Passa ai contenuti principali

Rischio letale di Pamela Clare

Ma guarda un po' che sorpresa! Ben due recensioni per la Pamela Clare. 
Le abbiamo postate entrambe e nello stesso post, perche'...beh leggete e poi fateci sapere!
Non c'e' che dire, a volte e' meglio mollare i libri e divertirsi solo a leggerne le recensioni!

TRAMA: 

Sono passati anni da quando il padre di suo figlio l’ha scaricata e da allora Kara McMillan ha tenuto gli uomini a distanza di sicurezza – sebbene ogni giorno aneli sempre di più il tocco di un amante. Ma per avere ciò, la giornalista incallita si renderebbe vulnerabile – una sensazione che ha giurato a se stessa di non provare più. Con il suo pericoloso bell’aspetto, fascino e potere il senatore Reece Sheridan potrebbe praticamente avere ogni donna su cui si posino i suoi occhi penetranti. Ma è attirato soltanto da una. Questa Kara, questa coraggiosa reporter investigativa, ha una sensualità che lo eccita senza limiti. Se lei è una testa calda nell’editoria, deve essere almeno altrettanto impetuosa fra le lenzuola. Ma questa non è un’avventura. Un improvviso scandalo politico – e un attentato alla vita di Kara- potrebbero benissimo separarli. O forse, solo forse, le difficoltà potrebbero spingerli verso un legame persino più intenso dei loro bollenti amplessi. 


 Direttamente dalla scrivania di Eleonora

Vi capita mai di leggere un romanzo, ultimandone la lettura e di non essere in grado di dire bello o brutto?
A me raramente, ma con il romanzo "Rischio letale" di Pamela Clare si!
Allora, non posso dire che  è bello perchè la noia mi ha mangiata viva...ma in effetti non posso manco decapitarlo o trovare un difetto consistente...!
La trama è graziosa, i protagonisti sono ben tratteggiati e lo stile narrativo è tipico dell'autrice (che ho adorato in altri suoi romanzi!).
Ma...che noia, donzelle!
All'inizio parte tutto un pepe: battute salaci, situazioni comiche, sensualità in abbondanza.
Poi, succede che si ferma il tutto: parte una storia che da subito si definisce (anche se manca il sospirato "ti amo"); c'è dietro un giallo preso quasi interamente dal caso del film "Erin Brockhovich" (avete presente quello di Julia Roberts?), e alla fine trionfano i buoni!
Posso usare una licenza poetica?!
E che palle!!!!!
Voi lo avete letto? Io ho fatto salti enormi...può essere che mi sono persa qualcosa?

P.S.Dopo aver letto anche questo romanzo, mi sorge una domanda:ma sono soltanto io che non ho vibratori nascosti in casa? 
Eleonora
 

Direttamente dalla scrivania di Libera
 

Per una lettrice come me, che prima di leggere romance era molto appassionata di gialli, questo periodo d'oro del Romantic suspense in Italia è una vera manna.
Ci sono tanti bei titoli, dalle trame molto adrenaliniche e pieni di passione, non solo sensuale, che ammiccano da scaffali di librerie ed edicole.
Pamela Clare la conoscevo già, ma solo come autrice di storici, è stata quindi una piacevole conferma, piuttosto che una scoperta.
Non ci sono poliziotti aitanti o SEAL ad alto tasso testosteronico, ma il protagonista di questo romanzo fa sognare lo stesso: uomo politico affascinante, brillante nella tattica sia quando deve conquistare i colleghi che convincere la bella protagonista a dargli una possibilità. Protettivo ogni dire e sicuro di sé e della propria integrità. Quando si dice un uomo da amare (sa anche cucinare, quindi pare un buon candidato al matrimonio).
Lei invece è una reporter d'assalto, che cura indagini dal forte impatto abientale, capace di scavare e ricordare migliaia di informazioni e collegarle tra loro per incastrare... eh beh mica volete sapere il finale?!
Debbo dire che ho trovato il romanzo molto più romantic che suspense, anche se le parti thriller ci sono e il mistero si svela soltanto verso la fine, però forse lo svolgimento non è proprio fluido e naturale. L'inizio è abbastanza lento e alcune forzature (per allungare il brodo o accrescere la suspense) invece di avvincere rompono il feeling lettore-storia.
Lo consiglio comunque a tutte coloro che amano il genere, ma che si sanno accontentare di una "tosta" giornalista investigativa, al posto di combattenti e poliziotti ALFA.

Libera



Commenti

  1. Cosa pensare ora di questo romanzo? Dura da dire.... Le due recensioni sono entrambe convincenti e ben argomentate; l'unica sarebbe leggere il libro, ma non mi attira molto. Mi piacciono i suspence, meglio ancora se tra i protagonisti c'è tensione erotica, ma gli uomini politici mi suscitano ben altro che pruriginosi pensieri, checchè ne dica la Clare. E poi, non ho amato affatto Erin Brokovich, quindi....

    RispondiElimina
  2. Uff... non sono riuscita ad andare più in là delle prime pagine. C'è qualcosa nello stile che mi intoppa. Mi stavo annoiando già all'inizio e se do retta a Eleonora...

    RispondiElimina
  3. Cassandra Rocca12 febbraio 2014 14:56

    Non l'ho ancora letto e ora non so che fare... Mi sa che aspetta la lunga fila. Però volevo dire a Eleonora: no, non sei sola! :D

    RispondiElimina
  4. sarà che son un'estimatrice dei Romantic suspense ma a me è piaciuto molto.... Bella scrittura Bella la storia d'amore, convengo che la trama suspence non sia originalissima ma dopo tanti suspense dove ci sono supereroi e sesso alla "famolo strano", questo è stato una ventata di aria fresca

    RispondiElimina
  5. Ho letto questo romanzo in lingua originale e non l'ho trovato noioso; non è che avranno tradotto male o tagliato dei pezzi?
    Isa

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…