Passa ai contenuti principali

Aspettando...Linda Kent

Girano voci sul web...
Il prossimo mese di febbraio nei Romanzi Mondadori verrà pubblicata una nuova autrice: tale Linda Kent. E io mi sono chiesta, ma chi è questa? Non la conosco. Vabbe', non sono famosa per le mie conoscenze, mi sfuggono le novità e resto come una polla quando, conversando con le amiche, escono fuori nomi e nick name e io non so associarli.
Detto questo, so almeno che Linda Kent è una nuova Rosa. Ebbene sì, mannaggia alle scrittrici italiane che utilizzano pseudonimi stranieri!
Mi sono messa alla ricerca di questo misterioso personaggio e ho visto che ha un profilo Facebook (mi dispiace per chi lo disprezza, ma ormai non se ne può fare a meno per essere almeno un po' aggiornate!), che ha partecipato alla scorsa edizione della Vie en Rose e che non so chi è!!! Non me la ricordo!!!
Comunque, subdolamente, le ho chiesto l'amicizia (sì sono interessata vabbe'!), le ho mandato un messaggino e lei molto carinamente ha risposto.
Sì, però poteva anche essere più esauriente!

Ciao Linda, benvenuta in questo pazzo mondo Rosa, puoi dirci chi sei?
Certo che sì!
Prima di tutto però voglio ringraziare te e June Ross per la vostra ospitalità.
Per quanto riguarda me, eccomi qui, pronta a dirvi tutto:
1) Sono una scrittrice italiana
2) Scrivo romance storici ambientati, per la maggior parte, nel Regno Unito
3) Il primo romance che sarà pubblicato a febbraio è un “Classic” Mondadori
Mi pare di averti  rivelato moltissimo… o forse no?

E perché hai scelto lo pseudonimo “Linda Kent”?
Ecco… se avrai la pazienza di aspettare, nella video intervista che apparirà fra qualche giorno sul blog dei Romanzi Mondadori darò qualche spiegazione in merito… ma solo qualcuna, naturalmente!

O.K. Ancora vuoi restare nel mistero, ma puoi dirci se hai scritto altri romanzi o racconti?
Cara Lullibi, sei troppo abile con le domande. Mi hai convinto a svelarti il mio segreto. Scrivere è una passione che dà dipendenza: di conseguenza, ho scritto, scrivo e scriverò finché riuscirò a battere sui tasti del PC.

Santo cielo, sei più chiusa di un'ostrica!  Ma almeno di cosa parla il tuo romanzo “Il profumo delle rose selvatiche” ce lo puoi dire?
Sicuro! È un libro emozionante, commovente, divertente e misterioso… o almeno io lo considero tale dal momento che mi sono emozionata, commossa e divertita a scriverlo. Ma in questi casi “l’ardua sentenza” più che ai posteri è demandata a voi lettrici e a me non resta che sperare di aver accontentato il difficile pubblico del romance storico.

O.k. Ho capito. Devo aspettare di vedere la tua videointervista sul blog Mondadori, sperando di svelare l'arcano di Linda Kent. Meno male che mancano pochi giorni, perché la curiosità mi sta rodendo il fegato.
Ma chi èèèè questa Linda Keeent!!!

Lullibi



Commenti

  1. Oh che curiosita'! E brava la Kent che e' riuscita a deviare le domande della Lullibi, non e' cosa facile :)

    RispondiElimina
  2. Mmmmm... sì sì anche io sono molto curiosa...
    Lulli, non si è proprio sbottonata la signora nonostante il tuo terzo grade :)
    Lety

    RispondiElimina
  3. Lullibi, sei in ribasso, ai bei tempi le avresti estorto anche il numero di telefono! Dovremo avere pazienza, allora, e leggere....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  4. Mmm... una nuova misteriosa autrice! Qui siamo tutte curiose!!! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…