Passa ai contenuti principali

Emiliana De Vico - Premio La vie en Rose

Il 16 marzo, durante La vie en Rose, e' stata premiata ufficialmente il racconto vincitore della terza edizione del Premio letterario La vie en Rose: Indaco di Emiliana De Vico
E' possibile acquistare il racconto dal sito Lulu: LINK


Cerchiamo di conoscere meglio la vincitrice del premio letterario La Vie En Rose.


 


Intervista a cura di Libera 
 

- Chi è Emiliana?

Sono moglie e madre di due bambini. Laureata in Scienze sociali lavoro presso i Servizi sociali di zona. Sono una normalissima persona in perenne ricerca di un momento di quiete per poter leggere.


- Com’è il tuo rapporto con lo scrivere? Come hai cominciato e che passi hai fatto in seguito?

La scrittura sta diventando una piacevole dipendenza. Acquista, sempre più, carattere di esigenza. Devo confessare che ho racimolato il coraggio di scrivere da troppo poco tempo per avere una idea ben precisa di me e delle mie capacità. Ho iniziato per gioco, per caso, senza neanche sapere perché e ho continuato. Col tempo, ho sentito l’esigenza di approfondire e conoscere modi e metodi della scrittura e ho frequentato un corso con Franco Forte. Questa esperienza mi ha cambiato la vita, nel senso che ora sono consapevole delle numerose lacune che mi porto dietro come una zavorra e di quello che ancora devo apprendere. Oggi so che la scrittura è una strada in salita per me.



- Come hai saputo del premio?

Gironzolando tra i forum di romance ho visto il concorso. Ho capito dai video, dalle foto e dalle recensioni delle passate edizioni che è un importante, seppur giovane, punto di incontro tra chi scrive e chi legge il buon romance. 


- Come ti rapporti al mondo del romance?

Il romance è il mio completamento naturale. Nell’età adolescenziale soddisfaceva la curiosità di scoprire l’amore romantico; nell’età adulta ha acquisito un’altra valenza. Mi permette di evadere, di vivere l’evoluzione in positivo di una storia, mi regala la certezza di un lieto fine, che di questi tempi non guasta. Soprattutto, occupandomi della popolazione problematica, compensa le brutture che incontro sul lavoro. Su di me ha un potere “terapeutico”.


- Ci racconti la trama in poche righe?

È l’incontro/scontro tra l’anima travagliata di Bran e l’aura indaco di Camelia. Solo la forza pura e il sentimento autentico della protagonista riescono a fare breccia nella barriera che lui tiene alzata contro il mondo. Camelia ha la capacità di fargli sentire l’urgenza di vivere un rapporto vero, paritetico, che nulla ha a che fare con le violenze che Bran ha vissuto e osservato durante l’infanzia. E anche se il protagonista non sa come avvicinarsi all’aura che si irradia da Cam non può che subire la sua vicinanza, sperando che il contatto con la sua pelle non finisca mai.  



- Sei anche nella 365 SDA, a quale altri concorsi hai partecipato.

Il mio racconto è al 22 marzo. Altri piccoli elaborati sono stati selezionati dalla Delos (Speciale Scienze Fiction, il Magazzino dei Mondi 2 e il contest relativo al “Segno dell’untore”). Ho partecipato, inoltre, all’ultimo Premio Writers Magazine. 


- Una scrittrice ecclettica. Secondo te quali limiti ha un romanzo d’amore?

Se c’è un limitazione non è del genere ma dei preconcetti che riguardano il romance. I luoghi comuni sulle lettrici rosa sono una cattiva pubblicità più che una reale classificazione di serie B. E i dati delle vendite mi danno ampiamente ragione. Come in tutte le situazioni si trovano romance ben strutturati e altri meno organici, ma è un problema di selezione e non di genere. In questi ultimi anni c’è una declinazione del romance in tanti sottogeneri che non so neanche classificarli, ma che soddisfano le esigenze più disparate. 


- Progetti imminenti?

A luglio uscirà un mio primo romance di ambientazione storica “Seta e velcro” edito da Aliberti editore.


- E quelli futuri?

Ancora nulla di certo ma mi piacerebbe scrivere una storia con personaggi dall’aura cristallo.





Commenti

  1. bellissima intervista Libera! E bella Emiliana de Vico che non conoscevo.
    Da quello che dice è una autrice da tenere sott'occhio e da leggere.
    Brave tutte e due!
    E adesso alla caccia dei libriiiiii

    RispondiElimina
  2. Confermato Lullibi: Emiliana è un cavallo di razza, lasciatelo dire a me che la "leggo" forse da più tempo di voi,e non la perderò di vista un attimo d'ora in avanti.Grande Emiliana, siamo tutti con te!

    RispondiElimina
  3. Con Emiliana ci siamo ritrovate sul forum della WMI ed è stato facile e piacevole chiacchierare, peccato non essere riuscite a fare una foto insieme alla VER (colpa mia, ero frastornata da tante cose belle!).
    E anche io, avendo letto qualche suo racconto, sono convinta che sia promettente!

    Libera

    RispondiElimina
  4. Mille grazie a tutte voi che più di me siete scrittrici promettenti.
    La Ver è indimenticabile!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

Chi ha diritto al..Titolo?

Direttamente dalla scrivania di Lety: Ciao ragazze, E' sempre la Lety, che oggi ha un quesito fondamentale da rivolgere alle amiche del romance storico! A volte nelle letture soprattutto dei Regency, non vi capita di sentirvi soffocare dalla quantità di titoli nobiliari? Quando, per esempio, ci sono queste mega cene con tante di "teste coronate", dove vigono certe regole di etichetta: il più importante ha il posto migliore e via via fino al meno blasonato... che confusione! Ma non potrebbero mettere anche un librettino di istruzioni nelle prime pagine? A questo punto, credo che sia importante chiarire un ordine di importanza, che molte di noi (tutte?) forse sanno già, ma perchè non metterlo nero su bianco (o meglio nero su rosa, visto il colore dello sfondo del blog )? Ecco la classifica dei "Sangue blue" in ordine di tono di blu crescente, il vademecum per le nostre eroine in età da marito! - Baronetto (sir) - Il baronetto è colui che viene nominato dal