Passa ai contenuti principali

Il colore delle Nuvole di Raffaella Sacchitelli

Ci piace pensare che La vie en Rose sia una festa dedicata alle lettrici, e dall'entusiasmo con cui avete partecipato a questa quarta edizione, di sicuro lo pensate anche voi. Molte lettrici, inoltre, sono anche scrittrici emergenti, che cercano il trampolino per la loro carriera. Ecco perche', l'organizzazione dell'evento ha istituito il PREMIO LETTERARIO LA VIE EN ROSE, che in questa sua seconda edizione ha premiato i sogni di una giovane donna, Raffaella Sacchitelli.
Durante l'evento, Raffaella e' stata la protagonista di un momento dedicato solo a lei: la premiazione. Ha ricevuto applausi ed anche la sua prima intervista. Ha ricevuto dalle mani di Caterina Caracciolo( ideatrice del Premio), una targa e il suo racconto confezionato da una stupenda copertina preparata apposta per lei. Ha scoperto assieme al pubblico presente il booktrailer preparato da Silvia Basile (una delle organizzatrici de La vie en Rose) dulcis in fundo, le e' stato consegnato direttamente da Maria Paola Romeo (organizzatrice del WFF) ,un attestato per partecipare gratuitamente ai workshops del prestigioso Women's Fiction Festival.





Tra applausi, emozioni, e un grande bocca al lupo a questa giovanissima scrittrice, si conclude anche il Premio de La vie en Rose!

Chi sara' il prossimo protagonista? Chi vivra' il suo momento di gloria con noi alla vie en Rose? Il bando per la terza edizine del Premio La vie en Rose sara' pubblico molto presto. Vale la pena cominciare a sognare?

Potete acquistare il racconto vincitore, Il colore delle Nuvole di Raffaella Sacchitelli, qui : LINK


Booktrailer: Il colore delle nuvole.



Commenti

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…