Passa ai contenuti principali

Il PdV di Maria Masella

Premessa di JuneRoss

La sesta edizione de La vie en Rose ha dato risalto al PdV, o per meglio dire il Punto di Vista. Durante tutta la manifestazione il PdV e' stato esaltato e anche si, un po' esasperato. Ma i risultati sono stati soddisfacenti, perche' i partecipanti in qualche modo hanno potuto parlare dal proprio PdV e confrontrarsi con quello degli altri. 
E detto questo, vediamo qual e' il PdV della nostra Prof Maria Masella.



Direttamente dalla scrivania di Maria Masella
Quest’anno ho partecipato a La Ver come lettrice perché non tanti come voi ma qualche romance lo leggo anch’io!
Ho ascoltato con molto interesse le vostre richieste, le ho ascoltate da scrittrice.
Le ho analizzate da matematico: niente di complicato, non temete, ho soltanto calcolato una banale intersezione fra quanto avete richiesto
(intersezione fra due insiemi=elementi comuni. Esempio: nell’insieme A ci sono tutte quelle con i capelli corti, nell’insieme B tutte quelle con
i capelli neri, quindi nell’intersezione avremo quelle con capelli neri corti: Lucy, eccetera)
Quale è l’intersezione fra le vostre richieste che sembrano così diverse, m/m sì, m/m no, storico sì, storico no, contemporaneo sì, contemporaneo no, fantasy?
Come scoprire l’acqua calda! Volete un buon romanzo in cui l’amore sia l’elemento centrale.
Si tratterà quindi di capire quando una successione di eventi, una manciata di personaggi, un po’ di fondali danno vita a un romanzo.
E quando questo romanzo è buono.
E cosa vuol dire che “l’amore sia l’elemento   centrale”?
Vi scoccio ancora un po’ e vi elenco alcune opinioni personali:


1) scrittura chiara e corretta, ma non anonima e scolastica. Sembra ovvio ma capita di leggere temini… Anche scorretti.
2) coerenza della storia, esempio: i protagonisti non possono correre per 400 pagine per risolvere un problema e, all’ultima pagina, lasciare il problema irrisolto. In termine tecnico si chiama: rispettare il tema.
Superato questo scoglio le pagine scritte diventano un romanzo.
3) tutto (personaggi, ambientazione, scene) deve essere adeguato al tema prescelto che deve essere chiaro.
A questo punto il romanzo può diventare un buon romanzo.
4) la centralità dell’amore? E’ il punto più semplice. Due persone si innamorano. E’ il punto più difficile perché non tutti gli amori sono uguali, bisogna rendere questo amore eccezionale ma credibile, contrastato ma con lieto fine, lieto fine non “appiccicato” ma che si evolva nella storia.



Commenti

  1. Più che un PDV, un vero e proprio prontuario per aspiranti scrittrici.... Ovviamente scherzo, ma questo della nostra Professoressa è un punto di vista inedito e interessante: quanti romanzi sciapi leggiamo? Quanti "compitini" senza sugo, quante scorrettezze e quanti errori? A riprova del fatto che scrivere un buon romanzo, d'amore e non, può non essere affatto semplice! Grazie per il PDV, sono stata tanto felice di rivederci.

    RispondiElimina
  2. Prof. ho preso appunti. Come te ho una preparazione scientifica, pertanto la tua equazione è stata chiarissima! Spero anche di riuscire a metterla in pratica, perché tra il dire e il fare, in questo caso, c'è un oceano! Inoltre, confermo che anche a me la VER ha dato la stessa impressione. Le lettrici (tra cui la sottoscritta) sono stanche di leggere romanzi banalotti e senza sentimento.

    RispondiElimina
  3. Cara Profa Masella,
    in un sunto un Evento! Cosa vogliono le lettrici? AMORE!!! Amore in tutte le salse, amore romantico, esasperato, passionale, etero, omo, lesbo, paranormale, fantasy. Fate come ve pare ma datece l'ammmoreeee!!!!
    P.S. Potresti spiegarmi di nuovo l'affare delle intersezioni, che non ho capito?
    PP.SS. Che rabbia! Quest'anno nemmeno un foto con la mia Profa preferita... tutta colpa della Ross!!!

    RispondiElimina
  4. Grande intervento della Proffa Masella, brava a sintetizzare da matematico esperto!
    Lucì la questione delle intersezioni te la spiego io in privato!

    Giusy mi raccomando, tu che so quanto sei brava a mettere a frutto i consigli della Masella,scrivi!!!

    RispondiElimina
  5. La Profa sa quello che dice e colpisce nel segno!

    RispondiElimina

Posta un commento

Non dimenticate di firmare i vs commenti e di spuntare il pallino ANONIMO se non avete un account google.
I vostri commenti non sono moderati,ma nel caso fossero ritenuti offensivi, potrebbero essere cancellati anche dopo la pubblicazione. Confidiamo nella vostra educazione :)

Grazie, la vostra opinione e' preziosa!

Post popolari in questo blog

DEANNA RAYBOURN

....
Ogni storia che viene narrata
Ha dietro una persona che l’ha creata:
Nella mente un pensiero le è nato
E amore e mistero ha amalgamato.
Così Deanna Raybourn ci ha raccontato
Cosa ha veramente pensato
Dando vita al racconto citato…
....
il cantastorie





Sylvia Z. Summers intervista per il blog: DEANNA RAYBOURN

Ciao Deanna, posso solo iniziare dicendo che sono molto molto orgogliosa di intervistare un’autrice come te. Ho appena finito di leggere “Silenzi e Segreti” (Harlequin Mondadori, “Grandi Romanzi Storici Special”), e l’ho trovato una lettura molto affascinante, con un intreccio poderoso e un’ambientazione suggestiva – una tenuta di campagna in un’antica abbazia, niente meno! E mi ha ricordato i vecchi romanzi gotici con così tanto mistero ed elementi soprannaturali.

Hi, Deanna, I can only start saying that I’m very very proud to interview an author like you. I’ve just finished reading “Silent in the Sanctuary”, and I’ve found it very intriguing, with a ponderous plot and a suggestive setti…

Delly....

Direttamente dalla scrivania di Artemis:

Eccomi di nuovo ragazze a parlarvi di un argomento a me caro. A dire il vero ho qualche problema a farlo, mi sento stranamente emozionata.
La nostra grande ospite, Ross, me ne ha dato incarico qualche ora fa ed io, da allora, non faccio che pensarci.
Il motivo di questa mia sensazione non saprei individuarlo, è una sensazione strana e indefinibile. Forse è collegata con l’ammirazione che provo per tutto ciò che si nasconde dietro lo pseudonimo Delly.
Tutto ebbe inizio quando ero bambina e cominciai a leggere libri che non erano solo favole per bambini. Quando andavo a trovare mia zia mi soffermavo davanti ad una libreria che lei teneva nel soggiorno e lì leggevo i titoli dei libri esposti cercando l’ispirazione.
Fu così che un giorno sfiorai con le dita la costina di un Delly. Lo presi in prestito e iniziò così la mia conoscenza.
Non so quanto ci misi a leggerlo e non so neanche se il primo mi piacque. So però che quando leggo il nome Delly, quando…

Lo sceicco VS Il magnate greco

 Leggiamo insieme ( maggio 2012)

Avete fatto i compiti a casa? Avete letto i due libricini proposti per la lettura? Noooo? Ah, cattive bambine, non vi siete perse nulla!
La nostra amica Lucilla, ha deciso che sara' lei a malelinguare, pardon, a commentare le letture, pero' lasciatemelo dire, a me non sono dispiasciute! La storia del greco, si va beh assurda ed improbabile, ma mi ha rilassato ed...emozionato anche. Pero' oltre questo non avrei altro da aggiungere, perche' a parte suscitare delle emozioni personali, non ci sono spunti per imparare nulla. E per capire cosa intendo, basta che diate un'occhiata agli articoli che scrivo per la Romance Magazine. Avete letto quanti piccoli spunti abbiamo in un romance storico? Moda, usanze, cibi... ci si riesce a riempire le pagine di una rivista.
Per chi non conoscesse la Romance Magazine, puo'  trovarla qui: -Link - .



Vi lascio alla Malelingua di donna Lucilla, aspettando anche i vostri commenti. Ah solo una cosa:&qu…