Passa ai contenuti principali

Margherita Hack Il nostro omaggio

Non servono tante parole per esprimere il dispiacere per la scomparsa di Margherita Hack. Ne hanno parlato tutti, in lungo e in largo, come giusto che fosse.
Il Juneross' Blog ha deciso di omaggiare questa grande donna con uno spezzone di intervista che le era stata fatta a suo tempo dalla giornalista Paola Renelli per il giornale IL PUNTO
Sono solo pochi minuti di un'intervista che in origine durava oltre i 40 minuti. 
Pochi minuti per ricordarla.

Arrivederci Margherita!





Commenti

  1. Paola Renelli4 luglio 2013 22:44

    Grazie Juneross. L'incontro con Margherita Hack, la semplicità e lo stupore con cui ha saputo guardare tra le stelle, per poi rivolgersi alla terra con rinnovato amore ed energia mi è rimasto nel cuore. Una donna indomita, coraggiosa nelle sue scelte, senza vanagloria, ma fiera e libera. Un esempio per noi. Quando qui tutto sembra deluderci, alziamo gli occhi e guardiamo il cielo. Ciao, Margherita...

    RispondiElimina
  2. Grande Margherita e brava Paola!

    RispondiElimina
  3. Una donna libera, luminosa come le sue stelle ma paciosa come i suoi amati gatti. Dormi bene, Margherita.
    Lucilla

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver dedicato questo omaggio a una donna fuori dal comune quale è Margherita Hack, una scienziata che ha inciso il suo nome tra le stelle, appunto. Purtroppo la nostra epoca riserva quasi sempre la ribalta a donne famose solo per l'esteriorità, più che per i meriti e la genialità che hanno contraddistinto Margherita.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Sposare uno sconosciuto di Lisa Kleypas

Trama
La bellissima Lysette Kersaint, fuggita dal patrigno per evitare il matrimonio con un uomo che detesta, trova suo malgrado protezione presso il temibile proprietario di una piantagione. Non è infatti una buona reputazione quella di Maximilien Vallerand, noto per la sua crudeltà e le sue terribili collere, e con un misterioso passato. Addirittura si mormora che abbia assassinato la sua prima moglie. E quando scopre che Lysette è fidanzata con il suo nemico di sempre, decide di usarla per ottenere vendetta. Ma presto la bellezza e il cuore innocente di quella ragazza risveglieranno in lui un sentimento genuino, prologo di una passione travolgente…Per leggere la nostra Malelingua, cliccate su continua a leggere.