Passa ai contenuti principali

Il Falco di Pietra di Sergio Grea

TRAMA:
Paolo Tudor, un giovane professore italiano con un cognome molto inglese, viene invitato dalla prestigiosa università californiana di Stanford a tenere un corso di storia economica. Prima di iniziare il lavoro passa però una breve vacanza alle Hawaii. Inizia così per lui un’avventura in cui vivrà ore drammatiche e bellissime. Si troverà infatti coinvolto in un tentato omicidio dalla trama oscura e incontrerà l’amore di Nicole. Un’avvolgente storia giallo rosa tra Honolulu, San Francisco e l’Europa, in un crescendo incalzante di azione ed emozioni che porteranno a un finale del tutto imprevisto.Il Falco di Pietra è il primo episodio di un’avvincente serie di romanzi ambientati intorno al mondo, con protagonisti i “detective” Paolo Tudor e la bella Nicole.
 L'ebook e' disponibile nel sito di Emma Books (LINK)

Per leggere la nostra recensione, clicca su continua a leggere :)


 
Direttamente dalla scrivania di Noco

 Ottima l’idea della casa editrice di segnalare la “taglia” (S/M/L) in base alla lunghezza: questo libro è un M, media lunghezza, non troppo corto e semplice, caratteristica che spesso significa superficialità,  ma  neppure troppo complesso: un giusto compromesso.  Senza contare che il comodissimo formato e-book rende la lettura agevole in ogni luogo e di facile “trasportabilità”, se, come me, possedete un semplicissimo E-Reader.
 
Questo libro è un giallo, non  un thriller di quelli psicologici, ma fresco, leggero ed "enigmistico". La lettrice è spinta a divorare la pagine per capire chi è l'assassino senza l'angoscia, per me sfibrante, che accompagna certi thriller o polizieschi. Il mistero è ben costruito, ricco di  personaggi, luoghi, situazioni, ambientazioni diverse, ma non appesantito da troppi riferimenti. Tra emozioni e avventura, deduzioni  e  sentimento, la soluzione verrà fornita piano piano e sarà un vero colpo di scena.
Il tutto è condito dall’inizio di una bella storia d’amore appassionante, ma, sarò chiara su questo punto, non parte fondamentale della storia che è, e rimane, prevalentemente un mistery. Insomma una sfumatura che rende l’atmosfera romantica e, forse, meno impersonale, ma che riveste un ruolo di secondo piano.
Preciso che l'autore ha scritto anche dei Romance con uno pseudonimo (Angela P. Miller), quindi non è affatto nuovo al modo dei sentimenti. Non avete capito male, è un uomo!!
E che uomo! Sue queste parole:
“…l'amore lo si può far rientrare comunque, perché l'amore è ovunque. Basta che l'ambientazione sia credibile…”
Come non essere d’accordo?
Il tocco di classe, a parer mio, e ciò che mi ha fatto davvero apprezzare il libro, è la scelta di una prima persona narrata al maschile: la conseguenza è uno stuzzicante punto di vista, completamente all’opposto rispetto a ciò che leggo di solito.  Ed è gestito così bene che sembra davvero di essere dentro la testa del protagonista, tra cascate continue di pensieri, riflessioni e deduzioni, sentimenti e sensazioni. Una scrittura secca, fatta di frasi brevi e di passaggi veloci da un concetto all’altro, da una situazione all’altra…  et voilà: ho visto  il mondo con gli occhi di Paolo Tudor. Dopo un’iniziale disorientamento, dovuto alla sorpresa che ha suscitato in me tale scelta, ma anche all’obbiettiva difficoltà di cambiare la mia prospettiva, posso affermare che il proseguimento della lettura  è stata un'esperienza notevole, tanto che non vedo l’ora di leggere il prossimo libro delle “Indagini di Paolo Tudor”, già disponibile, sempre edito da Emma Books  in  versione digitale: Okavango (link )
Vi   avverto, però, che questo stile, è decisamente particolare, oserei dire un azzardo: o si odia o si ama, ed io  posso dire che l'ho adorato!!


 
Buona lettura!


Noco







Commenti

  1. Ecco: una e' già oberata di libri e col portafogli in rianimazione e tu te ne esci fuori con una recensione COSÌ!
    Che si può fare se non procurarsi il libro?
    Bravissima, come sempre!
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  2. Me lo vado ad accattare subito!
    A parte che se è consigliato da Noco, lo prendo a scatola chiusa, a parte che è un ebook e quindi ce l'ho subito nelle mie manine, poi voglio proprio leggere il punto di vista di un uomo e credo che adorerò lo stile svelto e crudo.
    Grazierrime Noco!

    RispondiElimina
  3. Noco..Noco...splendida e accattivante come sempre...e come si fa???
    Ho capito, corro a comprarloooo!!
    E' troppo interessanteeeeeeeeee!!!!!!
    Grazie tesoro per loa segnalazione!!!!
    SereJane

    RispondiElimina
  4. Carissime c'è un premio per voi!
    http://lamiapassioneilibri.blogspot.it/2012/09/premio-cutie-pie.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…