Ciao Penny!

Mi ha molto colpito la recente scomparsa di un'autrice di cui apprezzavo i romanzi, Penny Jordan. Credo abbia fatto sognare generazioni di ragazze e signore, dagli anni ottanta in poi, con i suoi romantici libri dove l'amore è il protagonista assoluto. Immagino che l'esigenza di scrivere fosse presente nel suo DNA, e che ne sia stata consapevole molto precocemente, se all'età di otto anni ha potuto creare un'intera serie di racconti avventurosi con cui intrattenere la sorellina minore, alla quale ogni sera prima di dormire ne leggeva uno.
Penny amava inventare storie e traeva gran parte della sua ispirazione da storie di interesse umano che la colpivano, a cominciare dalla storia della sua famiglia. Ha adattato una storia raccontata da sua nonna Elsie Jones in uno dei suoi romanzi.

La Penny ha firmato oltre 200 romanzi rosa, dai regency, con il nome de plume di Caroline Courtney, contemporanei come Penny Jordan, e storici come Annie Groves (nome da nubile della madre). Aveva anche firmato romanzi come Melinda Wright e Lydia Hitchcock. I suoi libri hanno venduto oltre 70 milioni di copie in tutto il mondo e sono stati tradotti in molte lingue.

Ci sarebbe ancora moltissimo da dire su di lei, portata via da un male incurabile, ma non voglio dilungarmi troppo. Preferisco renderle il mio personale omaggio da autrice ad autrice, esprimendo tutto il mio rammarico con queste poche, doverose parole.
Sono assolutamente persuasa che Penny Halsall, nata Penelope Jones, diventata celebre con lo pseudonimo di Penny Jordan, sia stata una delle scrittrici più vendute e prolifiche inglesi, e che così come narrava alla sorella racconti creati dall'inesauribile fantasia di cui era dotata, ora forse delizierà gli angeli inventando anche per loro storie celestiali.
Ciao Penny!


Mariangela Camocardi


 border=

8 commenti:

  1. Forse è un caso, ma proprio ieri, fra le miriadi di libri di un negozio di usato, mi è capitato in mano proprio un romanzo di Penny Jordan; che la Terra ti sia leggera, cara Penelope, ci mancherai.
    Lucilla

    RispondiElimina
  2. Il panorama romance ha perso davvero una penna magistrale che anche da un sottiletta riusciva a far emergere personaggi vivi ed originali.
    Susanna

    RispondiElimina
  3. Penny Jordan mi ha fatto davvero sognare, con i suoi libri. Sono sicura come Mariangela che ora racconterà le sue storie agli angeli. Grazie di avere dedicato un post a questa bravissima scrittrice che ha colorato di rosa i nostri sogni.
    Ornella

    RispondiElimina
  4. Doveroso quanto commuovente tributo ad uno delle miei primi amori tinti di rosa.

    Grazie Mariangela per le parole commuoventi!

    RispondiElimina
  5. Se leggo romance è grazie ad un romanzo di Penny Jordan... grazie a lei mi sono avvicinata a queste fantastiche letture... RIP Penny!

    RispondiElimina
  6. Grazie Mariangela per questo tributo delicato e importante...alla tristezza di sapere che non c'è più questa splendida donna, si unisce la consapevolezza che le sue storie manterranno vive le emozioni che sapeva creare...

    Patrizia

    RispondiElimina
  7. Ci sono 4 o 5 autrici, i cui harmony conservo gelosamente, e una di queste è Penny Jordan. Una scrittrice vera, che riusciva ad infondere la vita ai protagonisti dei suoi romanzi, senza bisogno di tante parole.
    La notizia della sua morte mi ha colpito molto, era ancora giovane...
    Mi dispiace veramente tanto.

    RispondiElimina
  8. E' la mia utrice prefrita di romanzi. Ne ho letti parekki, stupendi... Triangolo diabolico, il peccatore... Grandiosi!

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!