A mio gusto....no!



 Direttamente dalla scrivania di Juneross



È facile perdersi nella rete web. Tante voci, tante opinioni, ed è giusto che sia cosi.

Il problema, però, nasce quando si cerca una recensione spassionata su un tale libro che si vorrebbe acquistare. Oddio a pensarci bene, con tutti gli ebook piratati che ci sono in circolazione, questo è un problema che un lettore nemmeno più si pone, lo scarica e amen: c’è sempre tempo per leggerlo. 
Va bene, facciamo finta che, come ai vecchi tempi, si possa comprare solo il cartaceo, i soldi sempre pochi e quindi poche possibilità di sbagliare l’acquisto. Cosa si fa? Si apre santo google, si digita il titolo e si leggono i 150 milioni di  commenti, post, discussioni in  circolazione. 
E va bene, avete ragione, dopo aver letto le maree di opinioni sul libro, è inutile comprarlo, ormai vi hanno rivelato anche  il finale. 
Facciamo ancora finta che, a parte la trama, troviate recensioni scritte come dio comanda, che aiutino realmente l’acquirente a capire se il libro possa essere una buona lettura. Facciamo finta, lo avevo già specificato, perché si fa subito a dire che si recensiscono libri, ma credete a me, tanto facile non è. Ho fatto anche la rima!

C’é da mettere in conto anche un altro fattore: non sempre si leggono recensioni veritiere. Ah! Che nessuno se ne risenta, o che si offenda, ma vuoi che si conosca l’autrice, vuoi che si conosca l’editor, non sempre si può dire liberamente: il libro fa schifo, risparmiate i soldi.

Per finire, ecco il fattore più importante: 
il proprio gusto! 
Mettiamo, sempre per finta, che siamo delle ottime recensioniste, una di quelle che riesce a scrivere anche solo poche frasi e dare al lettore l’idea globale del romanzo(utopia,lo so, facciamo finta, l’ho già scritto!). 
Alla fine della fiera,  rimane sempre e comunque il fattore GUSTO. Dico gusto, ma con questo voglio racchiudere tutto ciò che influisce sulla recensione: esperienze personali, modi di vivere la vita, l’amicizia, l’amore, insomma tutto, ma proprio tutto ciò che potrebbe influire sul giudizio finale di un romanzo. Lo so mi sono ripetuta, ma era per dare enfasi alla frase. Licenza blogger.

Come faccio a dire io, Pinco Pallino qualunque, che il libro in questione è brutto? Come posso esprimermi liberamente senza offendere la sensibilità dello scrittore, o incappare nell’antipatie dell’editor? Che grattacapo. Alla fine della fiera, come un Pinco Pallino qualunque non posso permettermi di giudicare un romanzo, è vero, ma sapete cosa? Nel nome del gusto, il mio, posso dire se il libro è nelle mie corde oppure no.

Ho scoperto l’acqua calda? Forse si, ma da questo lungo e intricato ragionamento che faccio a me stessa da mesi, viene fuori un’idea che si chiama  A MIO GUSTO, NO! 
Una nuova rubrica che, se possibile, avrà la pretesa di aiutare nella scelta dei romanzi. Ci sarà sempre una premessa all' inizio delle recensioni del libro, la mini biografia letteraria della bloggerina che vi aiuterà a capire se siete in sintonia con i suoi gusti oppure no. 

Ad esempio: 
 Juneross:  adora i romanzi storici medioevali, odia il sangue e gli esseri alati (leggi: vampiri e streghe in generale),da poco si è accostata alla lettura dei romanzi delle scrittrici italiane e di tanto in tanto non disdegna un bel regency, anche se dopo un po’ i merletti dei dandy le fanno allergia.Per quanto riguarda gli erotici, sa già come si fanno i bambini, quindi preferisce una bella storia d’amore alle prestazioni da circo.


Penso che sia chiaro, che chi si accinge a leggere una mia recensione, difficilmente leggerà qualcosa di positivo su un erotico  o su un vampiro, ma: a mio gusto, no!

Attenzione però, non saranno malelingue(LINK) quelle che vi proporremo, ma piuttosto ciò che per i nostri gusti non riusciamo proprio a leggere, anche se per la maggioranza dei lettori potrebbe rappresentare una buona lettura.

È uno strumento in più che vogliamo offrirvi, e si, rappresenta anche  la possibilità di noi bloggerine di esprimerci liberamente: in nome del proprio gusto!



Cosa ne dite?  Avete voglia di iniziare questa nuova avventura con noi?

Juneross




 border=

17 commenti:

  1. ADOROOOOO, ADOROOOOO, ADOROOOOOOOO!;) Ecco ora caro boss non si gasi troppo, però l'idea mi piace un sacco!!! Che bellezza poter parlare liberamente e dei propri gusti!!;) ci stooooo!!

    RispondiElimina
  2. perfetto, bloggerina serejane, sei arruolata! mandami la tua mini biografia letteraria e ...buon lavoro!

    RispondiElimina
  3. ma perché, che ho fatto fino adesso? Mah... di' che vuoi pettegolezzi su di noi va'... Comunque ecco la mia bibliografia: giovanissima lettrice, bella e sensibile, ama la cultura, politica, leggere Kant, Tolstoj, Machiavelli, Sacharov... Dei suoi viaggi intorno al mondo ne ha tratto mappazzoni di etnologia, ecc. ecc.

    RispondiElimina
  4. Patrizia Ferrando:
    Patrizia Ferrando Mi sembra una grande idea, proprio per creare uno spazio dove si è esprime la propria inevitabile "parzialità" dettata da preferenze e idiosincrasie! E poi io cito a ogni piè sospinto un mio adorato insegnante di letteratura ( mi perdoni da lassù, prof ) che diceva che è corretto, riferendosi a un libro, un dipinto, un'opera teatrale etc, affermare "mi piace" o "non mi piace", e analizzare eventualmente le caratteristiche tecniche, ma non "è bello" p "è brutto", perchè bellezza e il suo opposto sono categorie dello spirito...perdonate, le ali erano cariche e mi è partito il volo pindarico
    Patrizia

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia, sono assolutamente d'accordo! Mi offro volontaria, qualora non mi arruolassi, Boss! Biografia? Pronta: colta, fascinosa e amante del mistero, non disdegna incursioni nel mistery, meglio se corredato da lupi mannari; astenersi vampiri e perditempo.... Ah, no, così sembra un annuncio matrimoniale....
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  6. Mi piace!!! E' un approccio diverso, in questo modo è chiaro che chi recensisce esprime solo il proprio gusto personale, senza intenzione a offendere l'autrice.

    Ci sono molte autrici che trovo ottime scrittrici ma i cui contenuti non sono di mio gusto! ^^

    Brava Boss Ross

    RispondiElimina
  7. lullibi, lucilla! ma come devo fare con voi due? ahahaha!

    RispondiElimina
  8. Non so se vado bene... recentemente ho scritto di me:
    "mi piacciono determinate cose ed altre sicuramente no, ma in mezzo son soggetta a mille sfumature, sono lunatica, umorale, metereopatica e irascibile, ciò che accetto un momento quello dopo non lo digerisco per niente, vado ad ondate e vivo di manie, fissandomi su generi, autrici, ambientazioni che poi abbandono per un po'... nella lettura vengono fuori i peggiori lati di me... meno male che il romance ha tante declinazioni e posso spaziare!!"
    Insomma, sono onnivora, ma volubile....

    RispondiElimina
  9. 50 sfumature di Noco!
    Lucilla

    RispondiElimina
  10. La mia biografia letteraria interessa? Dopo gli anni del ginnasio, in cui mischiava senza remore rosa e aoristo, diviene accanita consumatrice di letteratura inglese e francese dell'800, amante della poesia, divagatrice professionale su temi d'arte, storia, costume. Legge, legge, legge, nonostante la nonna l'avesse ammonita: a far così si spaventano gli uomini! Diventa giornalista,e, poco per volta, inizia a scrivere testi che non sono solo cronaca, insomma, a dar forma a racconti. Ama Jung e Hillmann,Karen Blixen, Mario Praz, Joseph Roth e tanti libri venuti dall'est. Passata la boa dei 35, riscopre con rinnovata passione il romance. Adora lo storico, specie se l'ambientazione è successiva al XVIII secolo, e magari esula dal solito Regency;è molto pignola sui dettagli d'epoca.In allegro controcanto, apprezza il contemporaneo frizzante, non trova abominevole la prima persona, quasi quasi preferisce l'ambientazione italiana, o almeno europea. Bazzica poco l'erotico, e ha alcune dichiarate avversioni: sceicchi, sci-fi, saghe troppo lunghe. A qualcuno ( lei medesima) il paranormal piace storico.

    RispondiElimina
  11. Patrizia, tua nonna aveva molto in comune con la mia. Forse che siamo davvero cugine....?
    Lucilla

    RispondiElimina
  12. Ok, biografia vera, veramente bio!
    Amante degli storici, apprezza moltissimo le biografie mentre non ama i troppo sbrigliati voli di fantasia. Affetta dalla sindrome di Montalbano, reagisce agli erotici con il sonno profondo. Appassionata di mistery, meglio se venato di horror, non è' mai riuscita però ad appassionar si alle varie saghe vampiresche. Si concede ogni tanto un regency rilassante, ama le ambientazioni italiane ma non si pone limiti in questo senso. Apprezza autrici ed autori italiani ed è' un'inguaribile malalingua.
    Eccomi, tale e quale.
    Ciao
    Lucilla

    RispondiElimina
  13. Finalmente, mi fa scrivere 'sto blog scellerato!
    Bella idea...anche se avrei da aggiungere qualcosa alla biografia della Ross...

    RispondiElimina
  14. elenora! pensa a fare meno la befanaccia e comincia a scrivere, ci vogliamo mettere in moto?

    RispondiElimina
  15. ok...ma la descrizione mia la faccio io o tu?! ;)
    ti do un incipit...bellissima, simpaticissima, timida

    RispondiElimina
  16. Ehm...ehm...sono un po' in ritardo temo...
    Allora facciamo presto: io leggo tutto! Ci sono stati periodi in cui ho preferito un genere ad un altro (come adesso do più spazio al romance e a vent'anni favorivo i gialli), ma non ho veri limiti, a parte uno stile fluido dell'autore, assenza di strafalcioni storico-ambientali e passione. Non intesa come erotismo e sensualità, ma come trama accattivante o scrittura coinvolgente. Che altro dire? Ah già qualche nome. Ken Follett lo compro ad occhi chiusi, apprezzo molto gialliste come Anne Perry, rileggo spesso la Austen e per il romance... ho tante preferenze e nessun'autrice preferita.
    Libera

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!