Passa ai contenuti principali

La sorella della sposa di Kristan Higgins


Trama:
Per l'avvocato divorzista Harper James non è facile essere romantica, così, quando incontra l'ex marito Nick al matrimonio della sorella, fa di tutto per tenere a bada l'attrazione che ancora li unisce. Peccato che il destino non l'aiuti, e a causa di un problema con il volo di ritorno, si ritrova ad accettare un passaggio in auto che la vedrà nello stesso abitacolo insieme a Nick per ben tredici ore. Sarà un lungo viaggio nei ricordi di un rapporto che, forse, è finito troppo in fretta e, forse, ha ancora molto da offrire. Chissà che ne penserà il suo quasi-fidanzato, a casa?
Un romanzo brillante, una seconda opportunità all'insegna della nostalgia e della passione.



 

Direttamente dalla scrivania di Noco

Un gran bel romanzo contemporaneo, scritto in una ben strutturata e ben gestita prima persona, che, in questo caso, risulta essere una buona scelta per imprimere profondità e personalità. Un libro che fa sognare, battere il cuore, ma anche soffrire e riflettere. Un romanzo sulle seconde opportunità, dice la quarta di copertina. Concordo, ma aggiungo che è, anche, molto di più.
La trama si sviluppa quasi tutta intorno ad un viaggio. In poche parole lo schema è questo: due ex coniugi si re-incontrano e per una serie di coincidenze (in cui il Fato la fa inesorabilmente da padrone) si ritrovano a viaggiare insieme. Il loro rapporto, come in  tutti i grandi amori che si spezzano, è forzatamente cortese, ma freddo, distaccato e molto doloroso: troviamo due adulti che cercano di mostrarsi indifferenti e “maturi”, ma che risentono di un’attrazione fisica ancora presente e rimurginano, inevitabilmente, sui motivi della rottura.  E il viaggio attraverso l’America  diventa un viaggio interiore, l’occasione per ripercorrere il passato alla ricerca dei motivi, veri, degli errori, ma soprattutto per superare vecchi traumi e paure mai neppure riconosciute, che, finalmente,  affioreranno prepotentemente e potranno essere individuate, sviscerate e superate dai protagonisti stessi, individualmente, ma anche insieme, forti di un legame che non si è mai veramente rotto. Un’occasione  per conoscersi e capirsi, per accettare finalmente che, nella vita, ognuno è degno di amare ed essere amato. E, come tutti romanzi a lieto fine che si rispettino, si dimostrerà che, per quanto sia profondo il baratro in cui si è caduti, c’è sempre la possibilità di risalire, e di riemergere magari più smaglianti di prima!
Tra ironia e serietà, riso e pianto, leggerezza e profondità ho percorso insieme ai personaggi una strada dentro di loro, ma anche di me stessa ed ho pensato molto. Un libro che si può leggere spensieratamente come una bella favola di ricongiungimento, visto lo stile fresco, brillante, scoppiettante e scorrevole, ma che per me è stata davvero un’occasione per conoscermi meglio. Ha toccato le corde più intime del mio cuore e per me resterà indimenticabile!


Noco







Commenti

  1. Cosa potrebbe succedere se si potesse avere una seconda possibilità, in qualunque campo? È' sempre un quesito interessante, soprattutto dal punto di vista sentimentale. Chissà cosa accade ai protagonisti del romanzo? La nostra Noco ha ben dosato la suspence e ora la curiosità e' ben sveglia....edicola, arrivo!
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  2. Complimenti a Noco per la sua recensione.
    Libro bellissimo,lo stile dell'autrice lo trovo irresistibile,fresco divertente e originale.
    @Lucilla
    Non penso riuscirai a trovarlo in edicola,è un libro di qualche mese fa,non ricordo precisamente quando.
    Cmq ne vale la pena!
    Saluti a tutte e buone letture!
    Mel

    RispondiElimina
  3. E' bellissimo! Ce l'ho in scambio su aNobii, oppure contattatemi sul blog ^^

    RispondiElimina
  4. Non l'ho letto, ma se Noco lo consiglia, non posso esimermi dal farlo!
    Perciò, vado a cercarmi anche questo.
    Mannaggia, ma quanti ne devo compareeee, sono rimasta indietro.
    Noco continua a fare recensioni, lo sai che le adoro. :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,