Passa ai contenuti principali

Elite Ops di Lora Leigh



Con la serie Tempting Seals di Lora Leigh, mi ero completamente persa nella logica  dei traduttori che per far stare tutti e sei libri(tre storie principali e tre novelle sparse in varie antologie) in solo tre romanzi tradotti, avevano pensato di fare un bel tagli e cuci. Chi ha letto i tre libri tradotti in italiano, sa bene che non solo di italiano ce n’era poco, ma che tagliando e riattaccando avevano creato una sorta di Frainkstein con la testa di Nathan, il corpo di Reno e le gambe dei narcotrafficanti. E ho detto tutto! Giusto per spirito di conversazione, estrapolo alcune considerazioni dalla recensione del nostro bloggerino Pierluigi:  LINK

Quanto influenza l’opera del traduttore? Si attiene fedelmente a quel che si trova davanti o deve metterci di suo? Successivamente, trattandosi di una trasposizione dall’inglese all’italiano, necessita comunque di un lavoro di editing? Se trama e scene possono appassionare il lettore, alla fin fine sono solo questione di gusti, il modo in cui son state scritte o riportate nella nostra lingua, quale che sia il caso, lascia parecchio a desiderare. Ahimè. Sarà che ormai non riesco più a leggere qualcosa senza pensare a ripetizioni o costrutti grammaticali, ma qui ci si sguazza addirittura e, onestamente, non avendo sottomano la versione originale, non so se addebitarla all’autrice o addossarne ogni responsabilità a chi ci ha messo mano in seguito. Le reiterazioni son grossolane e sarebbe bastato un minimo di editing per snellire la lettura e, quello “gli stortò il braccio” che non può essere certo addebitato all’autrice, grida vendetta al cielo e alla grammatica italiana. Da brivido. In tutti i sensi.

Perché ritornare a parlare di questi benedetti Navy Seals? Ebbene, spulciando nel blog Mondadori, scopro che nei prossimi mesi sarà pubblicato il primo libro della serie Elite Ops e  proprio perché  nella serie precedente continuavo a perdere il filo conseguenziale, ora vorrei arrivare preparata a questi nuovi episodi.
Innanzitutto, dal sito ufficiale della Leigh, scopro che il Ops di Elite sta per Operations. Ma questo le lettrici lo sanno già perché masticano l’inglese, loro!
Andiamo avanti, i libri della serie sono nientepopodimenoche sette (e qui comincio a sudare freddo...) e il primo Wild Card inizia proprio con Nathan. Lo ricordate? Era  il Navy Seal tenuto prigioniero dai narcotrafficanti, ma che viene liberato in una delle ultime operazioni dei Seals.
Poi, mentre continuo le mie ricerche, scopro che (accidenti alla Leigh c'è ricascata di nuovo!) in questa serie c’è anche una novella, la cui lettura si può scaricare gratuitamente in questo sito: LINK. Ma non finisce qui, perché  il sesto romanzo è contenuto in un’antologia, e prima del settimo c’è un altro racconto(?) intitolato Enigma o meglio il prologo all’ultimo romanzo. Avete capito qualcosa? Io sì, vedremo la serie tradotta  nel prossimo secolo.  Ecco comunque la lista  copiata&incollata da un sito di letture trovato su Google( scusate non lo ritrovo piu' il sito e non posso dare i credits!)


Wild Card
Elit
e Ops Book 1

Maverick
Elite Ops Book 2

Heat Seeker
Elite Ops Book 3

Black Jack
Elite Ops Book 4

Renegade
Elite Ops Book 5

Hannah's Luck
Elite Ops Book 6 (Men of Danger Anthology)

Enigma
Prologue To Live Wire

Live Wire
Elite Ops Book 7






Non possiamo che fare una preghiera a favore dei traduttori, che come hanno già dimostrato nella scorsa serie, hanno avuto filo da torcere con la Leigh. E poi sarà quel che sarà, noi siamo sempre disposte a scrivere delle Malelingue, ma poi non venite a lamentare!

Juneross



Commenti

  1. Oh, my God.... Tanto per restare in tema di traduzioni!
    Ma come si fa a massacrare così una serie, qualsiasi serie? Volete tradurre l'opera di una scrittrice americana di successo? Benissimo, siamo qui per leggere; ma con un po' di cervello, please: non è ammissibile iniziare una serie dalla fine, tagliare tutto per far entrare tre romanzi in uno (il CEPU dell'editoria!) e tradurre il tutto con le estremità inferiori (leggasi: con i piedi!). Se poi il capolavoro così ottenuto viene condito con abbondanti errori grammaticali, allora saremmo di fronte ad un nuovo sotto genere del romance: il collage!
    Con quest'autrice già si parte con difficoltà, se poi ci si mettono anche tutti questi impicci.... Poi non dicano che da noi la tal autrice non ha avuto successo; si interroghino gli editors e compagnia sulle proprie responsabilità! È scusate lo sfogo

    RispondiElimina
  2. Bene, vedo che si e' colto bene il messaggio subliminale :)

    RispondiElimina
  3. Altro che subliminale!
    Comunque con il problema traduzione=tradimento sfondi una porta aperta.
    Ora io ammetto i problemi di foliazione dei romanzi da edicola, ammetto anche che rendere il senso di alcune autrici difficili sia complesso e articolato, ma quello che proprio non digerisco è che un traduttore non conosca l'italiano! No, no e ancora no!
    Posso perdonare anche le ripetizioni se sono conseguenza del rispettare il testo originale (i sinonimi temo siano una prerogativa della lingua italiana)...
    MA... errori grammaticali, sintattici, verbali o di consecutio temporum non si possono leggere!!! Rovinano qualsiasi cosa!

    RispondiElimina
  4. Subliminale? A me è sembrato lampante, Boss. Ora capisco perché faccio tanta fatica ad accostarmi all'erotico, da un po' di tempo in qua: tagliano tutte le parti dedicate alla storia, o quasi, e lasciano solo le pagine di tromb-tromb, anche mal descritte. Ma cosa pensano di fare? Prima ci trattavano da svanite, ora da maniache....

    RispondiElimina
  5. è un limite del romanzo erotico.... gli editori nel far tradurre e tagliare non si sentono affatto in imbarazzo lasciando quasi solo quelle parti che classificano il libro entro quel target...pensano" avete comprato un romanzo erotico... ecco c'è tutta la ginnastica che volete e io risparmio in impaginazione" se poi la storia è senza senso sensa logica senza costrutto chi se ne frega.... Già la leigh mi è indigesta di suo ma tradotta male e tagliata è illeggibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, lo posso anche capire, ma possibile che dopo, alla resa dei conti, non diventi un boomerang questo modo di fare? Se vendono storie tagliate e senza senso, le lettrici poi evitano di ricomprare.... Alla fine, ci vanno a perdere, o no?

      Elimina
  6. Ma... povera Lora, a me piace tanto...

    RispondiElimina
  7. Anche a me piace tanto la Leigh, ma a dire il vero la novella autotradotta mi è piaciuta molto di più... un perchè ci dovrà pur essere....

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…