Un omaggio alle 'ragazze' de La vie en Rose!





Ragazzeee... mi chatta la Masella e mi chiede (ma dico io che me lo chiede a fare...) se gradisco un raccontino in onore de LA VIE EN ROSE. Le ho risposto: No no tientelo per te!!!

Seeeeeeee, mica sono matta! Stiamo parlando della Prof Masella, la brava, simpatica e brillante Maria MASELLA (non parliamo certo di bruscolini).
L'ho arraffato al volo, casomai me lo avesse voluto soffiare la BefRoss. Sì... ok... è una delle tre organizzatrici dell'evento ha il diritto di prelazione su tutto, ma questo racconto sembra scritto apposta per me! Uff... è vero che non amo le scarpe con il tacco alto e lei sì... ma le altre caratteristiche le ho tutte, eccheccaspita! Oddio, devo correre a farmi la tinta nera! Maremma ingrigita...
Lullibi 
 
Pussa via, ma hai proprio la faccia tosta, sai? Porti mica tacchi numero 15, te? Allora nel racconto tu non ci sei! Ma adesso che ci penso, nemmeno io arrivo a indossare un tacco 15, al massimo protrei arrivare ad un 10. Ma allora? Chi e' la "pupa" che ha ispirato la Masella?

Juneross

Care amiche,
Questo racconto e' un omaggio che Maria Masella ha voluto fare a La vie en Rose. Non potete nemmeno immaginare come ci ha commosso. Lo spirito della Ver e' tutto qui, in queste poche righe. 
Grazie Maria Masella




TUTTO PUO' ACCADERE
di Maria Masella

Firenze, venerdì 25 marzo 2011
Non avevo trovato posto nel solito albergo, il Baglioni, soltanto perché la nuova segretaria aveva dimenticato di provvedere alla prenotazione. “Le ho fissato una camera al Boscolo. E’ vicino!”
Come se non lo sapessi. Vado a Firenze da anni e di frequente per effettuare controlli sulle misure di sicurezza dei musei: il giro nell’ultima settimana di marzo è abituale.
E’ l’ultima sera e mi sto dicendo che il Boscolo non è stato male, quando cambio idea. Troppe donne hanno colonizzato l’albergo: ragazzine e attempate signore, bionde e brune, magre e formose!
Non ho nulla contro le donne, tutt’altro. Mi piacciono, ma in dosi ragionevoli, non così tante tutte insieme.
Parlano, ridono, scattano foto, girano video. Si abbracciano, si baciano. Nonostante gli abiti siano diversi, molte indossano qualcosa di rosa.
Per fortuna fra un’ora al massimo lascerò l’albergo.
Sto guardando l’orologio quando la vedo. Un viso sorridente, una brunetta di quelle che nessuno riesce a tener ferme. Fossette.
Faccio un passo verso di lei che è al centro di un gruppo molto allegro, incongruo fra quelle antiche mura. E l’impiegata mi chiama per avvisarmi che le ricevute sono pronte.
Quando mi giro lei non c’è più.

Un gran bell’uomo, solo soletto al banco della reception… Chiaramente confuso e spaesato. Continua a guardare l’orologio, Rolex acciaio. Lo riguardo bene, ma le amiche mi bloccano la visuale.
Finalmente riesco a vederlo in viso, soltanto il tempo di apprezzare lo spettacolo, perché di nuovo un’amica si mette in mezzo.
Peccato…


Firenze, venerdì 23 marzo 2012
E’ strano ma ho continuato a rivedere quel visetto ridente. Nei momenti più impensati, mentre ero con donne molto più chic, forse più sexy.
Invece del solito Baglioni, dove avevo già pernottato tre volte dalla primavera precedente, scendo al Boscolo.
Sono gli stessi giorni, chissà… Forse lei aveva partecipato a una specie di congresso, spesso si scelgono per anni le medesime location.
Se è destino la rivedrò.
Niente. Soltanto femmine in rosa! Lei no!
Sono già nel taxi che mi porterà all’aeroporto, in ritardo perché mi sono trattenuto il più possibile scrutando la marea di femmine in rosa. Tante, ma non lei.
La vedo. Sta correndo in via del Giglio, ridendo e brandendo una scarpa: “Arrivo! Mi si è rotto un tacco, eccomi!”
Ordino al tassista di fermarsi e aspettarmi. Scendo di corsa, lasciando anche la borsa con il portatile da cui non mi separo mai, ma appena entrato al Boscolo scopro di averla persa un’altra volta.

Dannazione alle scarpe con tacco quindici! Comprate per sembrare meno tappetta. Niente di meno adatto al selciato fiorentino. Ho corso perché ero in ritardo… E perché speravo di rivederlo, anzi di vederlo, perché l’anno prima era stato una specie di lampo.
E quando lo vedo? Anzi dove? Riflesso in uno dei tanti specchi della Hall del Boscolo. Il tempo di girarmi e subito un’amica, averne tante può essere un guaio, comincia ad abbracciarmi.
Quando riesco a liberarmi dall’affettuosa stretta, lui non c’è più.
Non fossi una signora, imprecherei.

Firenze, venerdì 22 marzo 2013
Sono sceso al Baglioni, irritato con me stesso per quella donna che continua a infiltrarsi nei miei pensieri. Lei ha qualcosa di speciale? No. Sì, la gioia di vivere.
Al Baglioni si sta molto meglio! Però cedo e faccio una scappata al Boscolo. Niente donne, solo un congresso medico… Sentendomi anche un po’ stupido chiedo all’impiegata come mai non ci sono tutte le signore degli anni precedenti, quelle con sciarpe e fiocchi rosa…
“Le ragazze di La Vie en rose? Loro la chiamano La Ver, quest’anno sono venute prima.”
“Cosa sarebbe questa Ver?”
“Sono lettrici e scrittrici di romance”, mi guarda e parla chiaro: “Romanzi rosa. Arrivano da tutta Italia.”
“Ah, sì!” e dopo aver ringraziato esco.

Le organizzatrici hanno deciso di ritornare a Firenze ma anticipando di una settimana.
Nessuna speranza di rivedere l’uomo misterioso.


Reggio Emilia, sabato 29 marzo 2014
Ieri ero a Firenze per i soliti controlli, avevo alloggiato al Baglioni. Evitando di passare da via del Giglio a costo di fare un lungo giro.
Devo smettere di pensarla, non sono un ragazzino! Non è ragionevole che un uomo di trentaquattro anni continui a ripensare a una donna vista al massimo per tre minuti.
Cosa so di lei? O legge o scrive romance. Ha un bel sorriso. Ride volentieri. Sa prendere sportivamente anche l’imprevisto di un tacco rotto. Ha una bella voce.
Poco, pochissimo.
E ora Reggio Emilia, a lavorare anche nel week-end per un controllo urgente al museo Parmeggiani.
La segretaria mi ha prenotato una camera all’Hotel della Posta, sapendo che prediligo gli alberghi storici.
Appena arrivato a Reggio sono andato direttamente al Museo, trattenendomi tutto il giorno; soltanto alle sette sono entrato in albergo.
Donne… donne…
Sto per uscire di corsa, sicuro che le mie ossessioni abbiano preso corpo, quando me la trovo di fronte.

Gli uomini mi piacciono, quelli attraenti ancora di più. Perché si sappia, non sempre il mio interesse è ricambiato. Qualche volta sì, almeno non mi deprimo; ma non troppo, mi monterei la testa.
Ma mai uno mi ha guardato come questo mi sta guardando! Neppure fossi una diva o un gran spettacolo di donna.
E’ lui a essere uno spettacolo d’uomo. Ed è quello del 2011 al Boscolo. Anche del 2012, stesso posto.
Qui, se non lo acchiappo io, arriva qualcuna a prenderselo. Gli vado incontro, scansando amiche varie, e gli porgo il mio smart: “Mi fai una foto?”
Devo aver fatto un passo falso. Lo vedo guardarsi attorno, forse crede che abbia parlato a un altro.
Se non fossi una signora imprecherei! Una volta che è una che mi capita un alpha super alpha mega alpha…
Ho voglia di urlare.
Eccolo, ha afferrato, ma proprio afferrato un’impiegata e la sta portando verso di me; nonostante l’aspetto signorile ha del brusco, come piace a me. Ora cosa farà?
“Può farci una foto insieme?”
Mi viene accanto, mi prende per la vita. Accosta il viso al mio. “Ora non mi scappi più.”

Con la coda dell’occhio vedo le pupe della Ver a occhi sgranati. Poi, mentre mi bacia, non bado più a niente. Se penso che non volevo venire dopo la delusione dell’anno scorso…

16 commenti:

  1. Racconto carinissimo, fresco e frizzante come una bella mattina marzolina.
    Complimenti alla Sig.ra Masella per la consueta verve ed in bocca al lupo per l'iniziativa di quest'anno.

    RispondiElimina
  2. Troppo divertente, romantico e pieno di speranza (forse ce l'ho anche io una possibilità... sempre che il mio "lui" quello stesso periodo non sia stato spedito in Cina).
    Grazie Maria per avermi riportato a quel primo anno a La Vie en Rose

    RispondiElimina
  3. Da urlo! Carissima signora Masella, questo si chiama davvero entrare nello spirito della VER! Grazie per averci regalato questo racconto, chissà che qualcuna quest'anno non metta in pratica il suggerimento.... :)

    RispondiElimina
  4. Racconto carinissimo ma.. no, adesso Marri ma fai i nomi! Chi sono questi due? E perché io uno così al bancone del Boscolo non l'ho mai visto? Sì, vabbè ci sarebbe quel baratro dell'età... ma perché, Demi Moore i boy-toy sì e noi no?
    Un saluto a tutte le ragazze della ver. E anche questa fortunella tacco 15, va'.
    Roberta Ciuffi

    RispondiElimina
  5. Cia a tutte. Marri, sono d'accordo con Roberta, fuori i nomi! Comunque attacco di nostalgia da nodo in gola... la cura naturalmente è a portata di mano perchè tra poche settimane ci rivedremo a Reggio Emilia. (Tacchi con tacco 15? Mi viene mal di schiena solo a immaginarmi su trampoli così ^_^)

    RispondiElimina
  6. Scusate, ma la damigella tacco 15 aveva un paio di ciabatte in borsetta? Perché, in quel caso, mi candido anch'io!

    RispondiElimina
  7. Grande Prof! C'è proprio tutto in poche righe, che altro dire...
    una sua ammiratrice :)
    (senza tacco 15)

    RispondiElimina
  8. chi è lei? mettiti allo specchio, ripensa a firenze, sorridi: quella che vedi sei tu! Bionda a bruna, un'acciuga o formosetta, ballerine o tacco quindici: quisquiglie. Quello che conta è il sorriso.
    chi è lui? per saperlo si prenota per reggio emilia.
    grazie dell'ospitalità.
    marri laproffa maria masella (a scelta)

    RispondiElimina
  9. Racconto delizioso Marri! Non so chi sia la brunetta, ma di sicuro io ero quella che abbracciava! Non ho mai abbracciato tanto come alla VER!

    RispondiElimina
  10. Mi firmo: Ornella Albanese :) !

    RispondiElimina
  11. Ma che bello!! Mi è piaciuto tanto tanto! Se vedete uno così, gli dite che son rimasta a Genova e lo indirizzate a casa mia? Maria sa dove abito! ;)
    Cassie

    RispondiElimina
  12. Racconto carinissimo, un sogno che tutte le donne vorrebbero vivere......ovviamente con le ballerine in borsetta, per rianimare il "piedino" dal tacco 15!
    Baci a tutte
    Mel

    RispondiElimina
  13. com'è che il racconto è allegro e io mi ritrovo con le lacrime agli occhi? in poche righe c'è tutta la gioia di essere presenti alla VER , di poter condividere un pezzo di cuore con sconosciute che anno dopo anno, mail dopo mail, libro dopo libro sono diventate delle amiche.
    Grazie per aver saputo ricreare questa atmosfera!!
    Antotonon

    RispondiElimina
  14. Il racconto racchiude in se la bellezza della Ver,e la piccola grande magia delle storie che mi fanno sognare.Chi non vorrebbe essere lei la brunetta dal tacco altissimo,ma tornando alla realtà se fosse successo a me l'inconveniente col tacco,altro che prenderla con ironia,con la mia coordinazione sarei finita al traumatologico.. Complimenti a Maria Masella e grazie il racconto mi ha emozionata tanto.

    RispondiElimina
  15. Arrivo in ritardo a commentare ma... non possono mancare i miei complimenti! Cara proffa sei riuscita in poche righe a ricreare il "rosa" giusto per emozionare tutte le partecipanti alla VER e al mondo romance!
    Chiunque sia la brunetta dal sorriso conquistatore, sarà bellissimo riabbracciarvi tutte!
    (Ah no, io non posso essere, c'ero solo l'anno scorso!
    Ma davvero è stata una delusione? Io non riesco a immaginare perché...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente perfetto... Avrei voluto scriverla io, una cosa così! :)

      Mario

      Elimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!