Passa ai contenuti principali

Pensieri proibiti di Megan Hart

Trama
Vivevo per le storie che mi raccontava Joe, per potermi immaginare al posto delle donne che possedeva.

Joe ama tutte le donne, indistintamente. Le conquista, le seduce, le trascina in un vortice di passione con le sue consumate tecniche erotiche... e poi le lascia. Ogni conquista diventa un racconto che Sadie ascolta avidamente, ogni primo venerdì del mese, su una panchina del parco. Non è sicura che tutte le storie di Joe siano vere, ma non le importa, perché con le sue parole lui le provoca quei brividi erotici che un crudele scherzo del destino le ha negato. Ma quando la fantasia ha la possibilità di diventare realtà, Sadie sceglierà di entrare in una delle storie di Joe da protagonista o resterà spettatrice muta e distaccata?

 




Diretamente dalla scrivania di Eleonora
 
 Dico la verità, quando ho letto la trama di questo romanzo, pur apprezzando tantissimo Megan Hart come scrittrice, non ero molto ben disposta.
In genere, leggere di un racconto dentro il racconto, non mi entusiasma parecchio; ma come sempre la Hart ha fatto breccia nei miei pensieri... (e in effetti, i racconti sono amalgamati nella storia in modo scorrevole e lineare).
Tutte le estimatrici del genere sanno bene che l'autrice scrive erotici, ma ciò che senza dubbio la distingue è il modo in cui lo fa. E' vero le storie sono condite di crudo sesso con la terminologia del caso, ma Megan Hart riesce a dare spessore ai protagonisti, a farti entrare nella storia guidandoti con pazienza.
Non voglio fare una vera recensione perchè un romanzo del genere deve essere letto per poter essere realmente apprezzato. Mi piacerebbe evidenziare il fatto che è una lettura profonda e completa che da modo di scrutare, seppur per breve tempo, la propria anima...


Infatti, il romanzo è in prima persona e il lettore si fa carico dei sentimenti e delle emozioni della protagonista, Sadie, diventando parte della storia.
Non è difficile immedesimarsi nel suo ruolo perchè Sadie è un'eroina credibile con tutte le sue contraddizioni e i suoi timori. Mi sono sentita partecipe sin da subito dei suoi "problemi" e come lei, mi sono accorta che nella vita spesso ci si adegua a ciò che gli altri pensano ( o amano pensare) di te.
Sadie riesce ad essere il riflesso di ciò che gli altri vogliono che sia.
A quante di  noi in effetti capita lo stesso?
Quante volte, facciamo ciò che dobbiamo per non deludere le aspettative di chi ci circonda, tralasciando ciò che in realtà vorremmo fare, essere?

Leggendo, verrà anche a voi il dubbio che forse, ma solo forse, sarebbe meglio vivere soltanto secondo le proprie reali inclinazioni?

Ele



Commenti

  1. Sarà il prossimo libro da leggere :)

    RispondiElimina
  2. Credo proprio che lo leggero': il punto di vista diverso mi piace, e la tua recensione, Ele, e' intelligente e piena di riflessioni interessanti. Bravissima, come sempre. La Ross che ne pensa? Lo leggera' anche se e' un erotico?
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  3. La Ross non lo leggera', purtroppo l'erotico non lo digerisco proprio, almeno per il momento. poi chissa' :)

    RispondiElimina
  4. Chissà perché me lo sentivo....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  5. Cassandra Rocca21 novembre 2012 19:42

    Oh!! Ma allora non sono l'unica a storcere il naso! Sapere che anche la Ross non digerisce il genere mi fa sentire meno sola in questa giungla erotica!
    Ne ho letti un paio, per farmi un'idea senza boicottarli tutti a priori, e ho letto proprio due romanzi di Megan Hart. Ne avevo scelti tre, tra cui anche questo, ma non sono arrivata a leggerlo. Dopo il primo, che non mi è piaciuto, ho provato a leggerne un secondo... e l'ho cestinato dopo poche pagine. Perciò, visto l'andazzo, questo non l'ho nemmeno aperto. Mi consola il fatto che non ci ho speso soldi!
    Niente da fare: l'erotico non fa proprio per me.
    Cassie

    RispondiElimina
  6. Mia cara Cassie,
    non siamo le uniche, sta tranquilla :)

    RispondiElimina
  7. No ragazze non siete le sole,
    io non amo molto l'erotico troppo esercizio da camera!
    Mi piace usare la fantasia piuttosto che leggere di posizioni e contorcimenti vari...
    Leggo solo quelli un po' piu' soft,ma solo se me li prestano,i miei soldi sono pochini e preferisco spenderli per altro.
    Ad esempio avevo cominciato l'ultimo della Blak edito da leggereditore(sempre prestato da un amica) ma dopo poche pagine l'ho mollato non fa per me!
    Cmq niente da togliere a chi preferisce scene d'amore infuocate!!
    Baci Mel

    RispondiElimina
  8. Ops,volevo scrivere Black
    Mel

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…