Passa ai contenuti principali

Dove è finita la fase dell'innamoramento?

 Direttamente dalla scrivania di Eleonora

Prima di iniziare questa mia digressione sui romance attualmente in commercio, ci terrei a precisare che non cerco il pelo nell'uovo sempre e su tutto.
Sono esigente sì, ma con moderazione!
Ultimamente le mie letture si sono fatte più vaste, includendo generi che prima escludevo a priori per evadere un pò dai soliti clichè.



Sulla scia di questa mia intenzione, ho letto sia "Easy" di Tammara Webber che Gabriel's Inferno - Tentazione e castigo di Sylvain Reynard.
Due generi totalmente diversi, trattandosi il primo di un young adult.
Come posso accostare due romanzi così diversi tra loro?!
Bene! Entrambi godono di una buonissima critica, campioni di incassi per così dire; e con due eroi maschili abbastanza tormentati.
In Easy c'è una storia d'amore fresca, pulita, universitaria, con tocchi molto soft di erotismo; in Gabriel's inferno c'è una storia un pò particolare con accostamenti con la Divina commedia di Dante (tratto che mi era sembrato veramente innovativo e interessante visto il mio "amore" per la letteratura italiana!) e un rapporto più conflittuale.


Leggendoli, mi sono accorta di non poter fare a meno dei miei cari e amati clichè.
Cosa manca?
La fase dell'innamoramento...
Io adoro questa fase di transizione per così dire, in cui entrambi i personaggi si trovano coinvolti nei propri sentimenti, e cominciano ad avvertire la mancanza, o il desiderio, dell'altro.
In questi due romanzi, ciò manca del tutto.
In Easy, i due protagonisti si scambiano a stento tre parole fino quasi alla fine (ma si baciano, senza neppure scambiarsi un pensiero coerente!). Lei comincia a pensare a lui; lui la cerca ma sfugge.
Come sono arrivati ad innamorarsi?!
Sulla base di quali pensieri profondi che io di certo non ho captato?!

In Gabriel's Inferno, inizialmente il protagonista è uno strxxzo patentato (ma veramente!); lei un pò deficiente. All'improvviso, lui si ricorda dell'unica volta in cui si erano visti (lei è la sua Beatrice) e diventa un idiota rammollito che la vezzeggia con frasi ripetitive, di un melenso assurdo (se siete diabetici, non leggete: meglio un buon dolce!).
Come si sono innamorati questi due? Sulla base di cosa?
Posso capire lei che ha un'infatuazione adolescenziale, ma lui?

Quindi, care amiche, possibile che solo io abbia notato la mancanza della fase più bella di un buon romanzo?
Lo avete per caso riscontrato in altri romanzi?

La Vostra riflessiva 
Ele
















Commenti

  1. Purtroppo mi tocca darti ragione. E non perchè non voglia dartela, ma perchè in questi libri, manca davvero la sensazione che qualcosa sta nascendo. L'attesa che un sentimento prenda forma. L'innamoramento in tutte le sue forme! In un romance è la parte che preferisco ^^

    RispondiElimina
  2. E' proprio vero che ognuno ha i suoi gusti. Per me questi due libri sono veramente belli e dolci. L'innamoramento c'è eccome.... Forse non tutti sanno coglierlo. Ce ne fossero di più di libri così...
    Emma

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo al cento per cento con Eleonora! Quella dell'innamoramento e' una fase fondamentale, in cui si vede anche la bravura dell'autrice nel tratteggiare i vari tentennamenti, i dubbi, e desideri....
    Purtroppo, in molti romanzi tale fase manca o è' tirata via come qualcosa di superfluo. Io,invece la trovo imprescindibile, non solo per capire come i due arrivano ad innamorarsi, ma soprattutto per far affezionare chi legge ai protagonisti....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  4. Non ho letto questi romanzi, ma mi trovo d'accordo con Eleonora: prima di una fase "questiduesiamanotantomachissàcosadevonopassareperstarefinalmenteinsieme" che spero ben congegnata, quasi esigo un preludio d'innamoramento. Per di più, non credo molto al colpo di fulmine tout court: nella vita, come in un libro, mi piace l'idea di un certo non so che immediato, ma che va poi nutrito di pensieri ed emozioni. Mi spingo oltre: penso che molte di noi, perfino se ripensano agli amorucci adolescenziali, rammentano la dolcezza dell'innamoramento, più degli sviluppi non sempre stratosferici che ne scaturirono...
    Patrizia

    RispondiElimina
  5. Neanche io ho letto questi due libri perché non mi ispirano per nulla, ma sono d'accordo con Eleonora: in un libro la fase dell'innamoramento è la più bella, quella che ti fa emozionare! Se manca quella, una storia mi lascia ben poco.
    In dove riscontro questa mancanza? Negli erotici soprattutto (ovviamente, ma ne ho letti solo un paio, forse sono stata sfortunata io?). E, mi duole ammetterlo, ma anche nella serie Boonsboro Hotel di Nora Roberts ho notato una diminuzione di emozioni; i primi due titoli sono freddi a mio avviso, è più concentrata sulla ristrutturazione dell'hotel che sulla coppia. Questa mancanza mi fa chiudere un libro con la sensazione che manchi qualcosa, anche quando a scriverlo è una regina indiscussa del romance come la Roberts.
    Cassie

    RispondiElimina
  6. ...io sto aspettando di leggere Gabriel perchè pressata dalle amiche entusiaste...speriamo bene!
    In genere preferisco tutt'altro genere di libri ma la curiosità questa volta l'ha avuta vinta...;)
    Ti farò sapere....

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…