Passa ai contenuti principali

Women's Fiction Festival 2012





È  già tempo di parlare del Women’s Fiction Festival, il congresso per gli scrittori che, edizione dopo edizione, offre ai partecipanti una bella vetrina di novità , opportunità e nuovi spunti editoriali.

A noi piace!
Piace perché,  malgrado la grande portata dell’evento,  seguitissimo anche dagli addetti ai lavori di Germania, Uk, Usa, si avverte durante tutto il congresso un crepitio legato al lavoro continuo, incessante anche se non ancora visibile. Forse, tutto ciò  è dovuto al fatto che ogni mente creativa lì presente produce un’ energia, fatta di speranza, di idee, che anche lo spettatore riesce a percepire. Come  spiegarvi tutte queste sensazioni?  È  proprio il caso di dire:  provare per credere!

Lo consigliamo.
Lo consigliamo perché, il congresso ha un programma pieno, ideato apposta per soddisfare le esigenze dello scrittore, ogni cosa è pensata per coccolarlo.
 I servizi che ogni anno si aggiungono a quelli già esistenti sono notevoli e forse unici in Italia. Basta pensare al Brainstorming che aiuta  lo scrittore a superare, con i consigli anche degli esperti, le difficoltà che incontra scrivendo.
Ma soprattutto, dopo tanto parlare, dopo tanti consigli e considerazioni, ecco la chicca del congresso,  l’atto pratico che ha aiutato tanti scrittori ed emergenti ad entrare nel mondo dell’editoria: La borsa del Libro, il tanto atteso incontro con editori ed agenti letterari a cui affidare il proprio lavoro.  
 Chiediamo ad Elizabeth Jennings, presidente WFF,  lo scopo della Borsa del Libro:


Ci saremo anche noi alla Nona Edizione del WFF.
Ci saremo perché adoriamo l’atmosfera e l’accoglienza che gli organizzatori riservano ai loro ospiti. 
Perché, ogni panel preparato, benchè pensato per gli addetti ai lavori, apre la mente anche a semplici blogger quali siamo noi, aiutandoci  ad andare oltre il libro
Ci saremo perché, ogni anno, quello che si propone come una novità diventerà poi una realtà
editoriale.  Ma soprattutto perché respireremo quell’atmosfera magica e piena di speranze che avvolge il Festival come un manto.

Ci crediamo.
Ci crediamo perché ogni anno che siamo stati presenti come spettatori, abbiamo visto che molti emergenti veramente ce l’hanno fatta. Abbiamo visto i loro lavori da mnoscritti diventare libri.
Se scrivete, se sperate di veder pubblicato il vostro lavoro, il Women’s Fiction Festival rappresenta la vostra grande opportunità, e noi del Blog Immergiti in un Mondo Rosa, realemente ci crediamo!

I lavori dell’edizione del 2012 del Women’s Fiction Festival apriranno il 27 settembre a Matera. 
 Il programma provvisorio lo trovate in questo LINK e le informazioni per partecipare al Congresso, inclusa la Borsa del Libro sono QUI.






 

Commenti

  1. Che peccato che sia a Matera, mi sarebbe piaciuto tantissimo andarci.
    Vorrà dire che mi accontenterò del vostro resoconto :)
    Baci
    Silvia

    RispondiElimina
  2. E' vero e' un sacrificio, ma in fondo una bella vacanza, Matera e' una citta' bellissima, meta turistica di gente di ogni paese del mondo, e' patrimonio dell'Unesco, il cibo favoloso, c'e' la possibilita' di ritornare a casa con la possibilita' che il propio manoscritto venga pubblicato...beh insomma...c'e' da farci un pensierino ragazze!

    RispondiElimina
  3. Io non scrivo, verrei solamente per incontrare le scrittrici che amo e che seguo, ma stavolta essenso incinta, devo proprio passare a malincuore, spero di rifarmi con la Vie en Rose dell'anno prossimo :)

    RispondiElimina
  4. ma questa e' una notizia stupendaaa! e quando nascera' il nipotino del blog? faccelo sapere che metteremo un bel fiocco di benvenuto!

    RispondiElimina
  5. Grazieeeeeee
    Lo/a (ancora non vuole farcelo sapere) aspettiamo per il 20 dicembre.

    RispondiElimina
  6. Che bello! Mi piacerebbe tanto, chissà, magari il prossimo anno Ross. Vorrà dire che come tutte le altre volte aspetterò con ansia i tuoi video, sempre bellissimi :-)
    Baci
    Cris

    RispondiElimina
  7. Come vorrei partecipare anche io! Non con un libro certo... non ce l'ho... ma per scuriosare in giro.
    Rossinaaaaa, amichetta dolce del mio cuore, mi nascondi in una borsetta e mi porti con te?

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

Sposare uno sconosciuto di Lisa Kleypas

Trama La bellissima Lysette Kersaint, fuggita dal patrigno per evitare il matrimonio con un uomo che detesta, trova suo malgrado protezione presso il temibile proprietario di una piantagione. Non è infatti una buona reputazione quella di Maximilien Vallerand, noto per la sua crudeltà e le sue terribili collere, e con un misterioso passato. Addirittura si mormora che abbia assassinato la sua prima moglie. E quando scopre che Lysette è fidanzata con il suo nemico di sempre, decide di usarla per ottenere vendetta. Ma presto la bellezza e il cuore innocente di quella ragazza risveglieranno in lui un sentimento genuino, prologo di una passione travolgente… Per leggere la nostra Malelingua, cliccate su continua a leggere.