Passa ai contenuti principali

Voglio un amore da Soap!

Direttamente dalla pagina di Emma Books -LINK -


Oggi Emma ha per voi una vera chicca. Si intitola Voglio un amore da soap! ed è un libro scritto a quattro mani da Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti.
Se leggete la quarta capite subito che si tratta di un glamour frizzante e divertente, uno di quelli dal ritmo serrato, ricco di situazioni esilaranti e di personaggi spassosi, proprio quello che ci si aspetta da due brillanti professioniste della scrittura creativa (Elisabetta e Grabriella sono autrici di romanzi rosa e di fotoromanzi, sono editor su diversi fronti e sceneggiatrici di fiction per la tv, e chi più ne ha più ne metta…).
Come nello stile di Emma, il libro è anche molto romantico, di quel romanticismo che si nutre di sorrisi e di risate, più che di lacrime e drammi.
Ma quello che rende veramente unico Voglio un amore da soap!, quello che vi farà veramente impazzire di Chiara, la protagonista del romanzo, è il costante intervento nelle riflessioni della nostra eroina di niente di meno che…Sense And Sensibility! In persona! E quando dico “in persona”, intendo veramente che Chiara sente le voci e vede le figure di queste due strane creature, per l’appunto Sense e Sensibility, piombate nella sua testa direttamente dall’opera di Jane Austen (o è l’opera di Jane Austen che sgorga direttamente dai nostri cuori e lì la ritroviamo? ;) ).
Non avete idea delle risate. Chi di voi guardava Ally McBeal e ama i personaggi femminili, diciamo, “a contatto con il loro lato più folle”, adorerà Chiara e il continuo contraddittorio, di quelli che non si trovano neanche nei migliori legal drama, tra le ragioni che la ragione non conosce e quelle che conosce benissimo. E va bene, vi dò un assaggio:



 La macchina stampò, uno dopo l’altro, i fogli che avrebbero dato una svolta alla sua carriera. Dalla serie b alla serie a.
Mentre li contemplava ammonticchiarsi sul tavolo, le sentì arrivare. Prima un brusio confuso. A seguire due parole, chiare e nette:
Ingrata!
Melensa!
E di nuovo.
Melensa!
Ingrata!
In disaccordo come sempre, ma stavolta coalizzate contro di lei.
Cercò di ignorarle, ma dentro di lei cominciò ad agitarsi un dubbio: la sua analista non aveva forse preso quella storia un po’ sottogamba? Magari a qualcuno sarebbe potuto venire in mente di etichettarla come schizofrenica. Perché così si chiamano quelli che sentono le voci.
Ma la sua analista al momento se la stava spassando sotto una palma a Miami Beach con la scusa di un anno sabbatico – beata lei – e Chiara doveva vedersela da sola con la sua bislacca coppia di angeli custodi.
Che ripartirono in tromba.
Traditrice! Infingarda! Voltagabbana!
«Ragazze, non vi allargate. Piano, con gli insulti.»
Melensa! Sdolcinata! Soapparola!
«Adesso basta!»
Coro unanime di risposta:
Tu non accetti le critiche!
«Non questa volta!»
Neanche a dirlo, l’unica voce udibile era la sua.
Sense e Sensibility. Ragione e Sentimento. Le chiamava così.
E non solo le sentiva, le vedeva anche.


Stile minimalista brechtiana, occhiali tartarugati da maestrina e aria severa, una.
 Genere principessa rosa, lacrima facile e cuoricini negli occhi, l’altra.

La ragione del contendere, e del duplice scontento, stava nella sua scelta di tentare il salto di qualità: da “regina della soap” (come recitava la targa appesa come un memento sopra al computer) ad… autrice impegnata (in soldoni, questa era l’idea). Non ne poteva davvero più di amori strappalacrime e strappacuore, avvenimenti improbabili, tradimenti, gelosie, palpitazioni e svenimenti. Ma era evidente che le sue “ due S” non erano d’accordo, anche se per ragioni opposte.
....continua!

Non aggiungiamo altro alla bella presentazione che Emma Books ha fatto di questo nuovo romanzo che potrete gia' scaricare e portare con voi in vacanza.LINK
Noi siamo certe, che come e' successo a noi, a fine libro vi ritroverete a parlare con le due S, e magari dare loro un volto simile a quello che ha immaginato Debora Califri per le sue illustrazioni.

Buona lettura e buone vacanze!







 

Commenti

  1. Cassandra Rocca12 agosto 2012 10:21

    Questo mi stuzzica! Adoro le storie frizzanti e romantiche, penso che lo acquisterò! :)
    Cassie

    RispondiElimina
  2. Grazie per la news, sembra davvero molto carino.

    RispondiElimina
  3. Lo compro ben volentieri!
    Ma se lo scarico non è che mi capitano in casa 'ste due S&S e poi mi tocca sfamarle e pernottarle vero?
    Comunque sembra una storia divertente, vi saprò dire!

    RispondiElimina
  4. Proprio quello che ci vuole! Una lettura divertente e anti-crisi! Grazie per la segnalazione, lo comprerò volentieri. E se le due angele custodi mi capiteranno in casa, le spedirò da Lullibi!
    Lucilla

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…