Passa ai contenuti principali

Con il cuore in mano...



Un S. Valentino alternativo...
 Direttamente dalla scrivania di Lullibi


Avevo pensato di scrivere un bel post, con la storia di San Valentino, gli eventi, i luoghi romantici. Poi, ho cambiato idea e, visto che siamo un blog di letture rosa, volevo scrivere di protagonisti machi e romantici. Puff... tutto è sparito, anzi non è neppure iniziato.

Sarà che sono una vecchia befana single, ma la Festa di S. Valentino, con tutti i suoi simboli, il regalino, la cena a lume di candela e la serata speciale (leggi sesso selvaggio), non mi ispira più nulla. Passato il tempo in cui mi emozionavo per questa giornata.

Guardo indietro alla giovane L. e provo tanta tenerezza al ricordo del batticuore che aveva nell’attesa del ragazzo (chi era era, tanto ero innamorata dell’amore...), del tempo impiegato per vestirsi e truccarsi per essere perfetta (mai riuscita nell’intento).

Ma era bello quel tempo: dei forti sentimenti, intense passioni e grandi speranze. Felicità al settimo cielo e dolori intensi. Cuore esaltato e poi spezzato. Esagerazione era il termine. Ma quanta vita!

E il culmine era questa giornata, questa Festa così commerciale, ma cosa importava? In fondo era il simbolo dell’unica cosa importante: l’amore.

Ora lo vedo in maniera diversa, l’amore. L’amore è il tempo trascorso insieme, i brutti e i bei momenti, la pazienza e la sopportazione, il sostegno reciproco, la voglia di continuare a stare insieme malgrado le difficoltà e i difetti. L’amore è vedere la bellezza nel volto dell’altro anche dopo trenta o quaranta anni. L’amore è tornare a casa e aver sentito la mancanza. L’amore è sapere di non poter vivere, di non essere completi senza l’altro.

L’amore è capirsi senza parlare. Oppure non capire nulla, tanto non importa, l’importante è sentire.

L’amore è rispetto, mantenere le promesse. E’ impegno. L’amore è tanta, tanta fatica, ma anche immensa felicità.

L’amore è tutti i giorni, non solo il 14 febbraio.
P.s. da Juneross
Emmmm...pensavo che la bloggerina fosse solo un po' giu' di morale, invece la Lullibi ce l'ha proprio addosso sta reticenza per Cupido! Guardate un po' cosa ci aveva scritto l'anno scorso : LINK 


P.s. del P.S.
Scusate, avevo scordato che anche Pippo, l'attuale compagno di Lullibi, e' allergico a Cupido!




Commenti

  1. Lullibi sentimentale? Non ci siamo abituate! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assecondiamola, Elena, come si suol dire...i pazzi si assecondano!

      Elimina
  2. si... è proprio come dici tu lullabi.... ed è bello viverlo <3

    RispondiElimina
  3. grazie Ross è bello veder riconosciuti i propri meriti...

    RispondiElimina
  4. ... e poi, scusa, ma un inno all'amore più inno di questo dove lo trovi???

    RispondiElimina
  5. Concordo con Lullina, tutti i giorni è S.Valentino. Perchè aspettare solo il 14 febbraio per dimostrare il proprio amore? Sono i piccoli gesti di tutti i giorni che consolidano un rapporto, di sicuro un regalo fatto solo perchè è stabilito da una data sul calendario non penso valga più del valore economico del suddetto.
    Sono pessima, lo so :)
    Un affettuoso abbraccio
    LidiaS

    RispondiElimina
  6. Aahhhh, la Lullibi vera, quella sotto la scorza dura del pessimismo cosmico! Perché lei è così, come un torroncino, spaccadenti all'apparenza, ma morbida morbida dentro.
    E che bell'inno all'amore che hai scritto, Lulli cara, proprio sentito, e mostra quanto hai vissuto l'amore quello vero: che non è quello dei lucchetti e dei baci perugina, ma l'Amore con la maiuscola, quello che viene dal cuore e ti fa vivere con il tuo Lui proprio come se finalmente, dopo tanto cercare, si fosse incocciata la propria mezza mela....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torroncino... non me lo aveva detto mai nessuno...

      Elimina
    2. O, magari, un amaretto ben friabile :)

      Elimina
  7. Cassandra Rocca14 febbraio 2014 13:26

    Tenerezza... <3
    Io non sono una fan di San Valentino, anche se "accoppiata" non lo festeggio mai, e sono d'accordo che l'amore andrebbe dimostrato tutto l'anno. Certo una festicciola come quelle dei libri, con lo stesso entusiasmo, non sarebbe male...
    Comunque auguri a tutte!

    RispondiElimina
  8. Ah beh la Lulli è saggia... si sa!

    RispondiElimina
  9. San Valentino, soprattutto all'estero, non è solo la festa degli innamorati in senso stretto ma anche quella degli amici del cuore così, in questa ottica, care le mie bloggerine, torroncine, cioccolatine e chi più ne ha più ne metta, vi mando un grande augurio per il lavoro che fate e perchè, anche se con punti di vista diversi, tutte portate avanti la bandiera del positivo e dell'amore. <3 <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…