Il doppio volto dell'amore di Lora Leigh


Catturato dai narcotrafficanti, drogato e torturato per diciotto mesi, il Navy Seal Nathan Malone viene finalmente ritrovato e riportato a casa. Ma le sue condizioni psichiche e fisiche sono tali che si rifiuta di far sapere alla moglie Sabella di essere vivo. Dopo cure, riabilitazioni e interventi chirurgici, Nathan assume una nuova identità: Noah Blake, membro di un team di combattenti letali. Qualche anno dopo, Sabella, che ancora piange la sua morte, si ritrova nel mirino di una banda di fanatici razzisti e Noah interviene per proteggerla. Riuscirà a tenere nascosto il proprio segreto quando il desiderio e la passione, risvegliati dal legame profondo che li univa, minacciano di consumarli?
Note:
IL DOPPIO VOLTO DELL’AMORE ( Wild Card ) è il primo romanzo della serie Elite Ops.
La serie proseguirà con “Maverick”, “Heat Seeker”, “Black Jack”, “Renegade” e “Live Wire”, di prossima pubblicazione.


Direttamente dalla scrivania di Lullibi e anche quella di JuneRoss

WOW!WOWOWOWOW!
Ahuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu (lamento della lupa in calore).

Cosa non mi scatena la Lora Leigh! I suoi maschi sono eccezionali, ma anche la protagonista qui non scherza.

Ne “Il doppio volto dell’amore” ritroviamo Nathan Malone, il Seal dato per morto nel libri della serie del “Team Durango”. Il Team riesce a rintracciarlo, massacrato dalle torture e dalla droga dello stupro, inflittegli dal Cartello colombiano di Diego Fuentes.
E' una storia intrisa di ritorni e scoperte, il ritorno dall’inferno per Nathan, il ritorno alla vita per Sabella non appena Noah entra nella sua, la scoperta della forza dentro se stessi e nel coniuge.
Nathan e Sabella, sono stati marito e moglie solo per due felici anni, eppure hanno celato i reciproci lati oscuri.
Questa seconda occasione li porterà alla luce, e saranno proprio i lati oscuri a completarli di nuovo.
E’ un libro zeppo di scene di sesso che la fanno da padrone, ma quello che mi ha intrigato è la disperazione dei personaggi e il rapporto esclusivo tra i protagonisti. Ecco cosa mi attrae nei libri di Lora Leigh, questi maschioni, massicci e inc…ti, ma fedeli, possessivi e impositivi che (diavolo!) neppure la droga riesce a soggiogare, tantomeno a imporre loro di tradire la propria donna!
Lora Leigh non mi delude mai, almeno finora.


E non ci posso credereeeee! Un libro che finalmente mette d'accordo me e Lullibi. MIRAAAACOOOOLOOO!
Io, e non mi vergogno a dirlo, ho pianto dal prologo. La tenerezza del nonno di Nath e poi la disperazione di sua moglie, mi hanno commosso tanto. Maledetti ormoni, mai leggere un libro quando si è in "quel certo" periodo del mese.
A parte gli scherzi, ho particolarmente apprezzato il modo in cui la Leigh ha affrontato il percorso psicologico di entrambi i protagonisti. Un percorso difficile, di rinascita e tutte le altre belle cose che ha già detto la Lullibi. Ma forse, tutto questo è stato reso possibile grazie a una buona traduzione. Si, perché con questo romanzo, la lettura scorre fluida, veloce, senza troppi orrori di traduzioni. Ricordate? Negli altri post sulla Leigh contestavamo duramente la cattiva traduzione! LINK



Ma… e che diamine! Ogni volta devo ripetermi!
Caro signor Giuliano Acunzoli, traduttore, sì, dico a lei, proprio a lei, me lo può spiegare il motivo dell’utilizzo RIPETUTO di determinati termini?

“Appetito”!!! E bastaaa!!! Fame, fame, fame e fame! Questi si baciano fino a ingoiarsi, si mordono, si graffiano, vorrebbero fagocitare persino le reciproche parti intime e la traduzione mi parla di “appetito??? Non siamo mica in un romanzo della Mary Balogh!!! A me l’appetito fa venire in mente il tè delle cinque!
Sorvolerò sui dialoghi… ma si può usare “ciuccia”??? Ma ‘ndo’ stamo???
“Deliziarla” Santa Miseria, ‘sto traduttore è proprio affezionato a questi termini e non vuole mollarli!

Appetito: fame, voglia, brama, impulso, desiderio. Ciuccia: succhia. Nei sinonimi di succhiare trovo anche “suggere”, ma “suggilo” fa ridere ancor di più!
Deliziarla, deliziarlo: mah… sollazzarla/o, forse sarebbe meglio usare dei giri di parole?

Aiuto, perché, perché l’uso di questi termini mi deve rovinare il piacere di una lettura che mi prende e trasporta in un altro luogo? Non sono molti i libri che riescono, attualmente, a farlo, per favore, signori traduttori e signore traduttrici, pensate alle lettrici e al loro desiderio di evasione. Non interrompete il loro volo di fantasia, sbattendole di nuovo sulla terra con un solo, misero, ridicolo termine.
Se volessi ridere mi leggerei la Littizzetto! 


E non ci posso credeeereeee! Io lo sapevo!! Ma come io dico che è stata fatta una buona traduzione e lei, lei si mette a contestare che ha fame, sete, che fagocita, succhia, ciuccia e compagnia cantando?
Lillabi, rilassati tesoro, e goditi la lettura, stavolta tanto di cappello al traduttore e speriamo che il signor Biancolino non ci faccia aspettare troppo per il prossimo romanzo della serie!!


20 commenti:

  1. Io andrò domani a comprare il libro ma non ho resistito a non leggere la vostra recensione. Sono d'accordo già con voi, comprese le 'osservazioni' di Lillabi che mi hanno fatta morir dal ridere. Complimenti ragazze. Saluti. Rachele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rachele,
      ora sono proprio curiosa se dopo la tua lettura concorderai ancora la Lullibi, Lallubi, Lulliba :) Mi raccomandoooo, tienici aggiornate!!
      Viva i Navy Seal!

      Elimina
    2. Ecco, la malefica Ross fa scuola! Mi predi in giro anche tu! Mi chiamo Lullibi.
      Va be', aspettiamo il tuo parere Rachele

      Elimina
  2. Come, Lullibi, vuoi dire che qui non si fagocita nè tantomeno si munge? Oibò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucilla pero' pensaci a come viene posto il verbo mungere in questo frangente, che verbo avresti usato tu?

      Elimina
  3. Ah, allora c'è? Non ho ancora letto il libro.... Sinonimo di mungere in contesto erotico? ..Mumble.... Risucchiare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah? io in questo contesto mungere ce lo vedo bene, perche' mi da l'idea dei muscoli che si contraggono :) almeno sta tizia a parere di Noah ha dei muscoli portentosi!!! Ah beati i 25 anni !

      Elimina
    2. basta che non l'hanno ripetuto ogni due righe, che mi viene l'ortticaria, a volte è l'unico verbo che rende l'idea...

      Elimina
  4. Ma. A noi comuni mortali non capita mai nulla di così emozionante? Sette segrete, narcotrafficanti, maschioni dai muscoli ipertrofici.... Mi accontenterei di trovare qualche cadavere, tipo signora in giallo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sei mattaaa? che schifoooo!!!!

      Elimina
    2. ma ti dirò... potendo scegliere preferirei trovare altro piuttosto che un cadavere!

      Elimina
  5. Era per dire.... Mai una botta di vita, ecco.

    RispondiElimina
  6. Dopo aver letto il libro posso parlare con cognizione di causa e dare ragione a ... entrambe!
    Bellissimo romanzo, ma il traduttore dovrebbe imparare a usare meglio le potenzialità della nostra lingua!

    RispondiElimina
  7. Ho letto questo romanzo in inglese e quindi non posso pronunciarmi sulla traduzione, ma lo consiglio a tutte le appassionate del genere suspense-erotico.
    Isa

    RispondiElimina
  8. ho appena finito di leggerlo,incuriosita dai vostri commenti,e,ragazze,il libro è senz'altro carino.....MA.......a parte che con più azione e meno scene erotiche poteva essere meglio.....la cosa che mi ha lasciata senza parole sono i termini orribili usati per descriverle...una più di tutte "la poppata",seguita da "mungere" ...aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa...orrenda!! è come se ti dessero una martellata in testa mentre stai sognando.......non so se l'autrice abbia scritto ste cose ,mi auguro di no ,ed è stato solo chi ha tradotto ad usare tali termini orribili davvero ....

    RispondiElimina
  9. Mary...scusate mi son scordata la firma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi mary , anche per te come per lullibi questi termini sono terribili? ma solo a me non hanno dato fastidio?

      Elimina
  10. anche a me non hanno dato fastidio e il libro l'ho divorato in un giorno e mezzo. Sarà che lo aspettavo da così tanto tempo, e poi una storia così struggente che sono passata sopra a tutte queste imperfezioni di traduzioni e mi sono goduta il libro, veramente bello bello, auguro buone letture a tutte, Vidyangel

    RispondiElimina
  11. L'uso di certi termini fa cadere le braccia. Meno male che la storia tiene, nonostante la traduzione non ottimale. Babette Brown

    RispondiElimina

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!