Passa ai contenuti principali

Cosa succede in casa Harlequin?

La notizia e' ormai ufficiale e quindi ci apprestiamo anche noi a darla ai nostri lettori: 
Alessandra Bazardi, direttore responsabile di varie collane, nonche' il volto della Harlequin Italia, dopo una collaborazione ventennale lascia l'azienda.
In questo caso e' difficile separare la notizia dal sentimentalismo, perche' la Bazardi e' il direttore che ha creduto in noi  bloggers. E' l'editor che ha dato voce ai desideri delle lettrice. E' la donna che ha sempre avuto una buona parola per tutti e quando e' stato possibile ha aiutato a realizzare dei sogni.
 Insomma, il lato umano di una grande azienda.
Ma questo non vuol dire che finisce la collaborazione con Alessandra Bazardi, perche' dovunque andra'...noi la seguiremo! 

Juneross






Commenti

  1. Mi dispiace tanto per Alessandra, ad ogni modo.. "ogni fine e' un nuovo inizio". In bocca al lupo per il futuro!:).
    Margaret.

    RispondiElimina
  2. Ross, ma è una minaccia quella del seguirla ovunque andrà? ;-)
    A parte gli scherzi, non conoscendo i retroscena, non so se dispiacermi o congratularmi con Alessandra, ma, certamente, ne sentiremo ancora parlare.
    In bocca al lupo per tutti i progetti futuri!

    RispondiElimina
  3. Ah le mie bloggerine e come sono malizioseee! Ma come, una minaccia quella di seguirla dovunque andra'? E' una promessa!! Muahhhhhhhh!

    RispondiElimina
  4. In realtà, in Mondadori ci sono state molte sostituzioni Ma chi vale non avrà problemi :)

    RispondiElimina
  5. salve a tutte. io non so se è un bene o perché, ma so che in edicola è un poco difficile avvicinarsi ormai con i prezzi che salgono. non so a cosa è dovuto ma ho visto che bluenocturne è diventato 6,50 euro e in 1 anno da 4,90 a 6,50 direi che è un po' troppo. e poi dicono che non si legge. lo credo bene. in un momento cosi brutto si taglia a ciò che si crede meno utile. siete bravissime e il vostro umorismo solleva un po' il morale. ci siete mancate. grazie e auguri di buon anno a tutti. gentili saluti anila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anila, grazie per il tuo commento.
      Ahime' ce ne siamo accorti tutti dei paurosi rialzi, forse solo la casa editrice non ha capito che siamo in tempi di crisi e che il libro tra un po' diventera' bene di lusso! Lo capiranno quando saranno costretti a chiudere le serie perche' invendute? Ai posteri l'ardua sentenza.
      Continua a seguirci e soprattutto a commentare, i vostri pareri sono preziosi!

      Elimina
    2. grazie per la risposta. siete molto gentili e vi seguirò sempre. a tutte voi grazie e continuate cosi. chissà se otteniamo qualcosa di buono o le case editrici chiudono bottega. grazie mille.

      Elimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

.... Ogni storia che viene narrata Ha dietro una persona che l’ha creata: Nella mente un pensiero le è nato E amore e mistero ha amalgamato. Così Deanna Raybourn ci ha raccontato Cosa ha veramente pensato Dando vita al racconto citato… .... il cantastorie Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali. Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis: Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata. La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci. Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly. Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione. Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza. Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, qua

CIO' CHE CERCO IN UN UOMO... E CHE NON TROVERO' MAI!

"se voi foste stata promessa a me, solamente se fossi diventato cieco, sordo o completamente folle, vi avrei lasciato per un'altra e meno che mai per una donna come vostra sorella" S ono caduta in un gorgo e non ne esco più, mi sono innamorata… Irretita da una commistione letale (almeno per me) che ha generato un sisma nelle mie emozioni: un personaggio immaginario, un interprete defunto e una voce suadente. Ho rivisto dopo venti anni “Cuore Selvaggio”, telenovela che, all’epoca, non avevo apprezzato, causa eventi assai spiacevoli nella mia vita. Non lo avessi mai fatto! Non riesco a smettere di guardarla a ripetizione, come se fossi drogata. E il motivo è solamente uno... JUAN DEL DIABLO, AMORE MIO L’archetipo dell’uomo perfetto, perseguitato dalla sorte e, soprattutto, dalle persone. Ostinato, coraggioso, impetuoso, tenace, volitivo, passionale, romantico, fedele e (non ce lo dimentichiamo) bello, che più bello non si può! Il mio protagonista DOC,