, come raramente capita in un romanzo. Lo stesso Anton viene descritto come una divinità nordica, profumato di ghiaccio e cuoio. La cosa mi ha colpito perchè amo l'inverno, le atmosfere rarefatte dal gelo, i boschi resi magici dal ghiaccio.

Il romanzo si svolge nei dodici giorni di festa che vanno dalla notte di Natale fino a quella tra il 5 e il 6 gennaio, che segnava allora il culmine dei festeggiamenti natalizi, ricordato anche nell'omonima opera di Shakespeare.
Molto carina l'idea di intitolare ogni capitolo con un richiamo alla data, un giorno dopo l'altro, e con la menzione del santo festeggiato.
Rosamund e Anton si incontrano in mezzo ad una foresta ghiacciata ed entrambi pensano di trovarsi davanti ad un essere fatato; ritrovatisi a corte, inevitabilmente cadranno l'una nelle braccia dell'altro, complici i festeggiamenti natalizi e l'atmosfera più rilassata; ma non tutto è tranquillo, non per niente siamo alla corte di Elisabetta I, covo di spie e cospiratori.
I due innamorati si troveranno perciò a dover fronteggiare, loro malgrado, pericolosi complotti e nemici inaspettati, oltre ai fantasmi del passato.
Tra balli in maschera e magiche pattinate sul Tamigi ghiacciato, il libro scivola verso la sua logica conclusione ma senza per questo risultare scontato o noioso: è un romance, l'amore c'è e ci deve essere ma il tema è trattato con delicatezza, quasi che la storia di Anton e Rosamund si innesti naturalmente nel racconto di un Natale alla corte Tudor.

L'autrice mostra di conoscere le usanze del periodo Elisabettiano, le grandiose feste che si svolgevano soprattutto a Natale, nonchè i pericoli che quotidianamente si presentavano ai cortigiani.
Una parola sui due protagonisti: Rosamund è un'incantevole Regina d'Inverno, timida ma per niente fragile o svenevole, che matura nell'ambiente difficile della corte per ritrovarsi donna che sa quello che vuole; Anton è il prototipo del bel tenebroso, ma non stereotipato, anzi vivo e addirittura simpatico, sempre circondato da un'aura di ghiaccio che contraddice la sua natura appassionata.
In definitiva, un bel romanzo, che rievoca le atmosfere fatate di un Natale sotto la neve.
E che fa sognare di ritrovarsi in una magica foresta, sotto la luna piena dicembrina, insieme al proprio "Re d'Inverno".

Lucilla




 border=

Commenti

  1. Che bella recensione, un romanzo che comprerò di certo dopo aver visto con quanta dolcezza è stato presentato. Adoro questo tipo di letture, che mi fanno ricordare il motivo per il quale leggo romance, complimenti!
    Cris

    RispondiElimina
  2. Un romanzo che tengo d'occhio da un mese che ora dovrò per forza comprare!! L'autrice, di solito, mi piace, il periodo storico mi stuzzica, la copertina è proprio bella e la recensione invoglia decisamente!
    Grazie carissima Lucilla! Ottima presentazione per un romanzo da leggere sotto la coperta accoccolati sul divano! Non vedo l'ora!!

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa recensione, complimenti Lucilla. Traspare da ogni frase quanto ti sia piaciuto!

    Libera

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione Lucilla. Il romanzo non l'ho letto perche' la trama non mi convinceva. Amo quel periodo ma non mi piace la scrittrice. Ho letto qualche altro suo libro ma non mi aveva convinto. Pero', come al solito, le tue recensioni sono piacevolissime da leggere. Magari mi convinco a dare alla scrittrice un'altra chance. Vediamo..! Un saluto Anna

    RispondiElimina
  5. Grazie per i complimenti, amiche mie; e sì, il romanzo mi è piaciuto davvero, vuoi per l'atmosfera da Natale imminente, vuoi per la fascinazione che da sempre l'inverno esercita su di me.
    E' proprio la classica lettura per una serata fredda, da passare sul divano accanto al gatto e sotto una calda copertina: un paio d'ore di serena distrazione senza impegno, ma non per questo meno piacevole.
    Grazie ancora, lieta di avervi intrattenuto.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Quoto Lucilla in tutto e per tutto: quando ho ricevuto il pacco dei GRS(sono abbonata alla collana), LA DODICESIMA NOTTE è stato il primo romanzo ad incuriosirmi per la cover veramente bella anche se di quest'autrice non avevo mai letto nulla...beh!...è stata una piacevole scoperta! Il romance perfetto da leggere in una di queste fredde sere invernali!

    RispondiElimina
  7. Una recensione davvero bellissima, complimenti...la logica conseguenza, è che spero di leggere presto questo romanzo...soprattutto l'evocazione della foresta e in generale dei luoghi resi magici dall'inverno e delle feste di un tempo lontano è a dir poco invitante...
    Patrizia

    RispondiElimina
  8. Ciao Lucilla, che bella recensione! Avevo letto la trama e sinceramente non mi aveva colpito molto...Da diavoletto tentatore mi hai fatto venir voglia di leggerlo, magari con una bella cioccolata calda tra le mani!
    Un abbraccio grande
    Gladia

    RispondiElimina
  9. Bella idea, quella della cioccolata, soprattutto quando si è convalescenti.
    Spero che tu stia meglio e che possa coccolarti con una buona lettura; io ti consiglio questo romanzo, ovviamente, credo che leggendolo potrai rasserenarti.
    Diavoletto tentatore? Ebbene sì, lo ammetto!
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  10. @Lucilla, grazie sto meglio! Sono incasinata tra recite dell'asilo, festicciole, regali e tutto il resto mi rimane ben poco tempo x me! Quiandi un grazie ancora più sentito, visto che mi hai dato una bella idea x spendere il poco tempo a leggere un buon libro... spero di trovarlo, nella mia edicola non c'è e al supermercato ci sono ancora gli harmony di novembre... no comment!!
    Ciao
    Gladia

    RispondiElimina
  11. Un giorno dovremo ribellarci alla tirannia degli edicolanti poco scrupolosi; una bella gogna sulla pubblica piazza, e starebbero più attenti! Prova negli ipermercati, Gladia, in genere ci sono dei negozi ben forniti.
    Buone recite (hehehe...)
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  12. Lucilla, ma allora ... anche tu... in fondo, in fondo ... sei buona!
    E sei pure brava con le recensioni!
    A me quel particolare periodo storico non interessa molto, ma, come al solito, sono curiosa più di un gatto e adesso devo andare a comprarmi il libro.
    Sigh... devo smettere di frequentare questi blog... le mie finanze si stanno prosciugando...
    Me misera, me tapina...

    RispondiElimina
  13. Oh, cara Lulli, certo che sono buona.... Quando dormo!
    Ti ringrazio per i complimenti, però hai ragione: frequentando questo blog le mie spese dall'edicolante sono aumentate in maniera vertiginosa!
    E la colpa è anche tua, innocentina, con le tue interviste e i tuoi post.
    Ciao e Buon Natale
    Lucilla

    RispondiElimina
  14. @Lucilla @Lullibi... buon natale di cuore ragazze!

    un abbracio
    Gladia

    RispondiElimina
  15. Buon Natale anche a te, cara Gladia, sii serena e felice insieme alla tua famiglia.
    E non dimenticare di trovare il tempo per leggere, ovviamente.
    Un bacio
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…